Image
Image

Arienti il leggiadro

Giusi Diana

Leggi i suoi articoli

Dal 7 luglio al 22 settembre la Galleria Francesco Pantaleone Arte Contemporanea ospita la prima personale in galleria di Stefano Arienti, artista che molto deve all’influenza dell’Arte povera e dell’Arte concettuale. Intitolata «Mano d’oro» e curata da Agata Polizzi, la mostra è stata concepita dall’artista lombardo (nato ad Asola, in provincia di Mantova nel 1961) come un’antologica in cui l’attenzione è rivolta sia alla produzione passata sia a quella presente.

Arienti, che proviene da studi di agraria, botanica e biologia, fin dagli anni Ottanta predilige materiali e oggetti già esistenti, prodotti della cultura di massa che sottopone a processi di trasformazione e manipolazione per dare luogo ai celebri «Alghe», «Origami» e «Turbine». Libri, pongo, buste di plastica e altri oggetti d’uso comune, come custodie vuote di cd, manifesti e poster, attraverso un gesto minimo diventano complesse installazioni oggettuali e poetiche opere d’arte. La serialità della produzione di massa, elemento identitario della cultura contemporanea, è indagata e forzata da Arienti con un tocco di estrema leggiadria. Sui poster di paesaggi, ad esempio, interviene con diverse tecniche tutte minime: la traforatura, il puzzle, il collage, la cancellatura, la cucitura ecc. A cambiare nei suoi lavori più recenti, infine, sono il rapporto con l’immagine e la tecnica della manipolazione, in continuo divenire. Con un linguaggio semplice e quasi istintivo, fatto di gesti ludici e ripetuti, invita lo spettatore a una riflessione critica e consapevole attraverso cui percepire il mondo.

Giusi Diana, 23 giugno 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Una delle sedi del Museo regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo ospita una mostra che fa il punto sulla fascinazione che lega da tempo l’artista al denso e stratificato immaginario dell’isola e del suo capoluogo

Dal 18 al 21 giugno, tra Napoli e l’isola di Vulcano, la terza edizione di «Volcanic Attitude», festival di cultura contemporanea, con le opere di Riccardo Arena, Loredana Longo, Emilio Messina, Ignazio Mortellaro, Filippo Romano, Shaken Grounds

La statua suggerisce le dimensioni ciclopiche del più grande tempio incompiuto della Sicilia di cui rimane solo un ammasso di blocchi calcarei

Sotto le mostre, sopra «un giardino che vola»: su iniziativa della Fondazione Sicilia, un nuovo edificio alle spalle di Palazzo Branciforte intende riqualificare un angolo degradato

Arienti il leggiadro | Giusi Diana

Arienti il leggiadro | Giusi Diana