Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 28 novembre 2019

Van Eyck nel 2020: una mostra da capogiro | Il placet a Isozaki da Franceschini | Pitti e Boboli gratis il 30 novembre | La giornata in 6 notizie

Particolare del «Ritratto di uomo» (Léal Souvenir)» di Jan Van Eyck che sarà prestato dalla National Gallery di Londra al Museum voor Schone Kunsten di Gand

Per l'anno di Van Eyck, una mostra da capogiro a Gand. La National Gallery di Londra presterà un dipinto di Jan van Eyck («Ritratto di uomo» (Léal Souvenir)») al Museum voor Schone Kunsten di Gand, che dal primo febbraio al 30 aprile 2020 ospiterà la mostra «Van Eyck. Una rivoluzione ottica», che annovererà 18 opere del pittore fiammingo (1390-1441), metà dei lavori conosciuti del maestro. Sarà la più grande mostra di sempre su Van Eyck: sono attesi nella città belga per questo evento circa 250mila visitatori. [The Guardian

Il placet di Franceschini per Isozaki agli Uffizi.
Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha dichiarato di considerare opportuno terminare i lavori dei Nuovi Uffizi con la realizzazione della loggia di Andrea Maffei e Arata Isozaki. Soddisfatto il direttore del museo fiorentino, Eike Schmidt. [la Repubblica]

Pitti e Boboli gratis il 30 novembre. Per la Festa della Toscana, un anniversario che ricorda l’abolizione della pena di morte da parte del Granducato di Toscana nel 1786, il 30 novembre sarà possibile accedere gratis a Palazzo Pitti e al Giardino di Boboli. [Ansa]

Affioramenti archeologici nel centro di Madrid. Un’indagine archeologica condotta a partire dallo scorso settembre nel pieno centro di Madrid, sotto la Plaza de España all’angolo con calle de Bailén, ha portato alla luce, come si legge nella relazione fornita alla sovrintendenza spagnola, «pavimenti in granito, le pareti intonacate, i tetti a volta, le scale di accesso» della zona sottostante il Palacio de Godoy, residenza nobiliare realizzata dall’architetto palermitano Francesco Sabatini tra il 1776 e il 1782. Per il momento le autorità competenti non si pronunciano su una eventuale musealizzazione. [El País]

Ma Tutankhamon potrebbe essere stato sepolto nella tomba di qualcun altro? La domanda se la pone il critico d’arte Jonathan Jones, sulla base del fatto che una statua nel sepolcro raffigura una donna con i seni e che il volto del faraone è rappresentato con tratti decisamente femminili, proprio nei giorni di apertura della mostra alla Saatchi Collection. [The Guardian]

Le porcellane di Augusto il Forte tornano a Torino. I quindici pezzi di porcellana di Meissen, da un servizio (che originariamente ne contava 300) donato nel 1725 da Augusto il Forte a Vittorio Amedeo II subito dopo la nomina di quest’ultimo a re di Sardegna, che sono stati acquistati lo scorso luglio presso la sede londinese della casa d’aste Christie’s dalla Fondazione Torino Musei, vengono da oggi esposti a Palazzo Madama a Torino, all’interno della collezione di porcellane del museo. [La Stampa]

Redazione, edizione online, 28 novembre 2019


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012