Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

I modellini in scala che ispirarono Napoleone

Sono stati realizzati tra il 1668 e 1870 e si visitano anche con un casco di realtà virtuale

Modellino della città di Tornai (particolare). © PBA Lille. Foto J. M. Dautel

Lille (Francia). Gli storici «plans-reliefs» di cittadelle fortificate, la cui costruzione fu iniziata da Luigi XIV, sono uno dei vanti della collezione del Musée des Beaux-Arts di Lille. Da metà 2018 però i modellini in scala non erano più visibili. Sono stati infatti smontati e, fino al gennaio 2019, studiati, restaurati e digitalizzati.

Il museo (al centro di diversi lavori di ristrutturazione dal 2016) ha anche ristrutturato e rivisto la museografia delle sale che li ospitano e dal 16 marzo scorso il Dipartimento dei plans-reliefs, completamente rinnovato dallo studio di architetti Hart Berteloot, è di nuovo aperto al pubblico.

I 14 modellini (che occupano 400 metri quadrati) sono stati realizzati tra il 1668 e 1870 in legno, cartone, seta, fil di ferro. Riproducono delle cittadelle del Nord Europa, Francia, Belgio e Olanda. Anche Napoleone III se ne servì per le sue strategie militari. Dopo essere stati «dimenticati» per anni nelle riserve del palazzo degli Invalides, a Parigi, hanno raggiunto Lille nel 1987. Oggi si visitano anche con un casco di realtà virtuale.

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 397, maggio 2019


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012