Giorno per giorno nell'arte | 6 settembre 2021

I numeri dei musei italiani dopo il Covid | Il Banksy autodistrutto di nuovo in asta | Una statua di Igea scoperta ad Aizanoi, in Turchia | La giornata in 15 notizie

La casa della famiglia Caillebotte a Yerres, nell'Essonne
Redazione |

I musei italiani dopo la riapertura hanno registrato numeri molto confortanti. Da maggio a luglio 2021 i visitatori dei diversi siti espositivi sono stati circa 4 milioni, con una crescita di oltre il 155% rispetto allo scorso anno (quello della pandemia). Tra gli altri il Colosseo ha segnato +156%, gli Uffizi +46%, Pompei +20%, Paestum +30%, Museo Archeologico di Napoli +79%, Musei Reali di Torino +25%, Castel Sant’Angelo +78%. [AgCult]

Sarà di nuovo in asta il Banksy che si autodistrusse clamorosamente tre anni fa subito dopo esser stato venduto da Sotheby's a Londra per un milione di sterline. «Love is in the Bin» (L'amore è nel cestino) tornerà all'asta il 14 ottobre, sempre da Sotheby's, con una stima di partenza da quattro a sei volte maggiore rispetto a quella del 2018. [Ansa]

È stata scoperta in Turchia, in Anatolia occidentale, nel sito di Aizanoi, una statua di Igea, la figlia di Esculapio. La città turca potrebbe allora essere stata nei tempi antichi un centro di culti terapeutici. [Le Figaro]

Proseguono le trattative tra politica, arte e economia per l'erezione nel deserto di Abu Dhabi di una gigantesca «mastaba» composta da barili di petrolio e concepita dalla coppia di artisti Christo e Jeanne-Claude, edificio che essi speravano di veder terminato. [Le Monde]

La casa della famiglia di Gustave Caillebotte a Yerres, nell'Essonne, è in lizza per essere eletta «il monumento preferito dei francesi» il 15 settembre. La proprietà spera di approfittare di questa ribalta per poter divenire una delle destinazioni irrinunciabili per la storia dell'Impressionismo. [Le Figaro]

I musei vogliono convertirsi al «verde». Direttori, conservatori e professionisti di istituzioni di tutto il mondo concordano iniziative per dare impulso al rispetto dell'ambiente nei centri d'arte, tagliando sui viaggi e insistendo sull'efficienza energetica. [El País]

A Parigi è fitto il calendario di mostre per la rentrée. Valérie Duponchelle e Eric Biétry-Rivierre indicano, tra le altre, la collezione Morozov alla Fondation Vuitton, l'Arc de Triomphe «impacchettato» da Christo, e la Grecia al Louvre. [Le Figaro]

Roxana Azimi dà qualche suggerimento per investire nell'«high-tech» dell'arte, acquistando degli Nft, la nuova frontiera del mercato, nonostante che varcare le frontiere della cripto-arte non sia una questione così semplice. [Le Monde]

Per raggiungere una più ampia fascia di pubblico, i siti archeologici siciliani saranno protagonisti di videogiochi, come il progetto Augustus (acronimo che sta per AUgmented Game for Sicilian ToUrism marketing Solutions), che offrirà la fruizione onsite e offsite del patrimonio culturale siciliano. Tra i siti scelti nella circostanza, Agrigento, Morgantina, Piazza Armerina, Naxos-Taormina e Santa Caterina d'Alessandria (Pa). [Ansa]

Al Pincio occorre erigere monumenti alle donne, che attualmente sono solo 3, contro i 225 busti maschili. Serve un cambio di passo e ci sono moltissime personalità che meriterebbero. Ne scrive Paolo Conti. [Corriere della Sera]

L'artista spagnolo Antoni Miralda ha ritrovato 7.500 negativi fotografici inediti con cui sta preparando un libro e una mostra che si terrà al barcellonese La Virreina Centre de la Imatge. [El País]

Il Fondo-archivio Carmelo Bene, a partire dal 13 settembre, offrirà al pubblico negli ambienti del Convitto Palmieri a Lecce un allestimento inedito per proporre una sorta di «incontro ravvicinato» con il grande attore, drammaturgo, regista, scrittore e poeta pugliese scomparso nel 2002. Tra gli oggetti esposti, volumi (per lo più rari libri di storia dell'arte, teatro, letteratura e storia), 22 costumi ed accessori di scena e oggetti personali come manoscritti, fotografie, registrazioni e dischi. [Ansa]

Si aprirà il 10 settembre alle ore 18, al Kapannone dei Libri di Angera (Va), la prima mostra omaggio al «narratore d'arte» Philippe Daverio, a un anno dalla sua scomparsa. Esposti libri, cataloghi e saggi scritti da lui o a lui dedicati, ma anche una serie di cimeli e oggetti curiosi provenienti dal suo studio milanese. [Ansa]

Parte il 6 settembre la prima campagna di scavi archeologici a Siponto (Fg) nel quadro di un progetto pluriennale, «Sipontum: archeologia globale di una città portuale», condotto dalle Università di Bari e di Foggia, in stretta collaborazione con il Parco archeologico di Siponto. [AgCult]

È slittata al 30 ottobre l'apertura della mostra «Raffaello giovane e il suo sguardo», a cura di Marika Mercalli e Laura Teza, inizialmente in programma dal 18 settembre nella Pinacoteca di Città di Castello (Pg). [Ansa]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE