Giorno per giorno nell'arte | 28 giugno 2021

L'Olanda restituirà l'arte razziata dai nazisti alla Comunità ebraica | Laurent Le Bon al Centre Pompidou | I Giganti di Mont'e Prama rimangono a Cabras | La giornata in 19 notizie

I Giganti di Mont'E Prama. Foto: Museo Archeologico Nazionale di Cagliari
Redazione |

L'Olanda restituirà alla Comunità ebraica l'arte razziata dai nazisti, qualora non trovi gli eredi dei legittimi proprietari. Le autorità del Paese stanno vagliando circa 4mila opere rimpatriate dagli Alleati dopo la seconda guerra mondiale. [El País

L'attuale presidente del Musée Picasso, Laurent Le Bon, è stato scelto per sostituire Serge Lasvignes (il cui mandato scade a fine giugno) alla guida del Centre Pompidou. Le Bon, 52 anni, ha già guidato il Centre Pompidou-Metz, nell'est della Francia, attualmente affidato all'italiana Chiara Parisi. [artnet.com]

Giganti di Mont'e Prama resteranno a Cabras (Or) e anche quelle esposte a Cagliari torneranno nel museo dell'Oristanese. A gestire tutto il patrimonio dei beni culturali dello Stato sarà una nuova Fondazione che ingloberà non solo l'area archeologica di Mont'e Prama ma anche quella di Tharros, l'ipogeo di San Salvatore e la Torre di San Giovanni di Sinis. [Ansa]

Il 26 giugno la Provincia Autonoma di Trento ha aperto al pubblico il nuovo Parco Archeo Natura nell'area dell'antica torbiera di Fiavè, sito palafitticolo preistorico già annoverato nel Patrimonio Mondiale Unesco, nelle Valli Giudicarie, nel territorio trentino sovrastante il bacino del Garda. Per i lavori di realizzazione del Parco, su un'area di 12mila mq, sono occorsi 4 anni. [Ansa]

Kabelo Malatsie, curatrice indipendente di Johannesburg ed ex direttrice di galleria, sarà il prossimo direttore della Kunstahlle di Berna in Svizzera. Entrerà in carica ad aprile del 2022. È il primo direttore non europeo del museo svizzero. [ArtNews]

François Pinault, creando una società commerciale per gestire la Bourse du Commerce, il suo museo parigino inaugurato il 22 maggio, ha optato per una sapiente miscela tra arte, ottimizzazione fiscale e filantropia. Un'analisi del docente di scienze della gestione Jean-Michel Tobelem. [Le Monde]

Nella regione dell'Hérault è stato scoperto un tratto della Via Domizia, l'«autostrada» romana del Sud della Gallia. La scoperta è avvenuta a una decina di chilometri da Sète. Gli archeologi sono stupiti dalla cura con cui questa infrastruttura fu costruita. [Le Figaro]

La Galleria dell'Accademia di Firenze riapre al pubblico dal primo luglio le sale al primo piano con un nuovo impianto di climatizzazione. Dal 6 luglio la Galleria dell'Accademia di Firenze sarà aperta al pubblico dal martedì alla domenica, con orario 9-18.45. Dall'8 luglio al 19 agosto, tutti i giovedì sarà possibile visitare la Galleria anche la sera, fino alle 22 (ultimo ingresso ore 21.30). [Ansa]

Il board del Kanal-Centre Pompidou di Bruxelles, dopo la nomina alla carica di direttore di Kasia Redzisz, attualmente senior curator alla Tate Liverpool, da parte di una giuria indipendente, ha optato per una codirezione con Bernard Blistène. Alla prima è affidata la direzione artisitca, al secondo un altro ruolo. Il board si riunirà prima del 21 luglio per stabilire la ripartizione dei compiti. [artnet.com]

Ad Avella (Av) nasce una nuova struttura museale, il Mia - Museo Immersivo Archeologico, allestito presso il Palazzo Baronale. In 9 sale (più una sala educational), grazie alle tecniche immersive coniugate con la conoscenza del territorio, il museo permetterà al visitatore di partecipare alla storia di Avella, l'antica Abella passata sotto la protezione dei Romani nel 399 a.C. [Ansa]

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo ha intervistato il collezionista Giuseppe Iannaccone, interessato in genere alle produzioni artistiche italiane a cavallo fra le due guerre e, su un altro versante, ai linguaggi contemporanei. [Il Sole 24 Ore]

Venezia fa i conti dei costi del turismo di massa in un periodo in cui la polemica sulle Grandi Navi ha toccato i livelli più alti. [Ft.com]

Due busti in legno intagliato, raffiguranti san Paolo e san Pietro, sono stati restituiti al parroco della Chiesa San Carlo del Comune di Cave (Rm), don Gerardo Battaglia, da Giampaolo Brasili, il comandante del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Napoli, che li ha recuperati. [AgCult]

Il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata dalla associazione Dignitatis Humanae Institute (che fa capo a Steve Bannon) contro la decisione che a marzo di quest'anno imponeva all'associazione di lasciare l'abbazia di Trisulti. A questo punto lo sfratto diventa esecutivo e l'associazione dovrà lasciare subito la Certosa. [Ansa]

Lopud 1483, un antico complesso monastico del XV secolo situato nella punta settentrionale dell’isola di Lopud, nel cuore dell’arcipelago delle Elafiti, distante solo 11 chilometri da Dubrovnik, è stato restaurato per oltre 20 anni, sotto la guida del direttore creativo Francesca Thyssen-Bornemisza. Ora ospita una collezione d'arte. [La Stampa]

La storica dell'arte Cristina Acidini, già soprintendente dell'Opificio delle Pietre Dure e poi del Polo Museale di Firenze, è stata eletta nuova presidente dell'Opera di Santa Croce. Vicepresidente è il commercialista Aureliano Benedetti. [Ansa]

La Regione Siciliana accoglie la proposta lanciata da Gian Antonio Stella per salvare un patrimonio paesaggistico da anni in abbandono. A Lipari nascono così il Museo e il Parco minerario delle cave di pomice. [Corriere della Sera]

A Montecarlo il mercato dell'arte riparte con le aperture di una nuova sede della megagalleria Hauser & Wirth e il consolidamento della presenza dell'antiquario Moretti. A metà luglio ci sarà una fiera «in presenza». [Il Sole 24 Ore]

La cittadina medievale di San Gimignano (Si) è frequentata da un pubblico ben connotato: turisti che percorrono la direttrice che conduce in piazza della Cisterna e in piazza Duomo e habitué dell’arte contemporanea diretti alla Galleria Continua. La fisionomia culturale del centro storico si appresta però a cambiare grazie alla trasformazione, nella parte est della cittadina, di un convento del XIV secolo (rimasto tale fino al 1787 e poi adibito a carcere dal 1833 al 1995) in un complesso per arte, spettacoli, iniziative culturali, botteghe di artigianato, agribar e gallerie multimediali. Ad aggiudicarsi il bando è stata Opera Laboratori (presieduta da Beppe Costa) che investirà 20 milioni di euro per eseguire, con la sua controllata Opera San Gimignano, lavori su 7mila metri quadrati (dei 13mila complessivi) del complesso articolato intorno a un grande chiostro. Situato in pieno centro storico, l’ex convento si estende fin fuori le mura in una vasta area con orti e grotte ipogee. L’attuazione del progetto richiede tre anni e prevede una concessione in project financing per 69 anni. [Laura Lombardi per Il Giornale dell'Arte]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE