Image

Pattern con partner

Silvano Manganaro

Leggi i suoi articoli

Frutta Gallery, al suo quarto anno di vita, continua a proporre un serrato programma di giovani artisti, con una modalità che ormai potremmo definire atipicamente non-romana.

Nella mostra attuale, sino al 4 giugno,  si confrontano due artisti poco più che trentacinquenni: Fabio Marco Pirovino (Basilea, 1980) e Sam Porritt (Londra, 1979), entrambi residenti in Svizzera.

Se quest’ultimo, pur usando diversi media, porta avanti un percorso che ha a che fare con segni e disegni, immagini ambigue, fatte di pattern ripetuti, più o meno geometrici, più o meno astratti, Pirovino si concentra su semplici tratti e figure geometriche che, in questa mostra, sono ormai diventati grandi scarabocchi e macchie nere stese apparentemente con un grosso pennello ma in realtà stampate su tela.

Silvano Manganaro, 19 maggio 2016 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

La galleria romana inaugura la nuova sede con una collettiva che coinvolge tutti i suoi artisti e si avvicina a z2o Project, sua costola sperimentale

180 opere dalla collezione di Bruno Decharme realizzate da malati mentali, detenuti, emarginati

La mostra da Gilda Lavia condensa opere di ieri e di oggi attraverso un originale allestimento che immerge lo spettatore nel pensiero dell’artista siciliana

I colorati dipinti del pittore caraibico, esposti da Gagosian, sono un inno alla resilienza e all’imprevedibile adattamento del mondo vegetale

Pattern con partner | Silvano Manganaro

Pattern con partner | Silvano Manganaro