Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 17 gennaio 2019

Il bagno di vapore dei Maya | Il decreto del Mibac per le giornate gratis al museo | Era di Michelangelo la tavola rubata? | La giornata in 12 notizie

I bagni di vapore Maya a Nakum. Foto Jagiellonian University

Una sauna di 2.500 anni fa. Una squadra di archeologi polacchi della Jagiellonian University di Cracovia ha riportato alla luce, nella parte nord della città Maya di Nakum, in Guatemala, quella che inizialmente si pensava fosse una tomba e che invece si è rivelata essere un bagno di vapore scavato nella roccia, realizzato oltre 2.500 anni fa. La struttura consta di un tunnel (da cui scorreva l'acqua), una rampa di scale, una stanza rettangolare con panche scavate e una nicchia ovale usata come focolare. Sono stati ritrovati anche frammenti di vasi e strumenti di ossidiana. [La Stampa]

Il piano «musei gratuiti» del Mibac.
Pronto il nuovo decreto dei Beni culturali per pianificare le giornate gratis ai musei: 20 giornate l'anno, così suddivise: 6 prime domeniche del mese da ottobre a marzo, 6 giorni della settimana e 8 giorni scelti dai direttori in occasione di particolari festività cittadine. [Il Messaggero]

Un dipinto rubato in una chiesa belga potrebbe essere un Michelangelo.
Un dipinto su tavola raffigurante la Madonna con il Bambino addormentato, san Giuseppe e san Giovannino, che si trovava nella chiesa di Sint-Ludgerus a Zele, cittadina a una settantina di chilometri a nord di Bruxelles, e che è stato rubato venerdì scorso, potrebbe essere opera (la «Madonna del Silenzio») di Michelangelo Buonarroti, come sostiene il pastore della chiesa, Jan van Raemdonck. [artnet.com]

La signora di Michelangelo. Scomparsa a 92 anni Pina Sergi Ragionieri, storica dell'arte e direttrice, sin dal 1984, di Casa Buonarroti a Firenze, il museo dedicato a Michelangelo e ai suoi discendenti. Sotto la sua conduzione il corpus di disegni custodito dall'istituzione è diventato il fulcro di tante mostre importanti. [Corriere della Sera]

Torna a casa Raffaello. L'autoritratto realizzato da Raffaello Sanzio nei primi anni del Cinquecento, entrato nelle collezioni degli Uffizi sin dal 1631, era stato prestato da Firenze agli Usa per una mostra a San Francisco dedicata al Rinascimento italiano. Ora il dipinto è tornato in Italia, e sarà visibile per alcuni mesi nella sala di Saturno di Palazzo Pitti. [Il Messaggero]

Effetto Sassi. Da sabato sarà Capitale europea della cultura, ma già da lungo tempo Matera è entrata nell'immaginario del Paese grazie all'interesse di numerosi intellettuali, da Giovanni Pascoli a Carlo Levi, da Luchino Visconti a Pier Paolo Pasolini. [la Repubblica]

Icona Pop. Si festeggiano oggi anche in Italia i 90 anni dalla comparsa sulla carta stampata del personaggio di Popeye/Braccio di Ferro, che da personaggio di contorno è diventato un protagonista importante della cultura pop mondiale. [Il Messaggero]

Dopo Banksy non cresce più l'erba. Il «Guardian» ha incontrato alcuni cittadini inglesi la cui vita è radicalmente cambiata dopo il passaggio di Banksy sui muri delle loro case o sulle saracinesche dei loro negozi, a causa di folle di spettatori, tentativi di furto e atti di vandalismo. [The Guardian]

La Riley dipinge una parete della National Gallery. L'artista Bridget Riley, a 87 anni, ha realizzato la sua immensa nuova opera direttamente su un muro bianco di ricambio alla National Gallery di Londra. Inaugurato ieri, si tratta di un dipinto permanente che sarà la prima opera d'arte che molti visitatori vedranno dopo essere entrati nel museo di Trafalgar Square. [The Guardian]

Per una nuova Parigi sotterranea. Il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ha presentato martedì scorso i venti vincitori del secondo bando dei progetti per «Reinventare Parigi», in gran parte dedicato a stazioni della metropolitana e altri nuovi siti sotterranei. [Le Monde]

Il lotto francese è anche donna. L'iniziativa del lotto per il Patrimonio francese normalmente viene associata solo alla figura del conduttore televisivo e divulgatore Stéphane Bern. Ma il direttore esecutivo del progetto è una donna, Célia Vérot, e il suo programma per il 2019 prevede una distribuzione di fondi tra i centri storici delle piccole città francesi. [Le Figaro]

Nel Medioevo anche le suore copiavano i manoscritti. Tracce di pigmenti ritrovate sui denti di una monaca del XI secolo portano a un cambiamento nell'immagine tradizionale del copista medioevale, rivelando come tale occupazione in quell'epoca non fosse di esclusivo appannaggio maschile, ma potesse coinvolgere anche le suore. [Le Figaro]

Redazione, edizione online, 17 gennaio 2019


Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012