Giorno per giorno nell'arte | Pomeriggio | 13 novembre 2019

La cripta di San Marco sott'acqua

Lidia Panzeri |

Ritorna l’incubo dell’acqua alta del 4 novembre 1966. Gli 1,87 cm di ieri notte sono di poco inferiori agli 1,94 cm del 1966. Sono gravissimi i danni alla Basilica di San Marco, che aveva appena approntato un sistema per tenere all’asciutto l'edificio fino a un’altezza di 110 cm. Quasi un fiume in piena ha invaso la cripta. Si sono avuti due morti a Pellestrina: un anziano di 78 anni, fulminato mentre stava cercando di far ripartire le elettropompe nella casa allagata e un altro abitante, trovato morto a casa sua.È divampato un incendio a Ca’ Pesaro. Ca’ Giustinian, sede della Biennale, il Teatro la Fenice, Ca’ Pesaro e Ca’ Rezzonico sono chiusi. Sono centinaia i negozi che hanno perso la loro merce. Vaporetti, barche, gondole affondati o scagliati dalla forza del vento sulle rive. Un’edicola è scivolata nel Canale della Giudecca.Gravissimi i danni nell’immediato, ancora da quantificare, a cui vanno giunti quelli a lungo termine dovuti alla risalita della salsedine che corrode monumenti e muri. Il premier Giuseppe ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Lidia Panzeri