Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com
opinioni

Conservation scientists per il Mibac

I professionisti devono poter disporre di tecnologie e strumenti di ricerca adeguati

Cinque anni or sono (legge 22 luglio 2014, n. 110) veniva introdotta un’integrazione all’art. 9 del D.L. 22 gennaio 2004, n. 42 (il cosiddetto Codice Urbani). «Gli interventi operativi di tutela, protezione e conservazione dei beni culturali nonché quelli ...

Giorgio Bonsanti, settembre 2019

Un re vale più di un dio?

Un’aggiudicazione controversa per l’attribuzione, non per la provenienza

Ancora polemica per una vendita di antichità egizie da parte di Christie’s. Il 4 luglio scorso la sede londinese ha battuto una testa in quarzite del dio Amon per 4.746.250 sterline che, secondo gli esperti della casa d’aste, riprodurrebbe le sembianze di Tutankhamon (1333-1323 a.C.).

Francesco Tiradritti, settembre 2019

Che cos’è l’italianità al tempo della globalizzazione

Oggi, più che mai, è difficile dare una definizione di Patrimonio della Nazione

Alcuni anni or sono (erano i primi mesi del 2010), si pose ai giudici amministrativi un problema assai arduo: la Edmond J. Safra Philantropic Foundation aveva presentato all’Ufficio esportazione di Roma una «commode» certamente splendida, commissionata ...

Fabrizio Lemme, settembre 2019

Ci piacerebbe un ministro più educato

Negli stessi roventi giorni di agosto in cui si annunciava la crisi di Governo messa in atto per iniziativa di Matteo Salvini, veniva pubblicata sulla «Gazzetta Ufficiale» la «riforma» voluta dal ministro Alberto Bonisoli, che in gran fretta, il 13 e 14 agosto, ...

Giuliano Volpe, settembre 2019

Roberto D'Agostino: il pc è più importante di Picasso

«Non le idee, ma gli oggetti, dalla pillola allo smartphone, hanno cambiato l’uomo. E oggi i migliori artisti sono quelli che usano le nuove tecnologie»

Roberto D’Agostino invitato a tenere una lectio magistralis a Oxford: è un evento che nessuno si sarebbe immaginato quando, nel 2000, il giornalista romano attivò il sito Dagospia, che lui definiva «un bollettino d’informazione» ma considerato, tra curiosità ...

Michela Moro, agosto 2019

Le Marche recuperano il tempo perduto

Per Stefano Papetti con la valorizzazione del patrimonio artistico e naturalistico cresce il turismo culturale e aumenta la consapevolezza dei cittadini

Ascoli Piceno. «Nel 1581 Montaigne chiamò le Marche “giardino d’Italia”: seppe vedere una sintesi delle bellezze naturalistiche e artistiche che qui si raccolgono tutte assieme». A rievocare l’incanto provato dallo scrittore e filosofo francese è Stefano Papetti.

Stefano Miliani, agosto 2019

Un selfie di due secoli fa

Nel 1828 la miniaturista americana Sarah Goodridge dipinse un autoritratto che regalò al suo amato e promesso sposo Daniel Webster, che però non la sposò mai

New York. Ha quasi 200 anni questa piccola opera dipinta su avorio raffigurante il seno di una donna. L’ha dipinto nel 1828 la miniaturista americana Sarah Goodridge e si tratta di un autoritratto che regalò al suo amato e promesso sposo Daniel Webster, che ...

Giorgio Guglielmino, agosto 2019

La natura «relativa» della pittura nelle nuove sale degli Uffizi

Eike Schmidt coniuga relazioni stilistiche e iconografiche tra opere e artisti, senza annichilire l’architettura

Firenze. La riconfigurazione espositiva degli Uffizi è perseguita con meditata continuità dal direttore Eike Schmidt, sostenuto dall’esperienza degli architetti Antonio Godoli della Galleria, affiancato da Nicola Santini e Lily Kani. Le prime ad essere riallestite ...

Claudia Conforti, 9 agosto 2019

Giuseppe Laterza: «Il motore è la cultura, senza crolla tutto»

Al Sud meno Pil, meno servizi, meno strade. Ma quando il segno diventa più, i luoghi virtuosi sono molto simili a quelli del Nord

Bari. L’editore Giuseppe Laterza (Bari, 1957), è il presidente dell’omonima casa editrice di famiglia, fondata a Bari nel 1901, che dirige insieme al cugino Alessandro. Nel corso del Novecento la casa editrice Laterza è diventata ...

Mariella Rossi , agosto 2019

Bronzi antichi: la Vittoria Alata di Brescia

Per il restauro occorre eliminare le trasformazioni innescate nel rame dall'umidità, conservando invece le «patine nobili», che assumono affascinanti colorazioni verdi

Brescia. Il fascino dei grandi bronzi antichi è qualcosa di coinvolgente, poche altre tipologie artistiche si impongono con ugual forza. La Vittoria Alata di Brescia, scoperta il 20 luglio 1826 in un ripostiglio nascosto nelle vicinanze dell’antico Capitolium, ...

Giorgio Bonsanti, agosto 2019
 

Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012