69,3 milioni di dollari per l'opera di arte digitale di Beeple

«Everyday: The First 5000 Days» è la terza opera più costosa di un artista vivente venduta all'asta

Beeple «Everyday: The First 5000 Days» (particolare)
Kabir Jhala |

Grazie a una raffica di offerte strabilianti che hanno quasi fatto collassare il sito web di Christie's, l'opera digitale di Beeple «Everyday: The First 5000 Days» (2021) è stata venduta ieri, 11 marzo, per l'incredibile cifra di 69,3 milioni di dollari. Ora è sia l'opera d'arte NFT (Non-Fungible Token) più costosa sia la prima opera d'arte NFT indipendente ad essere venduta da una casa d'aste.

Passando dalla sua offerta iniziale di soli 100 dollari il 25 febbraio a 13,25 milioni di dollari la notte del 10 marzo, l'opera aveva raggiunto i 15 milioni la mattina seguente. Ma negli ultimi 15 minuti, le cifre sono salite alle stelle, facendo balzare il prezzo di oltre 40 milioni, con diverse offerte individuali che arrivavano a rilanci di 10 milioni e 15 milioni, fino a raggiungere l'aggiudicazione.

È stata anche la prima volta che Christie's ha accettato criptovaluta come pagamento, consentendo di fare offerte in Ether tramite un trasferimento di portafoglio digitale. Il premio dell'acquirente, tuttavia, non può essere pagato in criptovaluta, il che significa che Christie's guadagnerà oltre 9 milioni di dollari in denaro reale.

Le 353 offerte sono pervenute da 33 offerenti, il 58% dei quali sono Millennial (nati tra il 1981-1996), con la Gen X (1965-1980) che rappresenta un altro 33%. In netto contrasto per una vendita con un prezzo così alto, solo il 3% degli offerenti era rappresentato da Baby Boomers, la metà degli offerenti della Gen Z, che hanno meno di 25 anni.

La vendita arriva solo due settimane dopo che Beeple ha registrato il precedente record dell'asta d'arte NFT per un video di 10 secondi che è stato venduto per 6,6 milioni di dollari su Nifty Gateway. Su richiesta dell'artista, Christie's ha scelto di non riconoscere una stima consueta alla vendita, consentendo al mercato inesplorato di fare il suo corso.

«Il risultato di oggi è un giusto tributo alla significativa trasformazione digitale che ha avuto luogo da Christie's. Come la nostra attività si è evoluta, così ha fatto il modo in cui viene realizzata l'arte, ha dichiarato Noah Davis, lo specialista di arte contemporanea della casa d'aste. Il successo di Beeple è una testimonianza delle entusiasmanti possibilità che si prospettano per questo nascente mercato. Il risultato di oggi è un chiaro segnale a tutti gli artisti digitali. Il tuo lavoro ha valore. Continua a realizzarlo».

La rapida ascesa del trentanovenne Beeple, il cui vero nome è Mike Winkelmann, da grafico e illustratore di successo che ha creato immagini di concerti per artisti come Ariana Grande a uno dei nomi più costosi del mondo dell'arte, ha infranto molte idee circa le gerarchie di valore nel mercato dell'arte.
«Everyday: The First 5000 Days» è ora la terza opera più costosa di un artista vivente venduta all'asta, dietro a Jeff Koons e David Hockney, ma ben prima di «Abstraktes Bild (599)» (1986) di Gerhard Richter, battuta per 44,5 milioni di dollari da Sotheby's nel 2015. Il record d'asta di Beeple è ora anche superiore ai più famosi Old Masters, tra cui Raffaello e Tiziano.

«Gli artisti hanno utilizzato hardware e software per creare opere d'arte e distribuirle su Internet negli ultimi vent'anni, ma non c'è mai stato un modo reale per possederle e collezionarle, ha affermato Beeple. Con la NFT ora tutto è cambiato. Credo che stiamo assistendo all'inizio del prossimo capitolo nella storia dell'arte: l'arte digitale. Questo è un lavoro che ha in sé la stessa abilità, lo stesso messaggio, le stesse sfumature e gli intenti di qualsiasi cosa realizzata su una tela e io sono più che onorato di rappresentare la comunità dell'arte digitale in questo momento storico».

In particolare, dalla ripartizione degli offerenti di oggi, un enorme 91% era nuovo per Christie's, il che indica quanto l'arte digitale e basata sulla criptovaluta possa essere vantaggiosa per garantire la longevità della storica casa d'aste. Infatti, Christie's ha dichiarato che (non sorprendentemente) si terranno altre vendite future di NFT, con dettagli che verranno rilasciati a tempo debito.

E poiché le case d'asta continuano a cercare modi per innovare e raggiungere un nuovo pubblico, non c'è dubbio che i concorrenti di Christie's presto seguiranno l'esempio. Infatti, a gennaio, Max Moore, codirettore della Contemporary Art Day Sale di New York di Sotheby, ha acquistato un'opera NFT dell'artista anonimo Pak, che si colloca dietro Beeple come il secondo artista NFT più costoso. Moore non ha ancora rivelato il destino dell'opera.

© Riproduzione riservata Beeple, il cui vero nome è Mike Winkelmann Beeple «Everyday: The First 5000 Days»
Altri articoli di Kabir Jhala
Altri articoli in ASTE