Giorno per giorno nell’arte | 27 settembre 2022

Ricorrono oggi 27 settembre i 200 anni dalla decifrazione del geroglifico | Un enorme serbatoio petrolifero diventa il Sydney Modern | Christie’s venderà anche le sneaker | Uno sciopero al Philadelphia Museum of Art | In Calabria scoperta una «fabbrica» di vasi del IV-III secolo a.C. | La giornata in 14 notizie

La Stele di Rosetta
Redazione |

Il 2022 è un anno di grandi celebrazioni per l’egittologia. Ricorrono i 200 anni dalla decifrazione del geroglifico (27 settembre 1822) e 100 dalla scoperta della Tomba di Tutankhamon (4 novembre 1922). La prima data è già oggetto di quattro mostre in Egitto e di una in Francia che affrontano in modo abbastanza simile l’avventura che condusse alla riscoperta dell’antica scrittura egizia. Degni di maggior nota sono gli eventi organizzati al Museo Nazionale della Civiltà Egizia di Fustat (Cairo) e al Collège de France a Parigi. In entrambi i casi la mostra è dedicata al percorso che condusse Jean-François Champollion (1790-1832) a risolvere un enigma la cui soluzione aveva impegnato innumerevoli studiosi nel corso dei secoli. Maggiormente centrato sulla Stele di Rosetta è invece l’evento espositivo che apre al British Museum il 13 ottobre («Geroglifici. Svelare l’antico Egitto», fino al 19 febbraio). Il decreto trilingue (geroglifico, demotico e greco) fu recuperato da un ufficiale di Napoleone e confiscato dagli inglesi al termine della campagna napoleonica in Egitto. La Stele di Rosetta è anche tornata di recente al centro delle richieste da parte di autorità e attivisti egiziani che ne auspicherebbero il rimpatrio nell’ambito del sempre più diffuso processo di decolonizzazione che sta interessando il Paese. Da ultimo è da segnalare anche la mostra, organizzata nell’ambito del ciclo «Nel laboratorio dello studioso», al Museo Egizio di Torino e che rimarrà aperta fino al 30 ottobre. L’evento è dedicato al soggiorno torinese di Champollion. Lo stato sabaudo aveva appena acquistato la ricca collezione del console francese Bernardino Drovetti (1776-1852), e il notevole materiale iscritto che ne faceva parte aiutò il decifratore dei geroglifici a migliorare in modo notevole le sue conoscenze dell’antica scrittura. [Francesco Tiradritti]

Un enorme serbatoio petrolifero sotterraneo della seconda guerra mondiale rifunzionalizzato è il fulcro di Sydney Modern
, un ampliamento della Art Gallery of New South Wales (Agnsw) dal costo di 225 milioni di dollari Usa che aprirà a Sydney il 3 dicembre. Quando nel 2013 il direttore di Agnsw, Michael Brand, ha parlato per la prima volta di Sydney Modern, la sua intenzione era di trasformare la galleria in «un museo d’arte davvero eccezionale nel “secolo asiatico”, in un mondo interconnesso e digitalizzato». Sydney Modern è il culmine di uno sforzo decennale per ospitare ed esporre la collezione in continua crescita di Agnsw e soddisfare programmi espositivi sempre più ambiziosi. Quando aprirà, Sydney Modern quasi raddoppierà lo spazio espositivo del museo australiano, ospitato dal 1897 da un edificio neoclassico del XIX secolo. [Tim Stone]

La casa d’aste Christie’s ha annunciato l’istituzione di «Department X-Sneakers, Streetwear & Collectibles»
, un nuovo dipartimento incentrato sul collezionismo emergente di questo genere di abbigliamento, rivolto alle vendite all’asta e a quelle a trattativa privata. Il Department X offre cimeli e oggetti da collezione in diversi generi (musica, moda, arte e storia dello sport) portando il meglio di questa categoria a una nuova generazione di collezionisti. Dall’offerta di calzature storiche a pezzi iconici della cultura dell’hype, il Department X terrà aste online, con anteprime dal vivo a New York, nonché mostre per la vendita nel corso dell’anno. [Redazione]

I lavoratori sindacalizzati del Philadelphia Museum of Art hanno iniziato il 26 settembre uno sciopero contro il museo. È l’ultima azione che il sindacato dell’istituzione ha lanciato dall’inizio delle trattative contrattuali nell’autunno del 2020. Oltre 100 membri del sindacato, che comprende lavoratori provenienti da quasi tutti i dipartimenti del museo, hanno formato il picchetto. A loro si sono uniti rappresentanti di altri sindacati. Il sindacato è pronto a scioperare «finché non avremo il contratto che meritiamo», sostiene Adam Rizzo, presidente del Local 397, che rappresenta i lavoratori del museo americano, anche se spera che un accordo contrattuale possa essere raggiunto entro la fine della settimana se l’amministrazione del museo è disposta a tornare al tavolo delle trattative. Tuttavia, prosegue Rizzo, gli aderenti al sindacato sono «pronti a rimanere fuori più a lungo se necessario». [Anni Irish]

In Calabria scoperta una «fabbrica» di vasi del IV-III secolo a.C. Nella terza campagna di scavi archeologici nel sito di Santa Gada di Laino Borgo (Cs), condotta dal Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli studi di Messina, sotto la direzione del professor Fabrizio Mollo, è stato scoperto un complesso di epoca lucana databile tra la metà del IV e la seconda metà del III sec. a.C., strutturato secondo lo schema delle grandi casi a cortile italiche (Laos, Tricarico), in cui è stato rinvenuto un ampio settore di produzione, con fornaci, pithoi e aree di stoccaggio e lavorazione dell’argilla, dove presumibilmente si producevano piccoli vasi a vernice nera. Lo scavo interessa la parte più meridionale dell’ampio pianoro di Santa Gada. Le stratigrafie restituiscono anche la presenza di materiale di epoca arcaica (VI-V sec. a.C.). [Redazione]

La sede newyorkese della casa d’aste Sotheby’s ha presentato il 26 settembre «Magnum Opus», una mostra per la vendita dell’opera del fotografo e ambientalista brasiliano Sebastião Salgado. Degli incassi della mostra, gratuita e aperta al pubblico fino al 12 ottobre, beneficia per intero l’Instituto Terra, ente non profit per la conservazione co-fondata dall’artista e da sua moglie, Lélia Deluiz Wanick Salgado. «Magnum Opus» comprende 50 stampe al platino di Salgado, direttamente provenienti dallo studio dell’artista, realizzate a partire dal 1978 fino ad oggi. Con questo evento parte il nuovo «Programma a impatto sociale» di Sotheby’s, che tra le altre finalità prevede una promozione dell’accessibilità all’arte da parte del pubblico e la protezione della natura e dell’ambiente. [artnet.com]

Il Museo delle Culture (Musec) di Lugano in Svizzera ha annunciato i 4 vincitori della sua Open Call annuale-Unpublished Photo 2022 per giovani fotografi under 36. Il primo premio è andato al fotografo vietnamita Quan Nguyen Ho (Life Garbage), il secondo all’indiano Dipak Ray (Frame Within Frame). Il terzo e il quarto posto sono stati assegnati rispettivamente al fotografo malgascio Tolojanahary Ranaivosoa e alla fotografa russa Olga Dmitrienko. [Redazione]

L’attore Steve Martin è uno dei più importanti collezionisti al mondo di arte australiana indigena. Lo rivela una mostra al National Arts Club di New York, aperta fino al 27 ottobre, che espone una scelta di dipinti della zona del Deserto Occidentale, nel centro dell’Australia, di proprietà del celebre comico statunitense e di sua moglie, Anne Stringfield. Martin ha iniziato ad acquistare arte australiana all’età di 21 anni, nel 1966. [artnet.com]

Sono aperte fino al 4 ottobre le iscrizioni al percorso formativo, quest’anno alla seconda edizione, «Musei e accessibilità-Nulla per noi senza di noi», dedicato alla formazione e informazione degli operatori museali impegnati nel «Sistema museale nazionale». Il nuovo percorso didattico e formativo è stato definito nel workshop «Le professioni museali e la sfida all’accessibilità» svoltosi all’Aquila a giugno scorso e promosso dalla Direzione generale dei Musei, la Direzione generale Educazione e la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali. Obiettivo del percorso è accrescere conoscenze e competenze in tema di accessibilità in ambito museale, comunicare il museo in modo valido, inclusivo, e progettare in modo sistematico le strategie operative. Destinatari del corso sono dirigenti e personale del Ministero della Cultura a cui è stata indirizzata la Circolare Dg-Eric n. 42/2022,  tutte persone «coinvolte in attività interessate dai temi oggetto delle unità didattiche». [Tina Lepri]

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (24-25 settembre) e promosso da Italia Nostra, per la Via Appia Antica è stato avviato con la collaborazione di CoopCulture, che si occupa della tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale italiano, il progetto Archeoguide-Psa. Sono previsti supporti fisici e tecnologie sensoriali aumentate per consentire ai visitatori della via con disabilità visive e uditive di usufruire di una guida immersiva ai monumenti dell’area. [Redazione]

Nuove nomine in Vaticano per il Dicastero della Cultura. Il Papa ha nominato prefetto del Dicastero per la Cultura e l’Educazione il cardinale José Tolentino de Mendonça, finora archivista e bibliotecario. Papa Francesco ha anche nominato segretario dello stesso Dicastero monsignor Giovanni Cesare Pagazzi. Infine il Pontefice ha nominato archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa monsignor Angelo Vincenzo Zani, finora segretario della ex Congregazione per l’Educazione cattolica. [Redazione]


Assegnati i Carnegie International Prize. Gli artisti LaToya Ruby Frazier, Malcolm Peacock e Hyphen hanno vinto ciascuno uno dei Carnegie International Prize per la loro partecipazione alla 58ma edizione, appena aperta, del Carnegie International. Sono stati premiati il 23 settembre, in occasione di un gala all’apertura della mostra al Carnegie Museum of Art di Pittsburgh. Frazier ha ricevuto il Carnegie Prize, istituito nel 1896. Peacock e Hyphen hanno entrambi ricevuto il Fine Prize, istituito nel 2008.

Il 29 settembre alle 10.30 al Mann di Napoli la Fondazione Napoli Novantanove celebra i 30 anni (1992-2022) del progetto «La scuola adotta un monumento». Un volume, con parole e immagini, introdotto dalle prefazioni dei Ministri dell’Istruzione e della Cultura, ripercorre la storia delle tremila scuole che hanno aderito all’iniziativa e dei 300mila ragazzi che, in questo trentennio, hanno lavorato e lavorano per far conoscere e amare il patrimonio artistico e culturale del Paese dove lo studio della storia dell’arte a scuola è quasi scomparso. Grazie all’iniziativa della Fondazione Napoli Novantanove, approdata anche in Brasile e in Argentina, è nata anche la «Nuova frontiera dell’adozione»: la costruzione di un monumentale atlante virtuale dei monumenti adottati da tutte le scuole. Si chiama Ama, Atlante Monumenti Adottati, ed è costituito dai video realizzati dagli studenti. [Tina Lepri]

Torna a Roma dal 29 settembre al 2 ottobre il Festival della Letteratura di Viaggio, dedicato al racconto del mondo attraverso diverse forme di narrazione di luoghi e culture: geografia, antropologia, filosofia, storia, letteratura, giornalismo, fotografia, cinema, musica, fumetto. Il Festival, avviato nel 2008 da Società Geografica Italiana Onlus, è organizzato dall’associazione Cultura del Viaggio, con la direzione artistica di Antonio Politano. Il progetto, promosso da Roma Capitale-Assessorato alla Cultura, è realizzato in collaborazione con la Siae e con il supporto di Zètema Progetto Cultura. [Redazione]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione