Il Whitney costretto a tagliare il personale

Il direttore Weinberg:«Potrebbe volerci fino al 2025 prima che i turisti tornino a New York ai livelli pre-pandemia»

Nancy Kenney |  | New York

Il Whitney Museum of American Art di New York ha licenziato 15 membri del personale in 11 dipartimenti a casua della presenza estremamente bassa di pubblico e la conseguente perdita di entrate.  Il direttore del museo Adam D. Weinberg ha informato dei tagli al personale con una e-mail ai dipendenti, osservando che i ricavi dalla vendita dei biglietti sono diminuiti dell'80% rispetto a un anno fa, a causa delle restrizioni per il Covid-19.

Come molti altri musei di New York, il Whitney aveva chiuso a metà marzo dello scorso anno per poi riaprire a settembre con rigorose precauzioni per il coronavirus, limitando l'accesso al 25% della capacità. L'annuncio di Weinberg segue i licenziamenti dell'aprile scorso di 76 dei 420 dipendenti del museo in quel momento, molti dei quali adetti al contatto con i visitatori, e le riduzioni di stipendio per i membri del personale senior.

Il direttore ha dichiarato che il crollo dei ricavi dagli eventi speciali e altre iniziative del museo situato nel Meatpacking District ha notevolmente ridotto le entrate. Si stima una perdita intorno ai 23 milioni di dollari.

«È stata una decisione difficile da prendere», ha detto Weinberg sui licenziamenti. «Sono molto grato al personale per tutta la sua dedizione al Whitney. Stiamo garantendo liquidazioni commisurate all'esperienza e benefici sanitari estesi a tutto il personale interessato». Una portavoce del museo ha affermato che gli incentivi per il licenziamento variano da quattro a sei mesi e che la durata delle prestazioni mediche corrisponderà all’incentivo.

I licenziamenti giungono nel momento in cui altri musei di New York stanno valutando la stessa opzionie. Con un deficit previsto di 150 milioni, il Metropolitan Museum of Art ha recentemente annunciato che spera di vendere opere per coprire i costi di manutenzione della sua collezione.

Come il Met, il Museum of Modern Art e altre istituzioni, il Whitney faceva affidamento sui turisti per ottenere gran parte dei suoi ricavi di biglietteria. Ma i visitatori sono per lo più svaniti da quando la pandemia ha preso piede.

«L'agenzia turistica di New York City ha previsto che potrebbe volerci fino al 2025 prima che i viaggiatori tornino a New York con gli stessi volumi pre-pandemia» ha scritto Weinberg nella sua e-mail ai membri dello staff. «Non sappiamo per quanto tempo continuerà questo periodo di estrema difficoltà e prevediamo ulteriori perdite di fatturato. Mentre affrontiamo la nuova realtà, il Whitney deve apportare alcune modifiche all'organizzazione per preservare la sua capacità di adempiere alla missione di presentare l'arte americana al pubblico e per continuare a farlo negli anni a venire». Weinberg ha aggiunto che il museo sta cercando di espandere l’attività di fundraising, di concerto con il consiglio della fondazione.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Nancy Kenney
Altri articoli in MUSEI