Giorno per giorno nell'arte | 9 luglio 2021

1.305 pezzi di arte precolombiana restituiti dal Brooklyn Museum al Costa Rica | Le vicende di Grande Zimbabwe | Galleria Borghese: ingressi +30% | La giornata in 14 notizie

Redazione |

Il Costa Rica recupera 1.305 pezzi di arte precolombiana, restituiti dal Brooklyn Museum di New York, che avevano lasciato il Paese centroamericano alla fine del XIX secolo. Già nel 2011 erano stati restituiti 981 oggetti. [Le Figaro]

A proposito dell'antica città africana di Grande Zimbabwe, nell'odierno stato africano dello Zimbabwe: prima hanno supposto che a costruirla fossero stati i bianchi colonizzatori, poi alcuni cercatori d'oro e archeologi prevenuti hanno arrecato al sito danni immensi. [Frankfurter Allgemeine Zeitung]

La Galleria Borghese, riaperta al pubblico il 26 aprile, ha registrato un incremento record di quasi il 30% dei flussi di visita sino ad oggi. Per fare fronte all'intensa richiesta del pubblico (perlopiù italiano, ma con una percentuale di stranieri in crescita) i turni di visita, su prenotazione, dalle ore 9 alle 19 sono stati ampliati da 100 a 150 persone ogni 2 ore e tutti i mercoledì del periodo estivo sono possibili le visite serali sino alle ore 22 con due turni di visita.

L’Archivio di Stato di Venezia rifiuta di agevolare la possibilità per gli studiosi di fare il proprio lavoro. Pur avendo sede in un refettorio monumentale (quello dei Frari) e pur dotato di tavoli che permetterebbero la presenza contemporanea di due persone nel rispetto della normativa anti Covid-19, l’attuale Direzione permane nel mantenere una politica d’ingressi come se fossimo nel pieno della pandemia: solo 10 utenti su 70. Per addivenire a una soluzione, il 29 giugno è stata rivolta una petizione, da parte di 360 studiosi (ma il numero è in costante crescita).

Dal 14 luglio l'archeologo Tiziano Trocchi sostituirà alla direzione del Museo archeologico di Ferrara Paola Desantis, a capo dell'istituto da sei anni. «In questi sei anni di direzione, ha dichiarato la Desantis, ho operato nell'ottica di far sì che quella che chiamo la casa degli Etruschi di Spina diventasse un po' la casa di tutti noi». [Ansa]

Alle Murate Art District di Firenze (Mad) si tiene la mostra di Fukushi Ito, «Mishima Code», fino al 3 settembre, a cura di Roberto Mastroianni organizzata da fund4art in collaborazione con Mad. Un ventina di opere, drawings, assemblage e pannelli a led che indagano le trasformazioni dei linguaggi artistici nell’era della globalizzazione proprio a partire dalle parole e dalle suggestioni degli scritti del grande letterato Yukio Mishima, figura complessa e contraddittoria, che diviene emblematica dei rapporti altrettanto complessi esistenti, nella contemporaneità, tra Oriente e Occidente dei quali Ito è, da decenni, attenta testimone. [Laura Lombardi per Il Giornale dell'Arte]

Si apre il 9 luglio, a Portoferraio (Li) la mostra «Nel segno di Napoleone: gli Uffizi diffusi all'isola d'Elba» (Pinacoteca Foresiana, fino al 10 ottobre), con cui le Gallerie degli Uffizi di Firenze inaugurano il loro piano di diffusione sul territorio toscano. [Ansa]

La Fondation du Patrimoine ha lanciato un appello in Francia per una raccolta fondi allo scopo di restaurare l'«hôtel particulier» di Château-Thierry, un edificio del XVI secolo in cui nacque Jean de La Fontaine. Lo scrittore vi stese la maggior parte delle sue Favole. [Le Figaro]

Al Santuario della Madonna del Fonte di Caravaggio (Bg), uno dei templi mariani più importanti della Lombardia, l'8 luglio una tromba d’aria ha strappato, come fosse carta velina, la copertura in rame della cupola, scagliandone una parte a 40 metri di distanza e lasciando uno sbrego di circa 15 metri quadrati. [Corriere della Sera]

