Giorno per giorno nell'arte | 4 novembre 2020

Il Rapporto Federculture | Confermato: mostre e musei chiusi | Riapre Machu Picchu | Musei Usa attivi nell'election day | La giornata in 11 notizie

Redazione |

Il Rapporto Federculture. Ieri è stato presentato il 16mo Rapporto Annuale Federculture Impresa Cultura, che in questo 2020 ha scelto il sottotitolo «Dal tempo della cura a quello del rilancio». Le aziende di settore esprimono numeri e percentuali non molto confortanti: a causa del coronavirus oltre il 70% ritiene di chiudere l'anno con perdite del 40% sul bilancio e il 13% addirittura sopra il 60%. Solo il 22% riesce a immaginare un futuro ritorno alla normalità, mentre il 50% prospetta una riduzione delle proprie attività e ben il 73% teme un taglio di fondi. Il ministro dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini ha poi ricordato che «per fronteggiare l'emergenza» della pandemia «quest'anno siamo arrivati a 9 miliardi di risorse ai settori della cultura e del turismo». [Ansa]

Confermato: mostre e musei chiusi. Il premier Giuseppe Conte ha firmato nella notte il nuovo Dpcm che apre una nuova fase, più severa, nel contrasto alla diffusione del Covid-19. Per quanto riguarda la cultura, alle misure già varate nei provvedimenti precedenti si aggiunge la chiusura di musei e mostre, come del resto aveva già anticipato lo stesso ministro Dario Franceschini nei giorni scorsi. [AgCult]

Riapre Machu Picchu. Il sito archeologico peruviano di Machu Picchu riapre ai turisti dopo 8 mesi di chiusura per la pandemia. Per motivi di sicurezza potranno accedere al sito solamente 675 persone al giorno, appena il 30% del numero di visitatori in tempi normali. «Aprire Machu Picchu al mondo mostra che noi peruviani siamo resilienti», dichiara il ministro del Commercio Estero e del Turismo Rocio Barrios. [la Repubblica]

Il ruolo attivo dei musei americani nell'election day. Dall'arte al «fare la propria parte»: i musei statunitensi forniscono un servizio di comunità indispensabile fungendo da seggi elettorali. [The Art Newspaper]

54 anni fa, l'alluvione di Firenze e gli «angeli del fango». Servizio speciale sul 54mo anniversario dell'alluvione di Firenze, occorsa il 4 novembre 1966, e sugli «angeli del fango», i ragazzi e le ragazze che da tutto il mondo si mobilitarono per soccorrere i preziosi volumi e le opere d'arte danneggiate dall'acqua nella capitale italiana del Rinascimento. [Corriere della Sera]

Il ministro della Cultura spagnolo ha premiato Araceli Pereda Alonso, la presidente di Hispania Nostra. Il 3 novembre il ministro della Cultura ha conferito alla presidente di Hispania Nostra Araceli Pereda Alonso il Premio Nacional de Restauración y Conservación de Bienes Culturales 2020, dotato di 30mila euro, per «la sua lunga carriera dedicata alla conservazione del Patrimonio Culturale attraverso la sua gestione e valorizzazione». [El País]

Un De La Tour all'asta da Lempertz. «La fillette au braisier», un dipinto di Georges de La Tour (1593-1652), è tra le opere più importanti nell'asta in programma a Colonia l'8 dicembre da Lempertz, organizzata per celebrare il 175mo anniversario della nascita della più antica casa d'aste europea di proprietà privata. Il dipinto è stimato tra i 3 i 4 milioni di euro. [Ansa]

Un viaggio nel design di Basilea. Tra campus farmaceutici (l'Headquarter Roche), distretti industriali (ad esempio il Dreispitz) e musei cittadini, a Basilea tutto è design. La città svizzera è diventata un crocevia delle archistar. [la Repubblica]

Artissima è online. L'edizione 2020 della fiera d'arte contemporanea torinese Artissima nell'anno del Covid porta sul web, dal 3 novembre al 9 dicembre, le tre storiche sezioni «Present Future», curata da Ilaria Gianni e Fernanda Brenner, «Back to the Future», curata da Lorenzo Giusti e Mouna Mekouar, e «Disegni», curata da Letizia Ragaglia e Bettina Steinbrügge, dedicata al femminile. «Il tutto, spiega la direttrice Ilaria Bonacossa, sulla piattaforma Artissima XYZ». [Ansa]

L'archivio fotografico del Touring Club Italiano. L’archivio del Touring Club Italiano conserva firme importanti, da Antonio Beato (autore degli scatti dell’Egitto di fine Ottocento) a quelli più recenti di Gianni Berengo Gardin a cui il Tci dedica una gallery in occasione del suo novantesimo compleanno. [Corriere della Sera]

Le mostre nel mondo

Os Gemeos alla Pinacoteca di San Paolo del Brasile. La coppia di gemelli brasiliani Os Gemeos, graffitari internazionali, hanno un'antologica alla Pinacoteca di San Paolo del Brasile (che con loro riapre al pubblico). Esposti decine di opere inedite e un migliaio di oggetti. [El País]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE