Giorno per giorno nell'arte | 27 luglio 2021

Il British Museum e Tefaf aiutano a restaurare opere danneggiate dall'esplosione di Beirut | A rischio lo status di patrimonio dell'umanità di Stonhenge | La Certosa di Trisulti torna allo Stato | Continua la polemica al Macba | La giornata in 12 notizie

Il sito neolitico di Stonhenge, che rischia di perdere il suo status di patrimonio mondiale Unesco
Redazione |

Il British Museum e la European Fine Art Foundation (Tefaf) aiuteranno a restaurare otto antichi vasi di vetro che sono stati danneggiati durante la devastante esplosione a Beirut lo scorso agosto. [Artnews]

A 500 anni dalla sua realizzazione, a settembre partirà il restauro della «Deposizione» di Rosso Fiorentino, in un progetto che vedrà il celebre capolavoro «in vetrina» per tutta la durata dell'intervento. [Ansa]

Il progetto miliardario Battle Born Solar, che avrebbe impedito la vista del «Double Negative» (1969) di Michael Heizer, è naufragato dopo che i residenti della zona hanno protestato affermando che l'enorme impianto di energia solare avrebbe frenato l'arrivo dei turisti e pertanto danneggiato l'economia locale. [Artforum]

Stonehenge potrebbe perdere il suo status di patrimonio mondiale se i piani per costruire un tunnel vicino all'antico sito andranno avanti come attualmente previsto. Nell'attesa l'Unesco ha avvisato il Governo che inserirà Stonhenge nella sua lista dei siti in pericolo. [The Guardian]

Si conclude finalmente il caso della Certosa di Trisulti, con la restituzione allo Stato delle chiavi da parte dell'associazione Dignitatis Humanae Institute. [AgCult]

Continuano le proteste dopo il licenziamento di Tanya Barson e Pablo Martínez dal Macba. Una petizione ha raggiunto le 700 firme e spuntano le accuse di xenofobia. [The Guardian]

In Francia, l'obbligo del green pass per le persone che accedono ai luoghi della cultura con più di 50 persone, ha provocato reazioni scettiche e contrarie. [Le Monde]

A Fanagoria, un'antica città greca situata nell'odierna Russia sud-occidentale, gli archeologi hanno portato alla luce un nascondiglio di monete del VI secolo. Si pensa che le monete siano state riposte prima di un devastante attacco degli Unni o dei Turchi. [Artnet]

In piazza delle Erbe a Padova, per festeggiare la nomina a patrimonio Unesco degli affreschi della Cappella degli Scrovegni, compare un murales dello street artist locale Evyrein che ritrae Giotto festante in vesti e atteggiamenti contemporanei. [Ansa]

Aperta una nuova sala al Museo Egizio di Torino, intitolata «Alla ricerca della vita», dove sono esposte 91 mummie, ognuna delle quali racconta di una cultura ormai estinta. [Domani]

La commissione tedesca per l'arte saccheggiata dai nazisti ha respinto una richiesta degli eredi di Robert Graetz, un uomo di affari nel campo tessile di origini ebree, ucciso durante l'Olocasto. L'opera oggetto della diatriba era il «Ritratto di Alfred Kerr» (1907) di Lovis Corinth, che non era chiaro se fosse stato perso o meno. [The Art Newspaper]

Una delle collezioni d'arte cinese più importante al mondo, quella di Budi Tek, dal 2018 è in comproprietà con il Lacma di Los Angeles. Finalmente parte di quelle opere sono ora esposte nella mostra «Legacies of exchange». [Artnet]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE