Parlano i direttori dei venti supermusei: il Museo Archeologico di Napoli

Olga Scotto di Vettimo |  | Napoli

Paolo Giulierini guida il Museo Archeologico Nazionale, che a marzo riapre i giardini e nel 2016 le sezioni egizia ed epigrafica

Insediatosi lo scorso ottobre, Paolo Giulierini, 47 anni, toscano di Cortona (Ar), è il nuovo direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, tra le istituzioni museali rese autonome dalla recente riforma del ministro Franceschini.
Laureato e specializzato in Archeologia classica, con tesi in Etruscologia, Giulierini ha ricoperto dal 2001 al settembre 2015 gli incarichi di dirigente del Comune di Cortona, occupandosi dei servizi culturali e al cittadino, e di direttore del Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona, capace di attirare circa 40mila visitatori l’anno. 


Con quali esperienze giunge a Napoli?

La mia formazione da archeologo classico è stata affiancata da un’esperienza sugli aspetti gestionali, che non si imparano se non praticandoli. Tra gli ambiti
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Olga Scotto di Vettimo