Image
Image

I 120 italiani dispersi in Russia

Luca Scarlini

Leggi i suoi articoli

Lo scorso 9 dicembre a Roma Lorenza Mochi Onori, Antonio Paolucci e Claudio Strinati hanno presentato a Palazzo Barberini Italian Paintings 14th - 18th Centuries di Vittoria Markova, conservatrice della sezione di pittura italiana del Museo Pushkin.

Il volume, celebrato da studiosi di sinistra e di destra, è dedicato ai 120 dipinti italiani che i russi trasportarono nei depositi del museo dopo averli sottratti a Berlino nei giorni della caduta del Reich. Nascosti per decenni, sono stati nazionalizzati nel 1999 dal Parlamento russo deciso a considerarli un risarcimento per i danni di guerra per mano dei nazisti.

Il catalogo bilingue (russo-inglese) di Vittoria Markova era già pronto nel 2012, ma il volume è uscito soltanto all’inizio 2015 quando finalmente il Pushkin ha deciso di esporre le opere (la Glasnost’ è un concetto ancora difficile da digerire).

In quell’occasione «Il Giornale dell’Arte» ha dedicato tre pagine del «Vernissage» a questa vicenda con un testo di Marco Riccòmini e un’intervista alla Markova.

 


Luca Scarlini, 25 febbraio 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

A partire da cammei autobiografici e racconti degli artisti effigiati, un libro con le storie di una serie di copertine celebri della storia del rock

Pubblichiamo in anteprima una brano dell’autobiografia di Luca Scarlini, in uscita per Bompiani

I 120 italiani dispersi in Russia | Luca Scarlini

I 120 italiani dispersi in Russia | Luca Scarlini