Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Giorno per giorno nell’arte

Giorno per giorno nell'arte | La ripartenza

Una mappa in divenire delle principali riaperture in Italia a giugno

Il Palazzo del Quirinale a Roma. Domani alle Scuderie riapre la mostra di Raffaello. Foto tratta da Wikipedia

[Aggiornato il 10 giugno]. All'indomani della Fase 2, i luoghi della cultura hanno adottato procedure di sicurezza come la prenotazione obbligatoria e la vendita dei biglietti online, il contingentamento delle visite, la richiesta ai visitatori di indossare mascherine e di far uso dei disinfettanti per le mani, la fornitura di dispositivi elettronici che agevolano il controllo delle distanze di sicurezza: ora sono pronti ad aprire. Per la Festa della Repubblica di domani, 2 giugno, sono previste 50 riaperture in tutta Italia, tra musei e siti archeologici. Presentiamo una selezione dei luoghi che da oggi tornano visitabili. Man mano che le istituzioni confermeranno i loro piani per accogliere il pubblico nelle loro sedi, aggiorneremo questo elenco con le date di apertura. 

Il calendario completo delle date delle mostre è consultabile QUI

Bologna

TORRE DEGLI ASINELLI 3 giugno. A tre mesi dalla chiusura al pubblico ha riaperto il 3 giugno la Torre degli Asinelli, uno dei simboli di Bologna. La Torre riapre tutti i giorni (primo ingresso alle 10 e ultimo alle 18), con accessi contingentati e obbligo di mascherina per tutti, eccetto i bambini sotto i 6 anni.

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO 6 giugno.
Ha riaperto il 6 giugno la mostra «Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna» al Museo civico archeologico di Bologna. L'ambizioso progetto dedicato alla civiltà etrusca (circa 1.400 oggetti esposti su oltre mille mq di superficie espositiva) sarà visitabile fino al 29 novembre, grazie all'impegno congiunto di Istituzione Bologna Musei ed Electa e alla disponibilità di tutti i prestatori coinvolti.

Caserta


IL PARCO DELLA REGGIA DI CASERTA 2 giugno.
Le visite al Parco della Reggia di Caserta e ai suoi 123 ettari sono ripartite il 2 giugno. Riaprono anche i Giardini Inglesi. È prevista la prenotazione obbligatoria on line e ingressi contingentati per fascia oraria. Inizialmente verrà garantito l'accesso a un massimo di 30 persone ogni 15 minuti.

Cassino

MUSEO ARCHEOLOGICO G. CARETTONI E AREA ARCHEOLOGICA DI CASINUM 10 giugno.
Dal 10 giugno riapre l'area archeologica di Casinum (con l'anfiteatro e i resti dell'antico tracciato viario, un teatro e il Ninfeo Ponari) e il Museo Archeologico G. Carettoni (con reperti provenienti dalla città e dagli immediati dintorni).

Ferrara

PALAZZO SCHIFANOIA 2 giugno. Torna a splendere Palazzo Schifanoia. Dopo il terremoto del 2012, i restauri architettonici dedicati al miglioramento strutturale antisismico e l'emergenza Covid-19, il 2 giugno ha riaperto una prima porzione dell'antico edificio.

Firenze

PALAZZO STROZZI 1 giugno. Restando a Firenze, intanto, dal primo giugno è ripartita anche un’altra mostra «dormiente»: «Tomás Saraceno. Aria», che, prorogata, rimarrà ora allestita a Palazzo Strozzi fino al primo novembre.

PALAZZO DAVANZATI E MUSEO DELLE CAPPELLE MEDICEE 2 giugno. Il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica, hanno riaperto le porte del Museo di Palazzo Davanzati e del Museo delle Cappelle Medicee. In particolare, a Palazzo Davanzati la mostra dedicata a «Bellezza e nobili ornamenti nella moda e nell’arredo del Seicento» è stata prorogata fino al 28 giugno. Il Museo Nazionale del Bargello, invece, riaprirà al pubblico il 4 agosto con nuovi percorsi. La visita nei musei avverrà seguendo alcune regole pensate per garantire la visita in sicurezza.

UFFIZI 3 giugno.
Il 3 giugno hannno aperto gli Uffizi. Lo ha annunciato il direttore Eike Schmidt in occasione della riapertura del Giardino di Boboli. «Abbiamo seguito alla lettera le indicazioni del comitato tecnico scientifico: prima i musei all'aperto, come Boboli, quindi quelli piccoli, con meno di centomila visitatori all'anno, infine i più grandi, come gli Uffizi». Dall’8 marzo, giorno in cui i musei hanno chiuso, le 21 «Ipervisioni», mostre virtuali proposte dallo staff delle Gallerie degli Uffizi hanno avuto 3,8 milioni di visualizzazioni, pari a una media di 55mila al giorno.

MUSEO DELL'OPIFICIO DELLE PIETRE DURE 3 giugno.
L’Opificio delle Pietre Dure di Firenze ha riaperto al pubblico le sale del suo Museo, dopo la lunga chiusura causata dall’emergenza sanitaria per epidemia da Covid-19 che ha interessato il nostro Paese. A partire dal 3 giugno è perciò nuovamente possibile ammirare i capolavori in commesso fiorentino conservati nel museo.

Livorno

IL MUSEO GIOVANNI FATTORI E IL MUSEO DELLA CITTA' 3 giugno. Riapertura al pubblico, il 3 giugno, dei due musei civici, il Museo «Giovanni Fattori» e il Museo della Città, quest’ultimo limitatamente alla sezione arte contemporanea, con le sue opere prestigiose quali il Grande Rettile di Pino Pascali e La corsa di Alma di Emilio Isgrò. Si accede ovviamente con una serie di regole, per il contenimento del rischio virale da Covid-19.

Milano

MUSEO DI SANT'EUSTORGIO 1 giugno. Dopo la chiusura degli spazi a causa dell'emergenza sanitaria, il Museo di Sant'Eustorgio ha riaperto al pubblico dal primo giugno. Gli spazi del museo sono nuovamente visitabili tutti i giorni dalle 10 alle 18 (ultimo accesso ore 17.30).

GALLERIE D'ITALIA 2 giugno.
«Canova e Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna» contava quasi 200mila visitatori prima della chiusura dovuta all’emergenza Covid-19. L’esposizione ha riaperto il 2 giugno ed è prorogata fino al 28 del mese. La rassegna è curata da Stefano Grandesso e Fernando Mazzocca per le Gallerie d’Italia-Piazza Scala, resa possibile dall'accordo delle Gallerie d’Italia con l’Ermitage di San Pietroburgo, cui si aggiungono il Thorvaldsen Museum di Copenaghen e altri grandi musei italiani e internazionali.

MUSEO DEL DESIGN ALLA TRIENNALE 4 giugno. Il presidente della Triennale di Milano Stefano Boeri illustra la ripartenza dell'istituzione milanese, che il 4 giugno ha riaperto il Museo del Design. Da metà giugno iniziano le attività all'esterno della sede.

CENACOLO VINCIANO E PINACOTECA DI BRERA 9 giugno. Dal 9 giugno il Cenacolo vinciano e la Pinacoteca di Brera sono aperti al pubblico. Per l'Ultima Cena, durante la prima settimana di rodaggio, ogni ora è dato accesso a 20 persone (contro le 140 dell'era pre-Covid). E l'orario è limitato, dalle 14 alle 18.45. Nella seconda settimana i visitatori potranno aumentare, ma entro certi limiti.

Napoli

IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI 2 giugno. Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ha riaperto il 2 giugno: sono previsti prezzi ridotti e visita al restyling delle Sale degli Affreschi del museo.

IL MUSEO DI CAPODIMONTE 9 giugno. Ha riaperto il 9 giugno il Museo di Capodimonte. Per le visite obbligo di mascherina e ingresso contingentato con obbligo di prenotazione.

Recanati

GLI APPARTAMENTI PRIVATI DI GIACOMO LEOPARDI 18 giugno. Riaprono il 18 giugno a Recanati (Mc) gli appartamenti privati di Giacomo Leopardi, che si sarebbero dovuti in realtà riaprire lo scorso marzo, ma che sono rimasti chiusi per l'emergenza coronavirus.

Roma

MUSEI VATICANI 1 giugno.
La Città del Vaticano riprende a poco a poco a popolarsi. Il primo giugno i Musei del Papa hanno riaperto le porte ai visitatori, invitati «per un periodo ancora difficile da determinarsi nella sua durata» ad arrivare preparati all’appuntamento. Obbligatoria la prenotazione (gratuita) online sul portale ufficiale, obbligatorio il controllo della temperatura corporea all’ingresso dei musei e l’uso della mascherina per tutta la durata della visita. Momentaneamente sospese le aperture straordinarie dell’ultima domenica del mese e le visite agli scavi di San Giovanni in Laterano. Le visite ai Giardini Vaticani saranno limitate a gruppi di 10 persone.

IL PARCO ARCHEOLOGICO DEL COLOSSEO 1 giugno. Il primo giugno il Parco archeologico del Colosseo ha riaperto al pubblico, dopo 84 giorni di chiusura. Sono variati gli orari di accesso, ora compresi tra le 10.30 e le 19.15 (ultimo ingresso alle 18.15). Due saranno le tipologie di biglietto che consentiranno la visita al Foro Romano-Palatino e al Colosseo. Resta attivo il biglietto ordinario di 16 euro valido 24 ore, ma viene introdotto per la prima volta un biglietto ridotto che punta al coinvolgimento di tutti i visitatori: Art (Afternoon reduced ticket) al prezzo di 9,50 euro: sarà acquistabile online e usufruibile tutti i giorni a partire dalle ore 14 e fino alla chiusura.

SCUDERIE DEL QUIRINALE 2 giugno. È tornata visitabile il 2 giugno alle Scuderie del Quirinale la mostra «Raffaello 1520-1483», prorogata al 30 agosto, grazie alla disponibilità dei prestatori delle opere, e con un orario esteso (9-22). «Ricominciamo. Riapriamo le porte delle Scuderie del Quirinale pronti ad accogliere i visitatori nelle più scrupolose condizioni di sicurezza», ha dichiarato Mario De Simoni, presidente e amministratore delegato di Ales-Scuderie del Quirinale.

I MUSEI CIVICI 2 giugno. Dal 2 giugno hanno riaperto al pubblico tutti gli spazi del Sistema Musei in Comune di Roma Capitale. Dopo i Musei Capitolini e il Museo di Roma a Palazzo Braschi, il 19 maggio, hanno riaperto anche Museo dell’Ara Pacis, Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, Centrale Montemartini, Museo di Roma in Trastevere, Galleria d’Arte Moderna, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonica, Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, Museo di Casal de’ Pazzi, Museo delle Mura.

MAUSOLEO DI SANT'ELENA 2 giugno. Il 2 giugno ha riaperto il Mausoleo di Sant'Elena sulla via Casilina, in totale sicurezza, rispettando le prescrizioni e mantenendo le distanze. Le modalità di visita e gli orari di apertura al pubblico sono stati concordati tra la Soprintendenza Speciale di Roma, diretta dal Soprintendente Speciale Daniela Porro, e l’ente gestore del monumento, la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

VILLA FARNESINA 3 giugno. La Villa Farnesina, oggi di proprietà dell'Accademia dei Lincei, ha riaperto il 3 giugno. La dimora fu in parte affrescata da Raffaello per l'amico Agostino Chigi, il banchiere dei papi.

CASTEL SANT'ANGELO 4 giugno. Ha riaperto il 4 giugno a Roma Castel Sant'Angelo. Proprietà del Mibact, il Museo nel dicembre 2014 è entrato a far parte del Polo Museale del Lazio.

PANTHEON E MUSEO ETRUSCO DI VILLA GIULIA 9 giugno. A Roma il Pantheon ha aperto il 9 giugno. Mascherine, ingressi contingentati, termoscanner, tutto in modalità sicurezza. Sempre il 9 giugno ha riaperto il Museo Etrusco di Villa Giulia.

PALAZZO BARBERINI E GALLERIA CORSINI 11 giugno. L'11 giugno riaprono al pubblico Palazzo Barberini, sede della Galleria Nazionale di Arte Antica, e la Galleria Corsini. Per consentire al meglio lo svolgimento delle visite saranno aperti dal giovedì alla domenica, dalle 10 alle 18.

PARCO ARCHEOLOGICO DELL'APPIA ANTICA dall'11 giugno. L'appuntamento è ogni giovedì del mese. Si comincia l’11 giugno con il parco delle Tombe Latine sull’Appia Nuova. Il 18 giugno riapriranno la Villa romana a Capo di Bove, sede anche dell'Archivio di Antonio Cederna, e l’Antiquarium di via Lucrezia Romana. Il 25 giugno si rivedranno il complesso di Cecilia Metella e la grande Villa dei Quintili. Le aperture saranno dal giovedì alla domenica.

Rovereto

MART DI ROVERETO 2 giugno. Il Mart è ripartito senza ridurre né gli orari né la proposta. L’unica cosa ridotta è la tariffa di ingresso che per tutto il mese di giugno sarà di un euro. Come sempre l'offerta del museo si articola su tre sedi: il Mart, la Casa d’Arte Futurista Depero e la Galleria Civica di Trento.

Torino

MUSEO EGIZIO 2 giugno. Il Museo Egizio è ripartito con un'offerta temporaneamente ridotta. Il primo appuntamento con il pubblico il 2 giugno con una riapertura speciale: ingresso gratuito, dalle 10 alle 18, con prenotazione obbligatoria online. Dal 5 giugno il Museo Egizio è visitabile tre giorni alla settimana, il venerdì, il sabato e la domenica, dalle 10 alle 18, con tariffe d'ingresso scontate per tutti. L’ingresso è anche qui solo su prenotazione e non sarà possibile usufruire delle audioguide né del guardaroba. Il numero massimo di visitatori presenti contemporaneamente passa da 2mila a 280 e anche il prezzo del biglietto è rivisto al ribasso: da 15 a 10 euro, con sconti ulteriori per le famiglie.

PALAZZO REALE, ARMERIA REALE, CAPPELLA DELLA SINDONE E MUSEO DI ANTICHITA' 2 giugno. Hanno riaperto il 2 giugno il Palazzo e l'Armeria Reale, la Cappella della Sindone, il primo piano della Galleria Sabauda e il settore Torino del Museo di Antichità (biglietteria unica in piazzetta Reale, ma.-do. 9-18; biglietto acquistabile anche online). I Musei Reali si possono visitare con l’ausilio della nuova piattaforma «È Reale» e con quello dell’app «Mrt» che funge anche da audioguida.

MUSEO NAZIONALE DEL CINEMA 2 giugno. Il Museo Nazionale del Cinema ha riaperto il 2 giugno, dalle 9 alle 20, in contemporanea a molti musei torinesi dopo la sosta forzata del lockdown. Un’apertura straordinaria, che prosegue il venerdì, il sabato e la domenica, sempre con orario 9-20. L’ingresso al Museo è possibile esclusivamente con biglietto preacquistato online. [Il Giornale dell'Arte]

Treviso

MUSEI CIVICI 2 giugno. Hanno riaperto i Musei civici Luigi Bailo e Santa Caterina, quest'ultimo con la mostra «Natura in posa. Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo con la fotografia contemporanea», prorogata fino al 27 settembre.

Trieste

CASTELLO DI MIRAMARE 2 giugno. Per il Castello di Miramare a Trieste non è una semplice riapertura dei cancelli. In questo lungo periodo di chiusura, nel Parco e nel Museo i lavori di restauro, consolidamento e miglioramento dell’offerta culturale non si sono mai fermati. Dal 2 giugno il Castello di Miramare si presenta ai visitatori con una nuova veste e, soprattutto con una nuova proposta culturale. Aperta anche la mostra «La scienza della visione, fotografia e strumenti ottici all’epoca di Massimiliano D’Asburgo».

Venezia

COLLEZIONE GUGGENHEIM 2 giugno. Dopo 86 giorni di chiusura, il 2 giugno la Collezione Peggy Guggenheim ha ripreso l’attività. Nel mese di giugno, la Guggenheim riapre i battenti nei fine settimana, il sabato e la domenica, dalle 10 alle 18. Tornerà a essere visitabile la collezione permanente (con «L’impero della luce» di René Magritte o «Alchimia» di Jackson Pollock), non, almeno per ora, la mostra «Migrating Object. Arte dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim», che però non sarà disallestita.

PAAZZO FRANCHETTI 10 giugno. Dal 10 giugno Palazzo Franchetti riapre al pubblico solo su appuntamento. L'ingresso è gratuito e prevede una visita guidata al costo di 7 euro a persona. Il numero massimo di visitatori per gruppo è di 10 persone, negli spazi del museo è obbligatorio l'uso della mascherina e il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno 1 metro.

Redazione, edizione online, 1 giugno 2020



GDA409 Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vernissage Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale di Economia Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale delle Mostre Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere in Emilia Romagna Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere nelle Marche Luglio-Agosto 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012