Il Vaticano non paga le tasse sulla pubblicità

Federico Castelli Gattinara |

Roma. Nella capitale l’opinione pubblica è sempre più silenziosa, le voci più flebili, i cittadini sono tramortiti da inciviltà e malgoverno diffuse a tutti i livelli. Stanchi di ripetere sempre le stesse cose, senza che mai nulla accada: è la vicenda che si ripete sempre uguale dei giganteschi cartelloni pubblicitari sulla testata di via della Conciliazione, che deturpano la vista della Basilica di San Pietro da Castel Sant’Angelo e dal fiume, uno degli scorci più suggestivi della Roma monumentale.

Era maggio 2015 quando una polemica diventata nazionale spingeva alla rimozione della megapubblicità della Fiat. Ma presto ne sono arrivati altre, con buona pace del Giubileo, e altre ancora. Il problema è che il Vaticano sul tema non mostra la minima sensibilità: è lui infatti che decide, dispone e incassa, è suo il palazzo extraterritoriale sempre avvolto da ponteggi e da maxireclame. Il
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Federico Castelli Gattinara