Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Giorno per giorno nell’arte

Giorno per giorno nell'arte | 5 ottobre 2020

Scoperti a Saqqara 59 sarcofagi del VI o VII secolo a.C. | Riaperta la sala di San Pier Scheraggio agli Uffizi | Il Mose ha funzionato | La giornata in 16 notizie

Il monumento di Buzludzha in Bulgaria per cui gli intellettuali si stanno mobilitando

Scoperti a Saqqara 59 sarcofagi del VI o VII secolo a.C. In Egitto un team di archeologi ha annunciato di aver rinvenuto 59 sarcofagi di legno, ben conservati e sigillati, sepolti oltre 2.500 anni fa. La scoperta è avvenuta ad agosto a sud del Cairo, a Saqqara. Le bare erano sepolte in tre pozzi di 10-12 metri insieme a 28 statue dell'antico dio egizio Seker. Apertane una, sono stati trovati resti mummificati avvolti in un sudario, con iscrizioni geroglifiche in colori vivaci. [La Stampa]

Gli Uffizi hanno riaperto la sala di San Pier Scheraggio. Dopo alcuni restauri agli Uffizi ha aperto al pubblico la sala con gli scavi della chiesa di San Pier Scheraggio, sito che nel XVI secolo venne inglobato nel complesso vasariano e che ora per la festa di San Francesco d'Assisi rientra nel percorso di visita. Si potrà «camminare» sugli scavi sopra un pavimento di cristallo e ammirare un affresco trecentesco che raffigura il Santo. [La Nazione]

Sabato a Venezia il Mose ha funzionato.
Il Mose funziona. L’opera realizzata per difendere Venezia dall’acqua alta è entrato in azione sabato, sollevando le 58 paratoie mobili installate per intercettare e arrestare l’alta marea che si sarebbe riversata sulla città. [Il Sole 24 Ore]

Scoperti neuroni nel cervello di una vittima di Pompei. Alcuni neuroni integri sono stati scoperti nel cervello vetrificato di una vittima dell'eruzione del 79 d.C. che seppellì Ercolano, Pompei e l'intera area vesuviana. La scoperta è frutto del lavoro dell'antropologo forense Pier Paolo Petrone, responsabile del Laboratorio di Osteobiologia Umana e Antropologia Forense presso la sezione dipartimentale di Medicina Legale dell'Università di Napoli Federico II. [Ansa]

In Bulgaria inizia il restauro dell'enorme monumento comunista di Buzludzha. Nel cuore della Bulgaria, nella località di Buzludzha, un monumento comunista in stato di abbandono conosce una sorta di resurrezione per la mobilitazione di esperti che si adoperano per salvare i suoi mosaici in rovina. [Le Figaro

Il duomo di Ferrara ha riaperto un'area esterna e l'antica sagrestia.
Il 3 ottobre è tornato accessibile al pubblico a Ferrara il passaggio del cortile dell'abside del duomo (tuttora chiuso al pubblico per motivo di restauro), restaurato e ripulito dalla vernice spray. Riaperta anche l'antica sagrestia del 1700, chiusa da prima del terremoto ma ferita dalle scosse. Aperta infine, attorno al campanile, una galleria fotografica con immagini storiche della cattedrale. L'arcivescovo Gian Carlo Perego ha parlato di «segnale di vita e di cultura attorno alla nostra cattedrale», la cui chiusura - sottolinea - è «una ferita aperta». [Ansa]

L'arte danese del XIX secolo al Petit Palais. Circa 200 opere dei pittori di Danimarca vissuti nella prima metà dell'Ottocento (tra gli altri Vilhelm Hammershøj e Nicolaï Abraham Abildgaard) danno vita a un'esposizione ospitata dal Petit Palais. [Le Monde]

Le «Rovine» ritratte da Koudelka in mostra a Parigi. Il fotografo ceco Josef Koudelka aveva iniziato la sua serie «Ruines» nel 1991 a Delfi in Grecia. L'ha finita nel 2018 a Petra in Giordania. La Bibliothèque Nationale de France ora la mette sontuosamente in scena. [Le Figaro]

È online «Italics Art and Landscape»: l'Italia raccontata dai galleristi. 63 galleristi italiani narrano sulla nuova piattaforma digitale «Italics Art and Landscape» le loro esperienze culturali sul territorio italiano a stretto contatto con gli artisti. [Il Sole 24 Ore]

In Italia nasce il sentiero più lungo del mondo, grazie al Cai e al Mibact. Nasce il Sentiero Italia: con i suoi 7.200 km diventa «il cammino più lungo del mondo». Verrà raccontato anche in un docufilm di 50 minuti e illustrato in una guida in 12 volumi. È questo il nucleo del nuovo protocollo d'intesa siglato dal Mibact e dal Cai e presentato dal ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, insieme al presidente del Club Alpino Italiano Vincenzo Torti. [la Repubblica]

A novembre Pisa celebrerà il matematico Fibonacci. Pisa si prepara a celebrare 850 anni dalla nascita di Leonardo Pisano Fibonacci, considerato uno dei più grandi matematici di tutti i tempi, autore del Liber Abbaci e noto per aver individuato la celebre sequenza numerica che porta il suo nome. Fibonacci nacque infatti nella città toscana nel 1170: una statua lo ricorda nel Camposanto monumentale di piazza del Duomo. [Ansa]

Un milione di alberi piantati a Machu Picchu. Il sito di Machu Picchu si trasformerà prossimamente nella prima meta turistica del mondo impegnata concretamente a ridurre le emissioni di anidride carbonica (Co2), dopo che il ministero dell'Ambiente (Minam) peruviano ha annunciato che nella zona del santuario saranno piantati un milione di alberi. [la Repubblica]

Il restauro di un San Rocco umbro. È stato pubblicato nella sezione Art Bonus per il Terremoto del sito dell’Ufficio del Soprintendente Speciale per le aree colpite dal sisma del 24 agosto del Mibact il rapporto sul recupero e restauro della statua lignea di San Rocco, proveniente dalla Chiesa di Sant’Antonio Abate a Frascaro, frazione di Norcia (Pg). [AgCult]

Rinvenuta una corazza romana della battaglia di Teutoburgo. Ritrovata nella Germania Nord occidentale una «lorica segmentata», in un terreno che ha già restituito reperti di bronzo, ferro, cuoio e legno. Qui avvenne la strage di 15mila uomini nel 9 d.C. [La Stampa]

Addii

La morte di Kenzo Takada. Il 4 ottobre è morto in un ospedale di Neuilly-sur-Seine lo stilista franco-giapponese Kenzo Takada, per le conseguenze del Covid-19. «È con immensa tristezza che la società Kenzo ha appreso della scomparsa del proprio fondatore», ha scritto la casa di moda in un comunicato. «Per mezzo secolo, Kenzo Takada è stato una personalità emblematica nel mondo della moda, sempre permeando il mondo di creatività e di colore». Era famoso per i suoi stilemi decorativi ispirati alla natura e agli animali della giungla. [Bloomberg.com]

La scomparsa di Juan Serrano. L'architetto e pittore di Cordoba Juan Serrano Muñoz è morto il 4 ottobre nella sua città natale all'età di 91 anni. Fu membro di Equipo 57, gruppo di artisti spagnoli formatosi alla fine degli anni Cinquanta a Parigi e di cui fecero parte Jorge Oteiza e Agustín Ibarrola. [El País]

Redazione, edizione online, 5 ottobre 2020


  • Kenzo Takada
  • Il Mose di Venezia. Foto di Massimo Belluzzo

GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012