Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com
documenti

Epidemie nell'arte in Italia | VENEZIA

Quando la peste ti fa bella. Il «morbo insanabile» che colpì nel 1575 e nel 1630 la capitale della Serenissima Repubblica, fece scaturire capolavori di architettura e pittura

Quando l’attualità s’intreccia con la storia scaturiscono corrispondenze che mai avremmo immaginato in tempi non sospetti, come sembra testimoniarci una tra le più celebri opere di Giambattista Tiepolo (Venezia, 1696-Madrid,1770), «Santa Tecla libera Este dalla ...

Federica Spadotto, 6 aprile 2020

Epidemie nell'arte in Italia | MILANO

I teatri del dolore in Lombardia. Pittori e scultori hanno saputo penetrare nel profondo l’atmosfera tra le pestilenze di San Carlo (1576) e del cardinal Borromeo (1630)

Il silenzio, le sirene delle ambulanze ne incrinano il rarefatto spessore. «Tu vedi!», così padre Cristoforo indica a Renzo l’agonia di don Rodrigo. Si muore in solitudine, il respiro è in affanno. La virulenza del morbo, e il sacrificio, tornano a colpire Milano e la Lombardia.

Filippo Maria Ferro, 3 aprile 2020

Cronache dalla Roma sotterranea

Storie, ricerche e scoperte nel sottosuolo della Città Eterna negli ultimi 500 anni

Il 31 maggio 1578 alcuni operai intenti a scavare pozzolana sulla via Salaria, in quella che allora era la vigna Sanchez, poi Della Rovere, incapparono in un groviglio di gallerie di una sconosciuta catacomba cristiana, decorate da splendide pitture, con loculi ancora intatti, iscrizioni e rilievi.

Raffaella Giuliani, 30 marzo 2020

Olafur Eliasson: speriamo in Greta, è giovane e donna

«Mi preoccupano l’ambiente e i nazionalismi. Creo opere spettacolari perché siano per tutti, anche per i quattordicenni»

Olafur Eliasson (Copenaghen, 1967) è nato in Danimarca da genitori danesi e vive a Berlino, circostanze che hanno contribuito a risvegliare il suo interesse per la natura, l’ecologia, l’emergenza climatica, i colori e la percezione, ma anche per l’architettura e l’urbanistica.

Roberta Bosco, marzo 2020

Epidemie nell'arte in Italia | GENOVA

La «grande» peste del 1656 fece strage di pittori e mecenati. Anche allora si teneva segreta la notizia dell’epidemia e venivano messe in atto misure di contenimento, le «dilligenze»

Potendosi facilmente trasmettere da un porto all’altro attraverso persone o merci infette, la peste risulta quasi endemica nel bacino del Mediterraneo per oltre tre secoli, e le segnalazioni di focolai sulle diverse sponde di quel mare (o nei territori a esso ...

Piero Boccardo, 31 marzo 2020

Epidemie nell'arte in Italia | BOLOGNA

«Murati» in casa, Guido Reni, Guercino, Simone Cantarini sopravvissero alla pestilenza che flagellò la città tra il 1629 e il 1633

Chissà se un giorno lontano, con un filo di voce e il cuore ancora scosso, diremo che questo, che stiamo vivendo ora, fu un «terribile tempo», quando le «Romagne e la Lombardia, ma specialmente Milano e Bologna, ebbero a provare le percosse del funestissimo e fatale flagello».

Marco Riccòmini, 21 marzo 2020

Epidemie nell'arte in Italia | NAPOLI

Per quello «spettacolo» particolare si confrontarono ai massimi livelli tre geni di metà Seicento: Mattia Preti, Micco Spadaro e Luca Giordano

Il coronavirus è come la nebbia di Totò: c’è ma non si vede. Eppure nessuna epidemia aveva goduto sin qui di un tale rendimento iconografico, di un simile surplus visuale. Quando usciremo tutti da questo tempo sospeso, lasciandoci alle spalle settimane di lutti ...

Stefano Causa, 17 marzo 2020

Epidemie nell'arte in Italia | ROMA

Gia nel 1656 i romani furono chiamati a rispettare le regole per evitare il diffondersi di un morbo. Alessandro VII Chigi, «un ercole vittorioso sulle ali della peste nera»

Quella che stiamo vivendo in questi giorni non è la sola epidemia che la Città Eterna ha affrontato nella sua storia millenaria: quasi «leggendaria» fu la peste così detta «antonina» dal patronimico dell’imperatore reggente in quegli anni Marco Aurelio o «galenica», ...

Alessandro Agresti, 18 marzo 2020

Epidemie nell'arte in Italia | TORINO

Profezia e commemorazione della peste nel Ducato Sabaudo: lo «Speculum humanae vitae» e altre storie di contagio nell’arte piemontese

Il ducato sabaudo durante i primi trent’anni del Seicento fu terreno di scontri e di gravi turbolenze politiche, sociali e religiose. Terra di confine e porta d’Italia, fu interessata dalle eresie che scendevano dal Nord Europa con l’aspro scontro fra cattolici ...

Arabella Cifani, 24 marzo 2020

Epidemie nell'arte in Italia | TOSCANA

L’epidemia arriva a cavallo: impossibile sfuggirle. Per le raffigurazioni della peste bisogna cominciare dal Decamerone

Chissà quante volte, visitando chiese e luoghi della cultura in Toscana e non solo, ci siamo imbattuti in immagini che avevano a che fare con i grandi flagelli dei secoli scorsi, le epidemie di peste, o quel che era. E se allora le abbiamo percepite come remote, ...

Cristina Acidini, 26 marzo 2020
 

GDA aprile 2020

Vernissage aprile 2020

Il Giornale delle Mostre online aprile 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012