«Una mattinata sull’Arno (Renaioli sull’Arno)», di Telemaco Signorini

Image

«Una mattinata sull’Arno (Renaioli sull’Arno)», di Telemaco Signorini

La dinastia fiorentina dei Signorini

A Palazzo Antinori Giovanni («il Canaletto fiorentino») e Telemaco, attori di una città in fermento

«La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini» (dal 19 settembre al 10 novembre), a cura di Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni, è un progetto che nasce dalla scoperta di un carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo.

La sede scelta, Palazzo Antinori, ben rappresenta l’immagine di una «fiorentinità» che i dipinti della «dinastia» dei Signorini esprimono. Quella Firenze colta di Giovan Pietro Vieusseux, Pietro Giordani e Niccolò Tommaseo, poi di Diego Martelli e Carlo Lorenzini, nella quale Giovanni (1808-64), meno conosciuto oggi dal largo pubblico, rispetto al figlio Telemaco, era invece artista noto e apprezzato, e soprannominato, per le sue qualità di vedutista, prediletto da Leopoldo II di Lorena, «il Canaletto fiorentino».

Realizzata dall’Istituto Matteucci la mostra riunisce opere note, alcune della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, insieme ad altre ancora inedite al pubblico, a testimoniare la svolta nella concezione della pittura di paesaggio in Toscana, dalla raffigurazione tardoromantica, che aveva per modelli i seicentisti Claude Lorrain e Nicolas Poussin, a un’estetica moderna, quella sperimentale della «macchia» in linea con le ricerche europee.

Oltre sessanta dipinti, affiancati da significativi confronti, e suddivisi nelle otto sezioni del percorso, testimoniano un momento vivissimo della città, che accoglie artisti e letterati italiani e stranieri in un clima culturale illuminato sotto la dinastia Lorena e poi, dopo la loro pacifica «cacciata», anche meta di rifugiati politici. Senza però dimenticare la dimensione domestica di certe opere, ambientate nelle dimore aristocratiche o di quelle contadine, che molte opere colgono con grande sensibilità. La mostra è realizzata con il contributo di Same Deutz-Fahr Italia Spa, Intesa SanPaolo.

«Una mattinata sull’Arno (Renaioli sull’Arno)», di Telemaco Signorini

Laura Lombardi, 18 settembre 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Sarà pronto «entro un paio d’anni», auspica Tomaso Montanari, presidente della Fondazione Museo Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia. «Ci saranno nuove sale del vasto ambiente progettato nel 1965 da Pier Niccolò Berardi»

La dinastia fiorentina dei Signorini | Laura Lombardi

La dinastia fiorentina dei Signorini | Laura Lombardi