Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 4 marzo

Uno scozzese a New York per lo Shed | La scomparsa di Kevin Roche | L'asta «femminista» ha incassato il 100% | La giornata in 11 notizie

Lo Shed di New York in un rendering

La sfida di Alex Poots. In cinque anni è passato dalla direzione artistica del festival internazionale di Manchester allo «Shed» (il Capannone), il maggior spazio d'arte a New York dai tempi del Lincoln Center nel 1962, per il quale ha saputo raccogliere mezzo miliardo di dollari in finanziamenti privati. Ad aprile, in occasione dell'apertura, si vedranno i frutti del lavoro del 52enne impresario scozzese Alex Poots. [The Guardian]

Aveva progettato la Sackler Wing al Metropolitan. Il primo marzo è morto a Guilford nel Connecticut, all'età di 96 anni, l'architetto Kevin Roche, vincitore del premio Pritzker nel 1982. Irlandese di nascita (era nato a Dublino nel 1922), Roche con la sua ditta Kevin Roche John Dinkeloo and Associates aveva collaborato a lungo con il Metropolitan Museum di New York, per il quale nel 1967 aveva elaborato un master plan, e per cui realizzò nel 1978 la Sackler Wing. [ArtNews]

Guanti bianchi per l'asta «delle donne per le donne di domani». È stata una «white glove sale», cioè ha venduto tutti i lotti del catalogo la vendita dal titolo «By Women for Tomorrow's Women», tenutasi a New York da Sotheby's il primo marzo. In cima alla lista decrescente dei prezzi figurano i 2,9 milioni di dollari (record d'artista) pagati per «Blanco y verde», opera del 1966-67 di Carmen Herrera, artista cubano-americana leggenda vivente (ha 103 anni). [artnet.com]

Era un esperto della gestione del patrimonio artistico pubblico. A 71 anni appena compiuti, è morto nella sua Perugia Massimo Montella: grande esperto su come gestire il patrimonio artistico pubblico, attento al rapporto delle istituzioni dʼarte con i cittadini, profondo conoscitore delle leggi sul settore, dotato di senso dellʼumorismo con gli amici, fino a pochi mesi fa era ordinario di Economia e Gestione dei Beni culturali allʼUniversità di Macerata. Tra i tanti incarichi aveva progettato e organizzato la rete dei musei per la Regione Umbria e aveva contribuito a delineare i sistemi museali regionali di Marche e Abruzzo. Nella «prima Repubblica» aveva militato nel Partito Repubblicano Italiano. Era più volte intervenuto sulle colonne del nostro Giornale. [Stefano Miliani per «Il Giornale dell'Arte»]

Multe per chi va alle Cinque Terre in infradito. Per tutelare la sicurezza ed evitare costose operazioni di soccorso, le Cinque Terre annunciano divieti e multe da 50 a 2.500 euro ai visitatori che si presenteranno vestiti in maniera inadeguata per percorrere i percorsi alle spalle dei paesi. Ma c'è chi sostiene si tratti di un problema di comunicazione: molti sono convinti di arrivare in una località di mare, e si trovano a dover percorrere sentieri di montagna. [Il Giornale]

Un discutibile marketing culturale.
Atteso per oggi il verdetto del Mibact sul trasloco insensato delle «Sette opere di Misericordia» di Caravaggio da Napoli a Capodimonte, a seguito della delocalizzazione delle opere prevista dalla riforma Franceschini. Un (costoso) spostamento di appena 2,3 chilometri che rischia di avere conseguenze sulla preziosa opera. [il Fatto Quotidiano]

Umane stranezze. Da oggi per tre giorni nelle sale cinematografiche italiane si potrà ammirare «Wunderkammer», il documentario dedicato ai collezionisti che in ogni parte del mondo raccolgono cimeli straordinari dalla preistoria a oggi. [Il Messaggero]

La Cultura non è un problema economico. L'inserto economico del «Corriere» intervista Carlo Fuortes, sovrintendente del Teatro dell'Opera di Roma, indicato da molti come esempio di manager che ha saputo risanare il bilancio dell'ente lirico facendo sì che l'istituzione ora possa camminare da sola. [Corriere della Sera]

Malta si abbellisce con i fondi UE. Da anni Malta è un enorme cantiere, con l'economia che cresce del 5,2% (contro lo 0,2 italiano e l'1,1 tedesco), ma non si tratta solo di edifici nuovi: grazie ai finanziamenti europei è stata recuperata la Cittadella fortificata di Gozo, e il paese punta forte su turismo e cultura. [la Repubblica]

L'archistar del mattone usato. L'architetto tedesco Thomas Rau, olandese d'adozione, ha una ricetta per ridurre i rifiuti prodotti dall'edilizia, che rappresentano il 40% del totale, riutilizzandoli per nuove costruzioni o per realizzare altri tipi di materiale. [la Repubblica]

Videogiochi al servizio dei musei. Con il «Playable Museum Award», il riconoscimento destinato ai migliori videogames realizzati per i musei, il mondo intellettuale accetta ufficialmente l'ingresso di questa tecnologia fra i produttori di cultura. [La Stampa]

edizione online, 4 marzo 2019


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012