Image
Image

Aria, Acqua, Terra e Fuoco

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

Grazie alla Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus, istituita nel 2013, partono i restauri della Sala degli Elementi di Palazzo Vecchio: l’intervento, realizzato nell’ambito del progetto Flic (Florence I care) che coinvolge i privati nel restauro dei beni culturali cittadini, durerà circa 500 giorni per un importo di 475mila euro.

La Sala degli Elementi è la prima del quartiere omonimo del palazzo che consiste di cinque stanze e due loggiati: era l’appartamento privato di Cosimo I che ne aveva commissionato la realizzazione a Battista del Tasso, alla cui morte sopravvennero Giorgio Vasari e la sua bottega (1555-57). Vi figurano le allegorie dell’Acqua («Nascita di Venere»), della Terra («Primizie della Terra e offerte a Saturno»), del Fuoco («Fucina di Vulcano») e dell’Aria («Saturno che mutila il cielo»); il camino in marmo è su disegno di Bartolomeo Ammannati.

Il programma iconografico di Cosimo Bartoli fu concepito come unitario con il sottostante quartiere di Leone X: negli affreschi è infatti la genealogia degli dèi celesti, principio e fine di tutte le cose, mentre nelle sale corrispondenti del piano inferiore sono i personaggi illustri della famiglia Medici, collegando così l’ascesa al potere della dinastia a quella degli dèi celesti.

L’intervento, affidato a Meridiana-Mannucci-Techne, potrà essere seguito sul sito http://www.saladeglielementi.it/ e tramite visite guidate.

Laura Lombardi, 13 marzo 2017 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Sarà pronto «entro un paio d’anni», auspica Tomaso Montanari, presidente della Fondazione Museo Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia. «Ci saranno nuove sale del vasto ambiente progettato nel 1965 da Pier Niccolò Berardi»

Aria, Acqua, Terra e Fuoco | Laura Lombardi

Aria, Acqua, Terra e Fuoco | Laura Lombardi