Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 8 aprile 2019

Furto a Pompei | Aperta al pubblico una tomba tolemaica | Anche la Cgil custodisce arte | La giornata in 16 notizie

Una veduta di Via dell'Abbondanza a Pompei. Foto: Carlo Pelagalli

Turista inglese ruba pezzi di mosaico a Pompei. Una turista inglese di 20 anni è stata bloccata dai Carabinieri dopo aver staccato le tessere di un mosaico a Pompei, dal pavimento mosaicato della Domus dell'Ancora. La giovane è stata vista dai custodi scavalcare il cordolo di protezione della zona, staccare alcuni tasselli di mosaico, metterli nello zaino e scappare. La donna è stata fermata e denunciata in stato di libertà per danneggiamento aggravato. [Ansa]

Aperta al pubblico in Egitto una tomba del periodo tolemaico. Una tomba risalente al primo periodo dell'età tolemaica, scoperta in ottobre nel sito di Al-Dayabat, vicino alla città di Sohag, a 400 km a sud del Cairo, e in eccellente stato di conservazione, è stata aperta al pubblico. [la Repubblica]

Arte nella casa del sindacato. Nella sua sede nazionale, ma anche in alcune territoriali, la Cgil custodisce un significativo patrimonio artistico fatto di quadri, stampe, sculture e memorabilia realizzati da artisti anche importanti vicini agli ideali del sindacato. [il Fatto Quotidiano]

Prendi l'arte e mettila a bilancio. L'inserto di «Repubblica» dedicato all'economia pubblica un'inchiesta sul business della filantropia, che ormai sta prendendo piede anche tra i grandi marchi italiani, che investendo in cultura guadagnano (e non solo in reputazione). [la Repubblica]

Tre Maggiolini per una settimana. In occasione della Design Week 2019 vengono esposti a Milano, nel Laboratorio Beretti di via Jacopo dal Verme 2, dall'8 al 14 aprile, tre capolavori di Giuseppe Maggiolini: un tavolino del 1790 realizzato per le nozze tra Giberto Borromeo e Maria Elisabetta Cusani, un comodino da centro e un piccolo tavolo inedito eseguito nel 1795 per il marchese don Pio Pallavicini Trivulzio. [Il Giornale dell'Arte]

Rischio cemento per i centri storici. Il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli scrive una lettera per mettere in guardia sui rischi del decreto cosiddetto «sblocca cantieri», approvato dal Consiglio dei ministri giovedì scorso. Grazie al principio del silenzio-assenso sul rilascio delle concezioni edilizie numerosi tesori architettonici delle città italiane potrebbero venir rimpiazzati da immobili che non rispettano i vicoli storici e paesaggistici. [la Repubblica]

Lusso e arte sempre in coppia. Sempre «Repubblica» dedica una doppia pagina all'intreccio tra arte e lusso, con i grandi brand internazionali che chiamano prestigiosi artisti a decorare le loro sedi, un po' come in passato re e principi chiamavano gli artisti per celebrare la loro fama. [la Repubblica]

I designer del futuro lavorano in digitale. «La Stampa» ha intervistato Marva Griffin Wilshire, fondatrice nel 1998 dello spazio dedicato ai giovani dentro al Salone del Mobile di Milano, sui criteri di scelta dei giovani designer selezionati per partecipare al Salone Satellite. [La Stampa]

Roma senza Lupa. Dopo nemmeno un anno di vita è morta la siepe a forma di Lupa, la scultura «sempreverde» voluta dal sindaco Virginia Raggi per Piazza Venezia. Il Comune ne ha già ordinata una copia, ma non arriverà in tempo per festeggiare l'anniversario della fondazione dell'Urbe. [Il Messaggero]

La Torino turistica sta in piedi grazie al vino, al tartufo e a Ronaldo. Gabriele Ferraris sul «Corriere» fa il punto sulla situazione della cultura a Torino, basandosi sui dati del Rapporto Rota sul 2018. Il panorama non è incoraggiante: i turisti non mancano, ma sono attratti da personalità del calcio e dalle eccellenze culinarie, più che artistiche. [Corriere della Sera - Torino]

Il caso di una tavola fiamminga di Toledo.
Alla chiusura nel 2012 della casa dei Gesuiti di Toledo, per mancanza di vocazioni, la Compagnia di Gesù decise di mettere all'asta i suoi beni artistici, nonostante l'articolo 28 della legge sul patrimonio storico spagnolo proibisca di farlo. Un'opera del 1510 del Maestro Johannes, venduta all'estero quattro anni fa per 43mila euro, è stata fatta stimare da Sotheby's, che l'ha valutata 750mila euro. Ma un Tribunale potrebbe bloccare qualsiasi mandato per la vendita. [El País]

C'è Orozco nel cuore verde del Messico. Il presidente Andrés Manuel López Obrador ricorda ancora il gesto dell'artista Gabriel Orozco, che più di 20 anni fa presentò alla Biennale di Venezia una scatola di scarpe vuota. Così gli affida un ambizioso intervento: trasformare la foresta di Chapultepec nel più grande spazio culturale del mondo. [El País]

Una nuova interpretazione di Goya. Nell'anno 1819 Goya, per fuggire da Fernando VII e da Madrid, acquistò una casetta vicino al fiume Manzanarre, passata alla storia con il nome di «Quinta del Sordo» («quinta» in spagnolo significa «casa di campagna»), dove tra il 1820 e il 1823 realizzò il celebre ciclo delle «Tele nere». Oggi una ricostruzione tridimensionale dell'edificio prova a ricostruire l'esatta collocazione dei quadri sulle pareti, per comprendere meglio le relazioni fra loro. [El País]

Dove abita l'erede della baronessa Thyssen? Borja Thyssen, il 39 enne primogenito di Carmen Cervera, è nei guai con il Tesoro per questioni di fisco e di residenza, che l'uomo negli ultimi anni sta trasferendo di continuo tra Andorra e Londra. [El País]

Quella volta che uno squalo cadde dal cielo. La recente scomparsa del committente, Bill Heine, diventa l'occasione per raccontare la storia dello scultore John Buckley e della sua opera nota come «lo Squalo dell'Headington», che nel 1986 sconvolse la vita degli abitanti di un tranquillo quartiere di Oxford. [The Guardian]

Il volto moderno di Petra. Un servizio della «Frankfurter» va alla scoperta del mondo culturale di Petra, in Giordania. Oltre a templi, sepolcri e paesaggi incredibili, fare arte qui non significa esclusivamente dedicarsi all'archeologia. [Frankfurter AZ]

Redazione, edizione online, 8 aprile 2019


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012