100 milioni per il patrimonio in pericolo

Luana De Micco |  | Abu Dhabi

Un fondo internazionale e una rete di «rifugi» nei Paesi sicuri per salvare il patrimonio culturale e archeologico minacciato in alcune regioni del mondo dalle guerre e dai saccheggi dei terroristi: sono le due iniziative prese durante la prima conferenza internazionale per la conservazione del patrimonio in pericolo, che si è tenuta il 2 e 3 dicembre scorsi.

L’incontro, voluto dalla Francia e dagli Emirati Arabi, con il patrocinio dell’Unesco, ha riunito i responsabili di una quarantina di Paesi e rappresentanti di istituzioni private. Proprio in quei giorni era in corso la drammatica battaglia di Aleppo, in Siria. E cinque premi Nobel lanciavano per la prima volta un appello alla comunità internazionale: «Alla tragedia delle popolazioni perseguitate si aggiungono il traffico, il saccheggio, la distruzione di un bene pubblico universale. Bisogna lottare contro chi si accanisce a ridurre in cenere
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Luana De Micco