All'asta londinese di Christie's il piccolo studio di «Testa di orso» di Leonardo da Vinci, partito da 4 milioni, ha ricevuto una sola offerta di 7,5 milioni di sterline (8.857.500 con i diritti sul compratore) da parte di un collezionista in sala, al di sotto della stima minima (tra 8 e 12 milioni). Il prezzo di aggiudicazione supera il precedente record che risale ormai a vent'anni fa ottenuto dallo studio «Cavallo e cavaliere», che fu pagato 8,1 milioni di sterline. [Il Sole 24 Ore]

Alla vendita Christie's di dipinti antichi, una veduta di Verona di Bernardo Bellotto ha cambiato titolare per 10,5 milioni di sterline, il nuovo record d'asta per il maestro veneto. Altri prezzi record sono stati battuti per Georges de La Tour, Adriaen van de Velde e Marco Ricci, tra gli altri. [The Art Newspaper]

L’arrivo all’Accademia Carrara di Bergamo, dal Rijksmuseum di Amsterdam, del celebre (e ben raramente prestato) «Autoritratto giovanile», 1628 ca, di Rembrandt, ha offerto l’occasione per la mostra-dossier «Rembrandt in una storia meravigliosa» (dal 9 luglio al 17 ottobre) che rilegge, in tre sale, alcune opere delle collezioni permanenti alla luce del suo magistero. Un tributo al maestro olandese, articolato in due focus: «Nella bottega di Rembrandt», che riunisce le opere degli allievi diretti (Gerbrand van den Eeckhout, Dirck Dircksz van Santvoort) e «La fortuna europea dell’artista olandese», con dipinti di artisti che, tra Sei e Settecento, hanno guardato a lui (Govaert Flinck, Giuseppe Nogari, Bartolomeo Nazari, Giovanni Benedetto Castiglione). L’allestimento è di De_8Architetti. [Ada Masoero per Il Giornale dell'Arte]

Nelle terre d’elezione del poeta Tonino Guerra (1920-2012), che le definì il posto dove ritrovi te stesso, torna dal 10 al 25 luglio Pennabilli Antiquariato, mostra mercato nazionale nelle botteghe e nei palazzi del centro storico. La manifestazione di antica data è in realtà ora riconosciuta con una formula nuova, nata lo scorso anno a causa della pandemia, caratterizzata dalla esposizione non più solo nella sede storica di Palazzo Olivieri, ma capillarmente diffusa in una moltitudine di luoghi tra cui abitazioni, botteghe, magazzini debitamente allestiti. Quest’anno gli stand saranno collocati anche nelle inedite sedi del Teatro Vittoria, di Palazzo del Bargello, appena restaurato, Palazzo Carboni e Chiesa di San Filippo e negli altri luoghi per un totale complessivo di 25 espositori antiquari. Al fianco della manifestazione, completamente gratuita, anche un ampio programma di iniziative culturali. La mostra mercato, organizzata dalla Associazione Culturale Pennabilli Antiquariato che compie cinquant’anni di attività, permette dunque una passeggiata tra mobili e dipinti di alta epoca, gioielli, oggetti d’arredo. [Stefano Luppi per Il Giornale dell'Arte]

Addii

Il 27 giugno è morto in Irlanda lo storico dell'arte Ronald Lightbown, uno dei maggiori e più prolifici esperti del Victoria & Albert Museum. Entrò nel 1958 nel museo londinese, del quale fu curatore della Biblioteca dal 1974 al 1985 e curatore del dipartimento di oggetti in metallo dal 1985 al 1989. Scrisse monografie su Donatello e Michelozzo, Mantegna, Botticelli (Premio Vasari, 1990), Piero della Francesca, Crivelli; ma anche cataloghi di argenti francesi e scandinavi, contributi al catalogo di scultura italiana e una monumentale opera sui Gioielli medievali europei, pubblicato dal Victoria & Albert nel 1992.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE