Giorno per giorno nell’arte | 7 marzo 2022

Un popolo in croce: arte e storia dell’Ucraina a rischio | Dal Ministero del Turismo 75 milioni a favore dei Comuni nei siti Unesco | Un dipinto di Bartolomeo Salvestrini donato agli Uffizi | L’Arena di Verona diventa museo | La giornata in 22 notizie

La statua del Cristo Salvatore della cattedrale armena di Leopoli messa al sicuro in un bunker
Redazione |

Un popolo in croce. In Ucraina Leopoli è come Londra durante il nazismo. Il Cristo Salvatore della catterale armena messo in salvo nei bunker è il simbolo del martirio di una nazione, mentre volontari e ong sono al lavoro per proteggere statue, monumenti e vetrate delle chiese in vista di un possibile attacco della Russia. Le statue vengono avvolte con spugna e plastica per cercare di ripararle da eventuali bombardamenti. [La Stampa] [Le Figaro]

La ferocia della guerra in Ucraina rischia di cancellare anche la storia. L’appello del ministro alla Cultura Oleksandr Tkachenko: «I missili e gli aerei russi stanno deliberatamente distruggendo i centri storici delle grandi città». [Il Sole 24 Ore]

Dimissioni in massa di dirigenti culturali dalle istituzioni russe, che ora sono nel caos. I casi della V-A-C Foundation, del Museo Puskin, del Museo di Arte Moderna di Mosca tra gli altri. [ArtNews]

La Neue Nationalgalerie di Berlino organizza una raccolta fondi per i rifugiati ucraini. Klaus Biesenbach, Olafur Eliasson e Anne Imhof organizzano un evento di due giorni al museo. [The Art Newspaper]

Di concerto con il ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero del Turismo ha creato un fondo di 75 milioni a favore dei Comuni compresi nei siti Unesco. L’obiettivo dell’iniziativa è sostenere la ripresa del settore turistico particolarmente colpito dalla crisi generata dalla pandemia. [AgenziaCult]

Un dipinto di Bartolomeo Salvestrini donato agli Uffizi. Entra nella collezione della Galleria degli Uffizi il dipinto «Salomone incensa gli idoli», realizzato dal pittore fiorentino Bartolomeo Salvestrini (1599-1633). L’opera, donata al museo da Fabrizio e Francesco Guidi Bruscoli, è dedicata alla memoria di Daniela Salvadori Guidi Bruscoli, in occasione degli 80 anni dalla sua nascita. [Ansa]

L’Arena di Verona diventa museo. Gli arcovoli dell’anfiteatro della città veneta diventeranno uno spazio museale nuovo e innovativo, completo di sistema multimediale, area bookshop e una caffetteria. Il progetto si inserisce nel processo di riqualificazione dell’Arena avviato nel 2019 grazie al finanziamento di 14 milioni di euro messi a disposizione da Unicredit Banca e Fondazione Cariverona attraverso l’Art Bonus. [Larena.it]

Grazie al Pnrr, al via i lavori di ripristino delle linee storiche delle ferrovie. Nascono nuovi itinerari turistici. Le tratte protagoniste di questo primo stralcio sono la Alcantara-Randazzo, la Gioia del Colle-Rocchetta e quella più a sud d’Italia, la Noto-Pachino. [AgenziaCult]

Art Dubai si concentrerà su Nft e criptovalute. La fiera d’arte si apre questa settimana negli Emirati Arabi Uniti con una nuova sezione di arti digitali e una serie di conferenze su tutto ciò che riguarda il metaverso. [The Art Newspaper]

Il corpo tra moda e arte. Nuove anatomie (connesse con la natura e con il virtuale) conquistano la scena a Lodi, alla Fondazione Prada e alla Biennale di Venezia. [Il Sole 24 Ore]

Si aprono il 17 marzo le iscrizioni alla sesta edizione di 18App, lo strumento promosso dal Ministero guidato da Dario Franceschini che, dal 2016, promuove la cultura tra le ragazze e i ragazzi mettendo a disposizione dei neo diciottenni un bonus da 500 euro da spendere in prodotti culturali. [AgenziaCult]

Tra i 33 isolotti della Laguna di Venezia gli affari immobiliari corrono, anche se non tutti gli acquirenti sembrano volerle trasformare in resort. L’isola della Cura è stata acquistata l’anno scorso da un imprenditore veneziano, Alvise Bottoni, che vuole che torni fruibile ai veneziani. Invece l’isola di San Giacomo al Paludo, venduta nel febbraio 2020 da Cassa Depositi e Prestiti ad Agostino Re Rebaudengo, si propone come nuovo polo culturale. [Corriere della Sera]

Musei e siti statali gratis per le donne l’8 marzo. In occasione della giornata internazionale della donna, l’8 marzo l’ingresso nei musei, nei parchi archeologici e nei luoghi della cultura dello Stato sarà gratuito per le donne.

Chaumont-sur-Loire apre una galleria digitale di arte contemporanea. La cittadina francese inaugura nel suo celebre castello quattrocentesco uno spazio digitale di 300 metri quadrati dedicato all’arte contemporanea. La prima opera presentata è quella dell’artista italiano Quayola. [Le Figaro]

Tracey Emin dona a Margate un nuovo polo artistico. Superata la malattia che l’ha quasi uccisa, l’artista britannica è tornata dov'è cresciuta. L'icona della British Art sta investendo per trasformare la cittadina del Kent in un paradiso per artisti. [Il Sole 24 Ore]

È terminato il restauro dell’affresco del Domenichino raffigurante la «Morte di Adone», grazie a una sinergia tra l’Ambasciata di Francia a Roma e l’Istituto Centrale per il Restauro. L’opera è parte di un ciclo di tre affreschi dipinti tra il 1603 e il 1604 nel Casino della Morte in via Giulia, un piccolo edificio fatto costruire all’inizio del Seicento dal cardinale Odoardo Farnese come dépendance di Palazzo Farnese.

Scoperta una sepoltura dell’Età del Bronzo in Francia, nella Charente. Una delle più grandi grotte sepolcrali della Francia contiene una dozzina di teschi, resti di animali, tracce di focolari e impronte di bambini risalenti a più di 2.500 anni fa. [Le Figaro]

Restaurato il Cristo Pantocratore nella chiesa rupestre del Crocifisso a Lentini. La Chiesa Madre Sant’Alfio e Santa Maria La Cava di Lentini e l’Aps Neapolis hanno presentato il restauro dell’affresco del Cristo Pantocratore nella Chiesa Rupestre del Crocifisso a Lentini-Carlentini (Sr). Gli interventi di restauro sono stati realizzati grazie al contributo del Fai (Fondo Ambiente Italiano) e di Intesa Sanpaolo nell’ambito del progetto «I Luoghi del Cuore». [leontinoinews.it]

L’archivio del gruppo femminista «Tre Ghinee/Nemesiache», fondato da Lina Mangiacapre a fine anni ’60, entra a far parte del patrimonio della Biblioteca Nazionale di Napoli e il sito web del gruppo da martedì 8 marzo sarà consultabile per studio e ricerca direttamente dal sito web della Biblioteca Nazionale di Napoli, di cui diventa parte costituente. L’integrazione è stata resa possibile dalla donazione di Silvana Campese, socia fondatrice (con Lina Mangiacapre, sua sorella Teresa e altre Nemesiache) della Cooperativa. [AgenziaCult]

Mostre aperte
In occasione delle celebrazioni dei 25 anni dall’entrata della località pugliese nel Patrimonio Unesco, Alberobello accoglie «Segni Elementari», mostra di arte contemporanea internazionale diffusa ideata da Francesco Carofiglio e a cura di Lorenzo Madaro, Concettina Ghisu, Brizia Minerva e dello stesso Carofiglio. Fino al primo maggio, le opere di 22 artisti dialogano con gli spazi interi ed esterni della città dei trulli per un percorso articolato in un unico tessuto narrativo e accompagnato da un docufilm a cui viene affidato il racconto del processo creativo, dell’allestimento, dell’incontro con gli artisti. L’esposizione è organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Alberobello, con il sostegno di Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese nell’ambito del progetto «Iconica Unesco 25». Gli artisti che espongono: Josè Angelino, Francesco Arena, Pamela Campagna, Francesco Carofiglio, Tiziana Contu, Ada Costa, Alessandro Costanzo, Daniele D’Acquisto, Franco Dellerba, Mimmo Di Caterino, Baldo Diodato, Helmut Dirnaichner, Viviana Fernandez Nicola, Francesco Fossati, Shay Frisch, Nicola Genco, Pietro Guida, Sophie Ko, Loredana Longo, Mimmo Paladino, Pasquale Santoro, Raffaele Vitto. [Graziella Melania Geraci per «Il Giornale dell’Arte»]

Addii
È scomparso a Washington il 22 febbraio, all’età di 84 anni, lo storico dell’arte Charles Dempsey, studioso del Rinascimento e del Barocco, specialista di Sandro Botticelli e Annibale Carracci. È stato mentore di diverse generazioni di studiosi. [hub.jhu.edu]

È morto il 27 febbraio, all’età di 99 anni, Charles Csuri, uno dei padri della «computer art». I suoi esperimenti con i computer negli anni Sessanta lo hanno fatto diventare una delle figure chiave nella storia dell’arte digitale. [ArtNews]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione