Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Hammershøi tra Vermeer e Hopper

Il «pittore del silenzio» e gli artisti suoi contemporanei al Musée Jacquemart-André

«Interno con una donna in piedi» di Vilhelm Hammershøi (particolare). Ambassador John L. Loeb Jr. Danish Art Collection © TX0006154704, registered March 22, 2005

Parigi. L’ultima mostra parigina dedicata a Vilhelm Hammershøi (1864-1916) fu nel 1997 al Musée d’Orsay, che un paio di anni prima aveva acquisito la prima tela del pittore danese a entrare nelle collezioni di un museo francese: si trattava di «Hvile» («Riposo»), del 1905, il ritratto di spalle di una donna seduta, genere la cui paternità è attribuita a Hammershøi. Quella mostra permise alla critica e al pubblico internazionale di riscoprire l’opera di un artista un po’ dimenticato fuori dalla Danimarca, che a molti ricorda Vermeer e sembra anticipare Hopper.

Il «pittore del silenzio» torna a Parigi vent’anni dopo al Musée Jacquemart-André per la mostra «Hammershøi. Il maestro della pittura danese», dal 14 marzo al 22 luglio. Una retrospettiva con un approccio nuovo poiché i curatori, Jean-Louis Champion e Pierre Curie, hanno scelto di mettere a confronto i lavori di Hammershøi e quelli degli artisti suoi contemporanei, e a lui vicini, in particolare il fratello Svend, il cognato Peter Ilsted e l’amico Carl Holsøe.

Le opere esposte, una quarantina, arrivano da musei danesi e svedesi come lo Statens Museum for Kunst di Copenaghen e il Malmö Konstmuseum, ma anche dalla Tate Gallery di Londra. È esposto anche il dipinto del d’Orsay e, per la prima volta in Francia, sono allestite opere della Loeb Danish Art Collection.

Hammershøi dipinse soprattutto luoghi e persone della sua quotidianità. La moglie Ida Ilsted fu la sua principale modella: una figura solitaria, enigmatica, rappresentata spesso di spalle accanto a una porta o una finestra nella dimora sulla Strandgade, a Copenaghen, intenta in attività quotidiane, a leggere o a cucire. Gli interni sono austeri, geometrici, l’arredamento essenziale, le pareti spoglie, la luce è fredda, prevalgono i toni del grigio e del marrone.

Nel panorama della pittura al volgere del nuovo secolo, Hammershøi resta una figura a parte. La sua singolarità affascinò il poeta Rainer Maria Rilke. L’atmosfera malinconica, sospesa, claustrale, che rende così particolari i lavori di Hammershøi, manca nelle opere di Carl Holsøe e di Peter Ilsted, una selezione delle quali è allestita dal museo. Anche se i due artisti dipingono a loro volta interni e riprendono gli stessi temi, molto in voga del resto tra i giovani pittori danesi dell’epoca, il risultato è diverso, la luce è più calda, l’atmosfera distesa.

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012