Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | Edizione del mattino | 25 marzo 2019

Scultura contemporanea sulle scalinate del Met | Scomparso Andrea Emiliani | L'asta «Thinking Italian» di Christie's trasloca in Italia | La giornata in 16 notizie

L'ingresso al Metropolitan Museum di New York con la scalinata. Foto di Alex Proimos

Il Met accoglierà i visitatori con l'arte contemporanea. Per la prima volta nella sua storia, il Metropolitan Museum di New York presenterà sulla scalinata d'ingresso al museo sculture di artisti contemporanei. Si comincerà a settembre, con opere commissionate appositamente all'artista keniano-americano Wangechi Mutu. [artnet]

La morte di Andrea Emiliani.
Andrea Emiliani è morto questa mattina a Bologna, in ospedale, dove era ricoverato da due mesi. Collaboratore e amico del Giornale dell'Arte, nell'aprile 2011 aveva rilasciato un'intervista in occasione del suo ottantesimo compleanno, che riproponiamo integralmente, oltre a una testimonianza di Giovanni Pellinghelli del Monticello e a un ritratto del 2011 di Gianni Venturi. [Il Giornale dell'Arte]

A Milano si pensa italiano.
Dopo due anni nei quali si è tenuta a Londra, arriva a Milano «Thinking Italian», l'asta tematica di Christie's riservata all'arte moderna e contemporanea italiana, con un catalogo di 49 lotti. [Corriere della Sera]

Perché è opportuno tutelare gli autori.
Dalle pagine di «Repubblica» anche il direttore del Salone del Libro di Torino Nicola Lagioia e il presidente di Sugarmusic Filippo Sugar si esprimono a favore dell'approvazione della nuova legge europea del copyright, nei confronti della quale la posizione del Governo italiano sembra invece essere favorevole alle multinazionali. [la Repubblica]

Qualcuno ignora il Museo del Prado.
Nonostante sia il primo museo del Paese, il Prado di Madrid ha appreso con sorpresa che il 37,5% degli spagnoli non si è mai recato in visita, e il 16% della popolazione ha candidamente dichiarato di non essere interessato a farlo. [El País]

Archeologia al femminile.
Anche se sono passati 18 anni dall'ultimo ministro dei Beni culturali al femminile (Giovanna Melandri), in Italia il 56% di chi si occupa di cultura è donna: una pagina del «Corriere» si concentra sul settore dell'archeologia, con i profili di quattro maestre degli scavi. [Corriere della Sera]

Non offendete Auschwitz. L'Auschwitz Museum diffonde sul suo account Twitter ufficiale un invito ai turisti a comportarsi in maniera più consona al luogo visitato, evitando di entrare con cibi e bevande, e di scattare foto «gioiose» come quella di una ragazzina che gioca a stare in bilico sui binari, recentemente diffusa in rete. [la Repubblica]

Patrimonio Unesco in pericolo. Il «Fatto» pubblica un servizio di tre pagine, con intervista al nuovo membro della commissione Unesco Lino Banfi, sulla lista dei 54 siti Patrimonio dell'Umanità in pericolo. Un elenco dal quale sono esclusi i beni culturali italiani, anche se Venezia, Firenze e Napoli potrebbero presto rientrarvi. [il Fatto Quotidiano]

Voglia di novità sul mercato. Provenienza dell'opera, qualità e voglia di novità: sono stati questi secondo il report di Art&Finance Deloitte i principali riferimenti degli investitori sul mercato dell'arte nel 2018, che ha registrato una virata verso autori ancora poco conosciuti, ma promettenti. [la Repubblica]

Pubblicità divina. Tomaso Montanari si occupa dell'immagine di Venezia dopo la scelta da parte del clero lagunare di concedere le facciate di oltre 50 edifici di culto per l'installazione di grandi pannelli pubblicitari, in modo da raccogliere i fondi necessari ai restauri. [il Fatto Quotidiano]

Galleria londinese rimborsa la Sackler. Dopo che National Portrait Gallery e Tate hanno rifiutato future donazioni da parte della famiglia Sackler, la South London Gallery arriva persino a restituire alla farmaceutica il loro ultimo contributo, pari a 125mila sterline. [The Sunday Times]

Un pittore molto richiesto: Hitler. Dopo la confisca da parte delle autorità tedesche di dozzine di acquerelli falsamente attribuiti ad Adolf Hitler, pare che sul mercato asiatico stia scoppiando la mania di accaparrarsi un'opera realizzata dal dittatore nazista. [El País]

Street art animata a Torino. Il Maua di Torino (Museo di arte urbana aumentata), lancia una App per cellulari che permette, inquadrando un murales fra quelli presenti in città, di vedere sullo schermo l'opera che prende vita. [Corriere della Sera - Torino]

Holzer sulla creatività, i traumi e Trump. Il «País Semanal» ha intervistato l'artista statunitense Jenny Holzer, prima donna americana a ricevere il Leone d'Oro alla Biennale di Venezia nel 1990, che dopo la Tate Modern di Londra espone ora al Guggenheim di Bilbao. [El País Semanal]

Opere di Max Kaus per il museo Brücke. Lisa Marei Schmidt del Brücke-Museum di Berlino ha ringraziato pubblicamente la vedova dell'artista e tutta la famiglia per la donazione di 19 opere del pittore Max Kaus (1891-1977), sette delle quali erano già esposte nelle sale del museo. [Frankfurter AZ]

Che ne sarà del molo di Hastings? L'interesse della comunità locale e i fondi provenienti dalla lotteria sembravano aver fatto rinascere lo storico molo di Hastings, che aveva vinto nel 2017 anche il premio Sterling per il suo design visionario. Ma in seguito è stato venduto per sole 60mila sterline, e ora i nuovi proprietari lo tengono chiuso. [The Guardian]

Redazione, edizione online, 25 marzo 2019


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012