Velázquez e Bernini a casa del Perugino

Perugino, «Autoritratto», Perugia, Collegio del Cambio
Stefano Miliani |

Perugia. Gli autoritratti in abiti neri di Gian Lorenzo Bernini pittore e di Diego Velázquez accostati alle dolci figure e ai limpidi cieli azzurri affrescati dal Perugino. Il contrasto cromatico si dispiega nel Nobile Collegio del Cambio nel Palazzo dei Priori di Perugia con la mostra in corso fino al 22 ottobre sui due maestri del Seicento. La firma Francesco Federico Mancini: «L’idea mi è venuta da un raffronto tra l’autoritratto del Perugino nel Collegio stesso con quello di Raffaello, che proposi lì nel 2013, e dalla collezione di Valentino Martinelli, mio maestro e studioso del Bernini, donata alla Galleria Nazionale dell’Umbria (cfr. «Il Giornale dell’Arte» n. 352, mar. ’15, p. 22, Ndr)».
«Velázquez eseguì il dipinto nel 1629-30 a Roma e fu un confronto importante per lo scultore suo coetaneo, rammenta il docente di storia dell’arte moderna nell’ateneo perugino. Tra la
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Gian Lorenzo Bernini, «Autoritratto», Firenze, Galleria degli Uffizi, Corridoio Vasariano Gian Lorenzo Bernini, «Autoritratto», Montpellier, Musée Fabre Gian Lorenzo Bernini, «Autoritratto», Madrid, Museo del Prado Diego Velázquez, «Autoritratto», Roma, Pinacoteca Capitolina Diego Velázquez, «Autoritratto», Firenze, Galleria degli Uffizi
Altri articoli di Stefano Miliani