Particolare della testa reliquiaria Fang del Gabon, venduta per 14,7 milioni di euro. Foto Christie’s

Image

Particolare della testa reliquiaria Fang del Gabon, venduta per 14,7 milioni di euro. Foto Christie’s

La collezione Barbier-Mueller batte ogni record

I tesori d’arte africana e oceanica riuniti nel corso di un secolo sono stati aggiudicati da Christie’s a Parigi per 73 milioni di euro

Image

Redazione GDA

Leggi i suoi articoli

Il  6 marzo da Christie’s la collezione Barbier-Mueller ha fatto il botto. I cento pezzi riuniti da Josef Mueller e Jean-Paul e Monique Barbier-Mueller sono stati aggiudicati per 73 milioni di euro, compresi i diritti. Secondo il rapporto Artkhade 2024, si tratta di una cifra quasi doppia rispetto al totale (37,55 milioni di euro) realizzato dal mercato delle arti primitive nelle aste di tutto il mondo nel 2023. Il totale supera quindi la collezione di Michel Périnet (66 milioni di euro nel 2021 da Christie’s, ma per «soli» 61 lotti) e, prima ancora, la leggendaria collezione Vérité da Drouot nel 2006 (44 milioni di euro).
Le tre sale d’asta di Parigi erano gremite, con operatori del mercato dell’arte provenienti da tutto il mondo, tra cui collezionisti americani, un cinese che vive tra New York e Singapore, molto interessato all’arte oceanica, e anche «acquirenti francesi e belgi che non si erano mai visti prima sul mercato e che erano molto combattivi e facevano offerte molto alte», ha commentato il mercante belga Didier Claes. Ma ci sono volute risorse enormi per aggiudicarsi le opere, le più costose delle quali sono state spesso vendute al telefono...

Una testa reliquiaria Fang del Gabon, la cui stima era «su richiesta», è stata aggiudicata per 14,7 milioni di euro. Si tratta di un record per un’opera d’arte primitiva e del 50% in più (!) rispetto al precedente record stabilito a 10 milioni di euro per una scultura Fang Senoufo da Sotheby’s nel 2014. Martedì scorso, da Christie’s, una statua Kongo nkisi n'kondi è stata aggiudicata per 9 milioni di euro. Una maschera Nda Baulé della Costa d’Avorio ha raggiunto i 6,6 milioni di euro. Una maschera proveniente dallo Stretto di Torres in Australia è stata venduta per 5,6 milioni di euro.

Una maschera Mahongwé-Ngaré del Congo è stata venduta a 4 milioni di euro; un serpente Baga della Guinea a 2,46 milioni di euro; una maschera Baulé della Costa d'Avorio a 1,5 milioni di euro; una figura reliquiaria Fang-Mabea del Camerun a 1,8 milioni di euro; un poggiatesta Luba-Shankadi del Congo a 1,7 milioni di euro; uno stemma Janus Bangwa del Camerun a 1,5 milioni di euro. «Ci aspettavamo che gli oggetti raggiungessero prezzi elevati, perché si tratta di una collezione leggendaria costruita nell’arco di un secolo. Ma i risultati hanno superato ogni aspettativa. Gli acquirenti sono pronti a comprare pezzi di questo livello», osserva Didier Claes.

Molti oggetti, tra cui l’arte oceanica, hanno visto le loro stime andare in frantumi, come un tamburo Livika della Papua Nuova Guinea, aggiudicato a 630mila euro, contro una stima di 150mila-250mila euro; una statua Wosera della stessa regione, aggiudicata a 579.600 euro; e un piatto delle Isole Tami, stimato tra i 30mila e i 50mila euro, aggiudicato a 630mila euro. Una maschera Tshokwé proveniente dall’Angola, stimata tra i 40mila e i 50mila euro, è stata aggiudicata per 567mila euro.

Secondo diverse fonti, non sorprenderebbe vedere molti dei pezzi più importanti della vendita riapparire al Louvre Abu Dhabi nel prossimo futuro...

Leggi anche:
Da Christie’s cento «pepite» della collezione Barbier-Mueller

Particolare della testa reliquiaria Fang del Gabon, venduta per 14,7 milioni di euro. Foto Christie’s

Redazione GDA, 11 marzo 2024 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Al MoMA la retrospettiva della pioniera della performance che si vorrebbe rivedere più volte

Documenti dell’Archivio di Stato di Ancona li rappresentano nel contesto storico del regime fascista

La seconda puntata di una corrispondenza sui motivi che ci spingono a visitare i luoghi dell’arte

Le due importanti città-stato etrusche sono gemellate idealmente da ieri

La collezione Barbier-Mueller batte ogni record | Redazione GDA

La collezione Barbier-Mueller batte ogni record | Redazione GDA