Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 7 maggio 2019

Il Castello di Masino sarà restaurato | Riaprono le rampe Poggi a Firenze | Servono correzioni ai lavori a Palazzo Citterio | La giornata in 13 notizie

Il Castello di Masino, a Caravino (To), visto dall'alto

Restauri in vista per il Castello di Masino. Presentato il piano di restauri da un milione di euro, grazie al finanziamento della Deutsche Post Foundation, per il Castello di Masino a Caravino (To), un edificio fatto erigere nell'XI secolo dalla casata dei Valperga e donato nel 1988 al Fai (Fondo Ambiente Italiano). L'intervento, che coincide con i 30 anni di apertura al pubblico grazie alla collaborazione con il benemerito ente culturale, interesserà più di 2mila metri quadri di superfici dipinte e affrescate. [Corriere della Sera]

Riconsegnate alla città di Firenze le Rampe Poggi. Tornano a risplendere dopo più di un secolo le Rampe Poggi a Firenze, che aprono oggi al pubblico. Monumentale opera dell'architetto Giuseppe Poggi, realizzate tra il 1872 e il 1876, servono a collegare il lungarno con Piazzale Michelangelo. [Il Giornale]

Lavori sbagliati a Palazzo Citterio. Ora che Palazzo Citterio è stato restaurato sembrava tutto pronto per fargli accogliere la sezione «Brera Modern» della Pinacoteca milanese: invece il direttore James Bradburne ha spiegato ieri che non ci sono le condizioni per esporre i quadri, a causa di diversi errori compiuti nella ristrutturazione dell'immobile. Servirà almeno un altro anno di interventi correttivi. [la Repubblica]

Così l'arte diventa impresa. Anche la Luiss (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali) di Roma lancia un progetto nel nome di Leonardo in occasione dei 500 anni dalla morte: si chiama «Appuntamento con l'ingegno» e consiste in incontri e tavole rotonde sui temi del rapporto tra arte ed economia, del rilancio del Paese grazie a imprese connesse con il mondo dell'arte, della creazione di ponti tra aziende e musei. Le precedenti due edizioni dell'iniziativa erano state dedicate alla moda e al cibo, sempre made in Italy. [Corriere della Sera]

Come sta il Duomo di Firenze? Sono iniziati presso il Duomo di Firenze i lavori di monitoraggio delle superfici esterne e dei monumenti, a cura del personale dell'Opera di Santa Maria del Fiore. Fino a fine mese le zone attorno all'edificio non saranno pienamente agibili a causa della presenza dei macchinari delle ditte interpellate per gli interventi. [la Repubblica]

Un ritratto poco amato. Inaugurazione non proprio felice per il ritratto del re spagnolo Felipe VI realizzato dal pittore andaluso Hernán Cortés. A essere contestati sono sia l'alto dispendio di denaro pubblico (l'opera è costata 88mila euro), sia la collocazione del quadro in un salone del Parlamento che non è attualmente accessibile al pubblico. [la Repubblica]

Il cammino del Caminito verso l'Unesco. Il grande successo di pubblico, con 300mila visitatori all'anno da quando è stato riaperto nel 2015, e la vicinanza di siti importanti come la Grotta di Ardales e il forte di Bobastro sono i punti di forza della candidatura del «Caminito del Rey» di Malaga a Patrimonio Mondiale dell'Umanità, che sarà presentata all'Unesco mercoledì prossimo. [El País]

Da parco illuminista a parco a tema. Dopo aver trasformato il vicino castello in un hotel ristorante, ora si teme che il giovane imprenditore libanese-canadese Antoine Haswani, che si è impegnato per ristrutturare il «parco filosofico» di Ermenonville (un piccolo comune del dipartimento dell'Oise, nella regione dell'Alta Francia), dedicato a Jean-Jacques Rousseau, voglia trasformare un giardino concepito per favorire pensiero e meditazione in un parco a tema capace di ospitare spettacoli per turisti. [Le Monde]

Notre-Dame ha colpito al cuore gli Usa. La French Heritage Society, associazione americana per la salvaguardia del patrimonio con sede a New York, sin dal primo giorno dopo il disastro continua a ricevere donazioni da parte di cittadini statunitensi per la ricostruzione della Cattedrale di Notre-Dame a Parigi. [Le Figaro]

Salonicco senza metro ma con un tesoro. All'inizio dei lavori per la metropolitana di Salonicco, nel 2006, la previsione era di finire entro sei anni. A oggi è ancora tutto fermo, perché durante gli scavi sono venuti alla luce alla luce 300mila reperti archeologici, tra cui ghirlande d'oro e gioielli preziosi. [The Times]

Doppia fortuna per Mr. Lucking. Cinque anni dopo aver trovato un pendente anglo-sassone di 1.400 anni fa, stimato 145mila sterline, il 27enne Tom Lucking, che dedica i suoi fine settimana a cercare reliquie con un metal detector, ha riportato alla luce una spilla d'argento e ametista di 800 anni fa in un terreno agricolo recentemente arato a Wymondham. [The Times]

Nostalgie veneziane. Con la Biennale di Venezia in apertura, sei importanti artisti inglesi ricordano la loro partecipazione alle edizioni passate, augurando buona fortuna ai loro colleghi presenti in Laguna quest'anno. [The Guardian]

Quel Pissarro è da restituire. Dalle pagine del quotidiano spagnolo «El País» l'avvocato Rafael Mateu de Ros sostiene che, seguendo la sentenza di un giudice californiano, la Collezione Thyssen avrebbe il dovere morale di restituire un dipinto di Camille Pissarro («Rue Saint-Honoré, après midi, effet de pluie») che fu razziato dai nazisti agli eredi della legittima proprietaria. [El País]

Redazione, edizione online, 7 maggio 2019


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012