Giorno per giorno nell'arte | 7 maggio 2021

Nel 2020 dei musei italiani -75% dei visitatori | Altri cinque «Galileo» sottratti alla Biblioteca Nacional di Madrid | Per le Giornate del Fai, Sammezzano va a ruba | La giornata in 16 notizie

Una volta del Castello di Sammezzano. Foto: Fondo Ambiente Italiano
Redazione |

Nell'anno 2020 in Italia i vari lockdown che hanno ridotto drasticamente i giorni di apertura dei musei hanno avuto come conseguenza diretta un crollo dei visitatori (-75,6%), e quindi degli introiti netti (-79%). [Il Sole 24 Ore]

Un'inchiesta del Ministero della Cultura spagnolo scopre altre opere di Galileo Galilei sottratte alla Biblioteca Nacional di Madrid (oltre al trattato astronomico Sidereus Nuncius): altri cinque volumi. Intanto l'istituzione madrilena svela che ne mancano nove. [El País]

Per le Giornate di Primavera del Fai (Fondo Ambiente Italiano), che si terranno il 15 e 16 maggio, è andato subito esaurito il Castello di Sammezzano a Reggello (Fi): 900 posti «bruciati» in meno di 2 ore. [Ansa]

Un'edizione più «umana», più civile di Frieze New York, a sentire i giudizi degli espositori che vi partecipano, ha aperto le porte allo Shed di New York. I tempi più lenti sono stati apprezzati da tutti, mercanti e visitatori. [The Art Newspaper]

Il Museo Nazionale di Danimarca ritrova dei reperti vichinghi smarriti più di un secolo fa. Sono i resti umani di un'importante tomba scandinava del X secolo: trascurati nei depositi dell'istituzione, sono stati ritrovati da due ricercatrici. [Le Figaro]

Un'app lanciata dall'Interpol (si chiama Id-Art) aiuterà d'ora in poi a identificare i beni culturali rubati, ridurre il traffico illecito e aumentare le possibilità di recuperare l'oggetto dei furti. L'applicazione consente sia di accedere al database Interpol delle opere d'arte rubate, sia di creare un inventario di collezioni d'arte private e di segnalare siti culturali potenzialmente a rischio.

Si è aperta sull'Isola di San Giorgio Maggiore, a Venezia, «L'Arca di vetro. La collezione di animali di Pierre Rosenberg», una mostra curata da Giordana Naccari e Cristina Beltrami. Gli oltre 750 pezzi in esposizione appartengono alla raccolta che Pierre Rosenberg, storico direttore del Museo del Louvre, ha messo insieme in trent'anni di assidua frequentazione di Venezia. La mostra rimarrà aperta fino al primo agosto. [Ansa]

È ritornata in Italia dalla Germania una «Maria Maddalena» di scuola toscana della fine del XVI secolo, rubata negli anni '70 in Lombardia. Il recupero è stato effettuato grazie al lavoro dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Monza e all'ottima collaborazione con la Procura della Repubblica di Monaco e con la Polizia tedesca. [AgCult]

Due tratti di strada basolata romana sono venuti alla luce ad Anguillara Sabazia (Rm), nel corso dei lavori per l’estensione della rete Italgas. Probabilmente si tratta dell’antica via Clodia, la strada consolare che collegava Roma con i centri dell’Etruria interna. [Metronews]

Sono stati avviati i lavori di restauro di un gruppo di opere della Basilica di Santa Maria di Collemaggio all'Aquila: «L’incoronazione di Celestino», «Rinuncia al papato» e «Morte di Celestino». Un quarto dipinto, «Maria riceve doni dal popolo ebraico», sarà invece interessato in questa fase al consolidamento. I lavori, affidati alla ditta R.o.m.a. Consorzio, avranno una durata di circa tre mesi. [ilcapoluogo.it]

Con la pandemia, la laguna di Venezia ci ha guadagnato in salute: in appena due mesi dall'inizio del lockdown, le acque dei canali hanno registrato una diminuzione del 40% degli inquinanti organici volatili, che derivano principalmente dalla plastica, dal traffico e dall'attività turistica. [La Stampa]

I 140 murales che decorano le facciate di molte delle case di Satriano di Lucania (Pz) costituiscono dal 6 maggio il «Museo a cielo aperto dei dipinti murali di Satriano di Lucania», istituto dalla giunta comunale. [Ansa]

È stata prorogata al 27 giugno la chiusura della mostra «Pompei 79 d.C. Una storia romana», in corso in questi giorni al Colosseo. [AgCult]

Aperture
Al Museo Nazionale di Ravenna la personale di Carla Chiusano «Una città quattro regine» è allestita dal 7 maggio fino all’11 luglio.

Apre al pubblico la Scatola archeologica della Domus Aventino. Dal 7 maggio i visitatori potranno entrare all’interno di uno scavo archeologico.

Riapre sabato 8 maggio il Museo Leonardiano di Vinci (Fi). La prenotazione della visita andrà effettuata obbligatoriamente e almeno un giorno prima.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE