Giorno per giorno nell'arte | 27 ottobre 2020

Franceschini: «Forse non si è capita la gravità della crisi» | Chiara Saraceno: «La cultura può salvarci» | Un nuovo museo a Santa Fiora | La giornata in 13 notizie

Redazione |

Dario Franceschini: «Forse non si è capita la gravità della crisi». In un video su Facebook il ministro Franceschini ha risposto alle critiche ricevute da vasti settori della cultura, dal cinema alla musica al teatro. «Ho l’impressione che non si sia percepita la gravità della crisi, quali sono i rischi del contagio in questo momento. [...] La chiusura delle attività non è stata legata a una scelta gerarchica di importanza, ma è derivata dall’esigenza di ridurre la mobilità delle persone. [...] Mi impegno a far sì che questa chiusura sia la più breve possibile. [...] Dovremo prima di tutto risarcire immediatamente chi ha subito le conseguenze della chiusura». [AgCult]

Non basta agire, bisogna anche pensare. La sociologa Chiara Saraceno riflette sul presente. Contro la pandemia non basta agire, bisogna anche pensare. C'è bisogno di stimoli alla riflessione, ad alzare e muovere lo sguardo in modo da contrastare il rischio di ritirarci, impauriti e talvolta rabbiosi, nel nostro particolare. [la Repubblica]

La collezione Sforza Cesarini in prestito al comune di Santa Fiora (Gr) per un nuovo museo. Oltre 100 opere tra quadri, lettere, ritratti, porcellane e documenti storici della Collezione Sforza Cesarini verranno ospitati nel piccolo comune di Santa Fiora in provincia di Grosseto, nel Palazzo Sforza Cesarini, che verrà musealizzato. L’accordo è stato firmato tra il sindaco Federico Balocchi, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e Francesco Sforza Cesarini discendente del casato. [Intoscana.it]

In Spagna gli uomini decidono nell'82% degli enti culturali. Un rapporto certifica una grande diseguaglianza di genere in Spagna nei posti di comando del settore culturale. La legge per l'uguaglianza di genere, varata nel 2007, non ha avuto effetti. [El País]

La storia di Esteco, città coloniale perduta dell'Argentina. Per ricostruire la storia della piccola città di Nuestra Señora de Talavera (meglio conosciuta come Esteco), una delle prime città coloniali nel nord dell'Argentina, fondata nel 1566 e distrutta nel 1692 da un terremoto, soccorrono ora ritrovamenti archeologici e un documento della Corona spagnola. [El País]

Vittorio Sgarbi rinviato a giudizio. Vittorio Sgarbi rischia il processo per associazione a delinquere finalizzata alla contraffazione di opere d'arte. I fatti riguardano un'indagine del 2018, quando la Guardia di Finanza arrestò due persone; nel procedimento erano state indagate venti persone tra cui il critico d'arte, per la certificazione di alcune opere riconducibili a Gino De Dominicis. [Libero Quotidiano]

In mostra in Italia e nel mondo

La Vercelli medievale in una mostra. Il 30 ottobre verrà inaugurata a Vercelli, nell'Arca (lo spazio espositivo interno all'ex chiesa di San Marco) la mostra «I segreti della Vercelli medievale». Tra gli oggetti esposti, diplomi imperiali prestati dall'Archivio Storico della Diocesi e dall'Archivio Capitolare, che indicano il vescovo Leone come riferimento di alcune concessioni di Ottone III; il codice CLXV, un compendio di diritto ecclesiastico altomedievale risalente al secondo quarto del IX secolo, giunto a Vercelli nel X secolo. E poi il Vercelli Book, manoscritto redatto in uno scriptorium del Sud-est dell'Inghilterra verso la fine del X secolo e contenente testi religiosi in versi e in prosa. La mostra è prevista fino al 6 gennaio. [Il Giornale dell'Arte]

A Parigi Picasso dirige l'orchestra. Una mostra alla Philharmonie di Parigi esplora i legami di Pablo Picasso con la musica e riunisce opere, documenti a soggetto musicale e gli stessi strumenti musicali che il maestro spagnolo aveva posseduto. [Le Monde]

Il museo Thyssen ricostruisce la collezione del barone in una mostra. La mostra sull'Espressionismo tedesco al Museo Thyssen raduna opere d'arte che i nazisti considerarono arte degenerata e che ricostituisce la collezione del barone. [El País]. 

A New York 150 anni di moda per celebrare i 150 anni del Met. La mostra del Costume Institute del Metropolitan Museum of Art a New York, rinviata per la pandemia, apre finalmente i battenti: «About Time» racconta, dal 29 ottobre al 7 febbraio, in 120 capi un secolo e mezzo di moda, dal 1870 a oggi, per celebrare i 150 anni dalla fondazione del museo. [Ansa]

Una nuova installazione di Edmund de Waal al British Museum. La nuova installazione di Edmund de Waal, la «Biblioteca dell'esilio», invita alla riflessione e alla condivisione di testi da ogni dove. In un padiglione bianco ci sono libri e opere d'arte. Gli oltre 2mila libri sparsi sono in lingue diverse e di autori di Paesi diversi. Hanno una cosa in comune: sono tutti scritti da persone costrette all'esilio. [Il Sole 24 Ore]

Chiusure e rinvii

Da ieri a Bruxelles musei chiusi, perlomeno fino al 19 novembre.
Le autorità belghe hanno preso per i musei della regione di Bruxelles una decisione drastica, in ragione dell'aggravarsi della situazione sanitaria del Paese. Da ieri i 115 musei di Bruxelles e della regione circostante sono chiusi, perlomeno fino al 19 novembre. [Il Giornale dell'Arte]

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico a Paestum rimandata ad aprile. La Bmta di Paestum (Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico), che era in programma dal 19 al 22 novembre 2020, è stata posticipata alla prossima primavera (precisamente, dall'8 all'11 aprile). [Il Giornale dell'Arte]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE