È dello Spisanelli l’ultimo dei Quadri sacri di Carisbo

Il progetto biennale della fondazione volto al recupero del patrimonio artistico emiliano

«Visita della Madonna a santa Elisabetta» di Vincenzo Spisanelli dopo il restauro (particolare)
Stefano Luppi |  | San Benedetto Val di Sambro (Bo)

La Fondazione Carisbo ha presentato l’ultimo restauro (in ordine di tempo) di «Quadri sacri», un progetto biennale volto al recupero del patrimonio artistico del territorio, voluto dall’ente ex bancario in collaborazione con l’Ufficio Beni culturali ecclesiastici della Curia arcivescovile di Bologna e con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio.

Il restauro, curato da Angelo Mazza, conservatore delle Collezioni d’arte e di storia della Fondazione Carisbo ed eseguito da Alberto Rodella, ha riguardato il dipinto del pittore piemontese Vincenzo Spisanelli (Orta San Giulio 1595 - Bologna 1662) raffigurante la «Visita della Madonna a santa Elisabetta», custodito nella locale Chiesa di Sant’Andrea.

Vincenzo Spisano, detto lo Spisanelli, svolse il suo apprendistato presso Denijs Calvaert e svolse quasi per intero la carriera a Bologna, nel cui territorio sopravvivono varie opere in chiese
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi
Altri articoli in RESTAURO