Giorno per giorno nell'arte | 3 novembre 2021

In 52 siti 102 detenuti impegnati in lavori di pubblica utilità | Scoperti tre busti di epoca romana nel Buckinghamshire | Cercansi 150 esperti archivisti | La giornata in 14 notizie

Uno dei busti romani scoperti a Stoke Mandeville
Redazione |

Il ministro della Cultura Dario Franceschini e la ministra della Giustizia Marta Cartabia hanno firmato il 2 novembre una convenzione (la prima del genere firmata tra due ministeri) grazie alla quale 52 siti culturali (tra cui la Reggia di Caserta, la Pinacoteca di Bologna e il Palazzo Ducale di Mantova) apriranno le porte a 102 persone detenute per reati per i quali è prevista una pena di massimo quattro anni, impegnate nei lavori di pubblica utilità ai fini della messa alla prova. In caso di esito positivo, il reato si estingue. [Ansa]

Una squadra di archeologi inglesi ha portato alla luce a Stoke Mandeville, nel Buckinghamshire in Gran Bretagna, tre busti scolpiti di epoca romana ritrovati presso le rovine di un’antica chiesa medievale. Il ritrovamento è stato effettuato nel corso dei lavori per la realizzazione di una linea ferroviaria di alta velocità. [artnet.com]

Grazie al Pnrr, il Ministero della Cultura assegnerà 150 incarichi di collaborazione per esperti archivisti, per assicurare il funzionamento degli Archivi di Stato, delle Soprintendenze archivistiche e delle Soprintendenze archivistiche e bibliografiche del MiC. [AgCult]

Visita in anteprima del Depot Boijmans Van Beuningen, che aprirà le sue porte il 6 novembre. Si tratta di una sorta di deposito delle 150mila opere di un’istituzione (l'omonimo museo) che ospita opere di Hieronymus Bosch, Rembrandt, Van Gogh e Kandinskij tra gli altri. Il Depot sarà accessibile al pubblico, che potrà ammirare tutto il suo contenuto. [El País]

L'M+Museum di Hong Kong, che aprirà al pubblico il 12 novembre, dopo più di un decennio di preparazione, potrebbe rivaleggiare con la Tate Modern e con il Centre Pompidou. Ecco perché, secondo Alex Greenberger. [ArtNews]

Appello congiunto di Audrey Azoulay, direttrice generale dell’Unesco e Dario Franceschini, ministro italiano dei Beni Culturali, per proteggere le opere d’arte in Afghanistan a vent’anni dalla distruzione dei Buddha di Bamiyan. [la Repubblica]

Un dipinto olandese ritraente un uomo anziano e barbuto, rubato nel 1979 dallo Schloss Friedenstein a Gotha, in Turingia (Germania), ritrovato recentemente e restaurato, potrebbe non essere di Jan Lievens o Ferdinand Bol (le attribuzioni che si sono succedute in questi anni), ma un’opera di Rembrandt. Lo sostiene Timo Trümper, il curatore di una mostra ospitata fino al 21 agosto del prossimo anno allo stesso Schloss Friedenstein, mostra in cui il quadro è esposto. [The Art Newspaper]

Mecenatismo «geografico» negli Usa. Se volete sostenere le arti in America, dicono Susie Surkamer e Joy Young, investite nel Sud degli Stati Uniti. Se il Nord-Est riceve 4 dollari ad abitante dai mecenati, il Sud ne riceve 1. Questo è un problema di sperequazione. [artnet.com]

L’Arabia Saudita svela nuovi tesori culturali. Archeologi locali e francesi stanno lavorando per riportare alla luce, nel Nord-Ovest del Paese, i resti di due civiltà ancora semisconosciute che regnarono e prosperarono per 900 anni fino al 100 d. C., i regni di Dadan e Lihyan. [la Repubblica]

Nel comune di Piuro (So) una squadra di ricercatori e studenti sotto la guida di Fabio Saggioro, docente di archeologia medioevale all’Università di Verona, ha ritrovato sei tombe risalenti a un’epoca compresa tra il IV e il VII secolo d.C. Accanto agli scheletri, perfettamente conservati, c’era anche una moneta dell’imperatore Teodosio I. [larena.it]

Sarah Cosulich assume le funzioni di direttrice della Pinacoteca Agnelli di Torino. È affiancata nello sviluppo delle mostre da Lucrezia Calabrò Visconti, curatrice e responsabile del Dipartimento curatoriale. Beatrice Zanelli guida il Dipartimento collezione e progetti educativi. Gloria Bartoli è a capo del Dipartimento comunicazione e relazioni esterne. [Ansa]

Il Surrealismo oggi. Collettivi come il Grupo Surrealista di Madrid, che compie 30 anni e sta per far uscire nuove pubblicazioni, danno senso nel XXI secolo a questo movimento artistico. [El País]

Silvia Anna Barrilà e Marilena Pirrelli indagano le tendenze del mercato dell’arte tessile contemporanea, presente nel collezionismo di qualità e attiva nella ricerca di nuovi mezzi di comunicazione, con le ultime quotazioni o fasce di prezzo per artista. [Il Sole 24 Ore]

Secondo una nuova ipotesi, nel Duecento il Ciclo dei Mesi nel portale maggiore della Basilica di San Marco a Venezia era una sorprendente rappresentazione del cielo notturno ottica e calendariale e nel portale erano applicati elementi metallici che formavano la mappa del firmamento. Una mostra al Magazzino del Sale 3 alle Zattere, visitabile sino al 15 gennaio, ci aiuta a immaginare come si presentava. [la Repubblica]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione