Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com
opinioni

L’arte è come la frutta?

Se l’opera è imperitura non è assimilabile a un bene di consumo

Andrea Barenghi, un brillante cattedratico di Diritto civile, mi ha inviato in estratto il suo articolo «L’attribuzione di opere d’arte. Vero o falso?», tema di grande interesse per la nostra rubrica. Di tale articolo, condotto con completezza spigliata ma ...

Fabrizio Lemme, febbraio 2020

Antipatia dell’arte

Achille Bonito Oliva: «L’arte non ama la pura descrizione delle cose e nemmeno la celebrazione della realtà»

L’arte vive sistematicamente di una attitudine antisociale, mediante una creatività che non sembra prevedere l’incontro con lo sguardo esterno a sé. L’antipatia dell’arte consiste nell’imporre il doppio movimento della distruzione e della successiva costruzione formale del linguaggio.

Achille Bonito Oliva, febbraio 2020

L'Europa della luce in Georges de La Tour

Ogni suo quadro rappresenta un capolavoro assoluto, di quelli che inducono al silenzio

Milano. Georges de La Tour (1593-1652) è oggi considerato dai francesi una gloria nazionale, come Monet, Coco Chanel e lo champagne. Eppure la sua riscoperta avvenne poco più di un secolo fa, nel 1915, ad opera del tedesco Hermann Voss. Non ci si può stupire ...

Maria Cristina Terzaghi, 6 febbraio 2020

Un «crescendo» wagneriano

Le scenografie di Alexander Polzin per il «Tristan und Isolde» che ha aperto la stagione 2020 del Comunale di Bologna sono citazioni dei più bei nomi dell'arte contemporanea

Scultore, pittore, scenografo, light-artist e da ultimo regista, nato a Berlino Est nel 1973, Alexander Polzin è, come lui stesso si definisce, «Visual Artist» completo che spazia dalla scultura al light design e all’uso della luce come principale elemento ...

Giovanni Pellinghelli del Monticello, 7 febbraio 2020

L'Italia riesce a realizzare solo opere di emergenza

Il valore della manutenzione ordinaria è pari al valore della prevenzione, ma nel nostro Paese regna l’incapacità di programmare e di destinare risorse alla cura quotidiana

Per crescere, l’Italia ha bisogno di comprendere il valore dell’ordinario, anzi, dell’ordinaria amministrazione. Se ne parla poco, eppure tra le tante debolezze sistemiche che il nostro Paese presenta, la nostra incapacità di mantenere un flusso ordinato e ...

Stefano Monti, febbraio 2020

Europei, custodiamo la stella dell'Inghilterra

Gli effetti della Brexit sul mondo dell'arte

Per ragioni ovvie, perché l’inglese è la lingua franca mondiale, perché c’è internet, la nostra Brexit non è come la rottura di Enrico VIII con il Cattolicesimo nel Cinquecento, che ci allontanò in modo drastico dal Continente almeno fino al Settecento. Londra, ...

Anna Somers Cocks, 1 febbraio 2020

Arma di pace

Lo scopo ultimo e più degno della persona umana e della comunità è l’abolizione della guerra. Un messaggio di papa Francesco

Per cercare vie di soluzione alla singolare e terribile «guerra mondiale a pezzi» che, ai nostri giorni, gran parte dell’umanità sta vivendo in modo diretto o indiretto è necessario […] operare per una pace vera tramite l’incontro fra persone concrete e la ...

Papa Francesco, dicembre 2019

Come un tenue lume

Papa Montini ripercorre la singolare figura di asceta e di mistico di Charles de Foucauld

Per comprendere queste pagine bisognerà avere qualche conoscenza della singolare figura di asceta e di mistico di Carlo de Foucauld, o, come ormai è chiamato dai suoi seguaci, Carlo di Gesù. Eremita missionario era divenuto dopo essere stato ufficiale dell’esercito ...

Giovanni Battista Montini, dicembre 2019

Comunità fraternità aperta

L’arte di stare insieme: vivere con poco e saper dare molto, contribuire a testimoniare la ricchezza del patrimonio culturale immateriale dell’umanità

Una cosa può essere forse a chiunque chiara: così come la generosità del singolo individuo non pensa solo a difendersi, ma a offrire quel che ha, così l’apertura e la generosità delle comunità pensa anche a chi è fuori dalla comunità e non solo a chi la abita.

Francesco Scoppola, dicembre 2019

L’arte è antisovranista

Achille Bonito Oliva: «L’arte non è una pratica solamente identitaria quanto piuttosto una partecipazione dove non ci sono confini»

L’arte è quanto di più anti-sovranista ci sia. Essa vuole rivendicare dei valori assoluti che valgono per tutti, e Napoleone non fu certo l’unico ad avere adottato una strategia predatoria nella sua campagna d’Italia portando con sé capolavori dell’arte. Se ...

Achille Bonito Oliva, dicembre 2019
 

Ricerca


GDA febbraio 2020

Vernissage febbraio 2020

Il Giornale delle Mostre online febbraio 2020

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012