Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 3 dicembre 2019

Il primo Museo della Geografia in Italia | Scoperta una villa rustica alla Marigliana | Franceschini smonta la controriforma di Bonisoli | La giornata in 7 notizie

Una delle sale di Palazzo Wollemborg

A Padova il primo Museo della Geografia in Italia. Oggi viene inaugurato dall'Università di Padova il Museo di Geografia, primo in Italia e tra i pochi al mondo, a Palazzo Wollemborg, già palazzo Capodilista. Il percorso si sviluppa su tre sale a tema (la Sala Clima, la Sala delle Esplorazioni e la Sala delle Metafore), un’aula laboratorio per attività didattiche, una sala per mostre temporanee e un salone per conferenze. Il patrimonio del Museo annovera in originale o in consultazione digitale 8 globi terrestri o celesti realizzati tra 1630 e 1910 e decine di atlanti pubblicati tra Sette e Ottocento, plastici storici, 300 carte murali, 150 strumenti di misurazione, circa 20mila tra stampe e lastre fotografiche e un fondo documentale focalizzato sulle ricerche della scuola patavina. Dal 13 al 21 dicembre il Museo sarà aperto gratis su prenotazione. [Ansa]

Scoperta a Roma una villa rustica alla Marcigliana. È databile al III secolo a.C. e rimasta in uso fino al V-VI d.C. la villa rustica rinvenuta sulle colline a nord di Settebagni, nella riserva naturale della Marcigliana, nella zona nord di Roma. Materiali e reperti archeologici sono ancora in fase di studio, ma dalle prime ricerche si tratterebbe di una scoperta importante per le informazioni che può offrire sulla vita intorno all'Urbe. [Sky Tg 24]

Il ministro Franceschini smonta la controriforma di Alberto Bonisoli. Questa mattina, alle 11.30, il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini presenta in via del Collegio Romano il nuovo regolamento per l’organizzazione del Ministero, una riforma della controriforma che azzera i decreti approvati sotto Alberto Bonisoli in pieno agosto e soprattutto durante i giorni della crisi del governo gialloverde con cui il ministro diminuiva gli spazi di autogestione dei cosiddetti supermusei e modificava la geografia dell’organizzazione dei siti museali e archeologici. [Il Giornale dell'Arte]

A Siviglia 12mila mq per la cultura. La Real Audiencia de Sevilla, edificio della fine del XVI secolo, poi restaurato all'inizio del Novecento, che si trova nella plaza de San Francisco di fronte al Municipio della capitale andalusa, si è trasformata in un centro culturale di 12mila mq dedicati all'arte, alla letteratura, al teatro e alla musica. La Fundación Cajasol, proprietaria dell'edificio, ha realizzato una riconversione negli ultimi quattro anni conclusasi questo lunedì con l'inaugurazione della Sala Velázquez, un intervento che ha comportato un investimento di 4,5 milioni di euro. [El País]

Presentata la stagione 2020 dei musei milanesi. Sono 54 le mostre nel programma 2020 degli spazi espositivi del Comune di Milano. Il nuovo palinsesto è dedicato a «I talenti delle donne», ed è prevista anche una coda legata a quello del 2019, su Leonardo Da Vinci, con due progetti espositivi al Castello Sforzesco, uno sul Salvator Mundi e l'altro sulla scrittura speculare. [Ansa]

Restituiti alla Spagna dalla Francia sette elmi celtiberi. Al termine degli anni Ottanta del XX secolo, nel comune spagnolo di Aranda de Moncayo, nei pressi di Saragozza, una razzia archeologica fece un «colpo grosso»: furono prelevati almeno 18 elmi celtiberi in bronzo, realizzati tra il secolo IV e il II a.C, in ottimo stato di conservazione. I reperti furono rapidamente smerciati all’estero tramite intermediari e antiquari, poi venduti all’asta. Domani, a circa trent’anni dal furto, i pezzi torneranno in Spagna con un atto ufficiale presso la sede dell’Ambasciata Spagnola nella sede dell’Unesco, a Parigi. [El País]

Furto al museo della Stasi, per un bottino di poche migliaia di euro.
Pochi giorni dopo il colpo al Castello di Dresda, dove sono stati sottratti gioielli del Settecento per un valore di almeno 500 milioni di euro, è stato razziato il museo della Stasi a Berlino, ospitato dall’ex sede del Ministero della Sicurezza di Stato dell’ex Repubblica Democratica Tedesca. Sono stati rubati oggetti e documenti (tra cui una medaglia al merito patriottico in oro, una medaglia dell’ordine di Karl Marx e una dell’ordine di Lenin) per un valore complessivo di poche migliaia di euro. [Il Giornale dell'Arte]

Redazione, edizione online, 3 dicembre 2019


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012