Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | Vittorio Gregotti

L'architetto, 92 anni, è mancato il 15 marzo a Milano. Il ricordo nei giornali del mondo

Vittorio Gregotti nel 1975. Foto: Wikipedia

A 92 anni è morto il 15 marzo all'Ospedale San Giuseppe di Milano, a causa del coronavirus, l'architetto Vittorio Gregotti. Era nato a Novara nel 1927. A darne notizia è stato Stefano Boeri, il presidente della Triennale, su Facebook. Con lui è scomparso «un saggista, critico, docente, editorialista, polemista, uomo delle istituzioni che (restando sempre prima di tutto un architetto) ha fatto la storia della nostra cultura», ha scritto Boeri.

Dopo essersi laureato al Politecnico di Milano Vittorio Gregotti nel 1952 entrò nello studio Bbpr. Nel 1964 fu responsabile della sezione introduttiva per la Triennale di Milano e dal 1974 al 1976 fu direttore delle arti visive e architettura della Biennale di Venezia. Nel 1974 fondò la Gregotti Associati di cui era presidente. In Italia ha insegnato allo Iuav di Venezia e nelle Università di Milano e Palermo. Come visiting professor ha lavorato in Giappone, Stati Uniti, Argentina, Brasile e Regno Unito. Nel 1953 era entrato alla storica rivista mensile di architettura, urbanistica e design «Casabella»: dapprima come redattore, quindi come caporedattore, infine come direttore.

Tra i suoi lavori più importanti si ricordano la risistemazione di Potsdamer Platz a Berlino e i progetti del Teatro degli Arcimboldi a Milano, del Gran Teatro Nazionale di Pechino e della chiesa di San Massimiliano Kolbe a Bergamo. Ha anche progettato il contestato quartiere Zen a Palermo, il Centro Culturale di Belém a Lisbona, il Centro ricerche dell'Enea a Portici. A lui si deve la sistemazione del Parco archeologico dei Fori imperiali a Roma.

Tra le molte sue pubblicazioni, si ricordano: Il territorio dell'architettura (1966, Feltrinelli), La città visibile (1991, Einaudi), Dentro l'architettura (1991), Le scarpe di Van Gogh (1994), Autobiografia del XX secolo (2005), Contro la fine dell'architettura (2008), Architettura e postmetropoli (2011), Il sublime al tempo del contemporaneo (2013) e Il mestiere di architetto (2019). 


Nella stampa italiana

Morto Vittorio Gregotti, l’illuminista dell’architettura che amava la città
, di Pierluigi Panza [Corriere della Sera]  

Morto Vittorio Gregotti, visione e malinconia dietro la generosità di un carattere ruvido di Stefano Bucci [Corriere della Sera]

Bicocca, la nostra sfida vinta di Marco Tronchetti Provera [Corriere della Sera]

Scomparso Gregotti, il Dominus dell’architettura italiana del XX secolo di Fulvio Irace [Il Sole 24Ore]


Nella stampa internazionale

Covid-19 : mort de l’architecte italien Vittorio Gregotti [Le Monde]

Coronavirus: mort à 92 ans du géant italien de l'architecture Vittorio Gregotti [Le Figaro]

Vittorio Gregotti, renowned Italian architect, dies of coronavirus at 92 [The Guardian]

Italian architect Vittorio Gregotti dies of coronavirus at 92 [The Architect's Newspaper]

Redazione, edizione online, 16 marzo 2020


  • Vittorio Gregotti

GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012