Giorno per giorno nell'arte | 24 novembre 2020

Il restauro della Fontana di Orione a Messina | Il Louvre ha acquistato un Tiepolo | Un terzo dei musei del mondo dovrà licenziare | La giornata in 18 notizie

Redazione |

Si restaura la cinquecentesca Fontana di Orione a Messina. È pronto il piano di interventi per il consolidamento della Fontana di Orione di Piazza Duomo, realizzata nel 1553 da Giovanni Angelo Montorsoli, allievo di Michelangelo. Per questi lavori l’ente ha avviato una collaborazione con l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. [AgCult]

Il Louvre ha acquistato un Tiepolo.
Con l'aiuto della Société des Amis du Louvre per una somma di 1,5 milioni di euro (anche se il prezzo rimane assolutamente segreto) il museo francese ha acquistato in trattativa privata presso un collezionista un grande affresco di Giambattista Tiepolo raffigurante «Giunone tra le nuvole». [Le Figaro]

Un terzo dei musei del mondo licenzierà parte del personale. Un report dell'Icom (International Council of Museums) informa che le istituzioni museali più danneggiate dalla crisi economica da pandemia sono quelle sostenute da sovvenzioni private. Secondo il rapporto, il 30,9% dei musei interpellati ritiene di dover licenziare una parte dei dipendenti fissi e il 46,1% di essi rinuncerà ad alcune collaborazioni esterne. [El País]

Le autorità statunitensi restituiscono una stele all'Egitto. L'opera era stata sequestrata l'anno scorso, quando era sul punto di andare in vendita in una fiera d'arte; proveniva dalla stessa rete di trafficanti che aveva venduto altre antichità razziate ai musei. [The Art Newspaper]

22 milioni per l'editoria d'arte e per le guide. «Ventidue milioni di euro da destinare all’editoria specializzata in arte e turismo e per i fornitori di servizi guida, audioguida o didattica nei musei»: questo il valore del decreto firmato dal ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini. [AgCult]

Hauser & Wirth si è assicurata l'«estate» di François Morellet. Concorrenza durissima tra le gallerie di arte contemporanea per assicurarsi gli «estate» degli artisti storicizzati più quotati sul mercato. Hauser & Wirth ha ottenuto quello di François Morellet, scomparso nel maggio 2016 a 90 anni. [Le Figaro]

Donato a Palazzo Ducale a Mantova un disegno cinquecentesco. Un anonimo benefattore ha regalato alle collezioni di Palazzo Ducale della città lombarda un disegno di Giovan Battista Bertani (1510 ca-1576) raffigurante «Satiro che trascina l’asino di Sileno». Il foglio fu realizzato per la decorazione della Sala di Bacco della palazzina della Rustica. [AgCult]

Soledad Sevilla, vincitrice del Premio Velázquez de Artes Plásticas 2020.
Intervista di Ángeles García a Soledad Sevilla, a cui è stato attribuito il premio spagnolo da 100mila euro. «Mi sento come se avessi vinto il Premio Nobel», dichiara l'artista. [El País]

Una pandemia di 3.300 anni fa.
Il Museo Egizio di Torino organizza oggi 24 ottobre una conferenza, con il suo direttore Christian Greco e Stefano de Martino, direttore del Centro Scavi e ordinario di Ittitologia e Civiltà dell'Anatolia preclassica all'Università di Torino, sul tema «Cause, conseguenze e memoria della pandemia che colpì l'Egitto e il regno ittita nel XIV secolo a.C.». La lettura si può seguire in diretta streaming dalle ore 18 sul profilo Youtube e sulla pagina Facebook del museo torinese. [La Stampa]

Tutti i segreti delle navi online con il Mu.Ma. Dal 23 novembre la collezione «Navigare nell'arte» (60 dipinti di marine e alcuni modelli in miniatura di navi) è disponibile online sui siti del Galata Museo del Mare e della Fondazione Paolo Clerici. Il tour virtuale della Sala Clerici e della mostra, interamente finanziato da Fondazione Paolo Clerici per il Galata Museo del Mare, è il primo nel suo genere in Liguria. [Ansa]

Il Bosco Verticale di Stefano Boeri arriva in Cina. È sbarcato in Cina e sarà inaugurato il prossimo febbraio il primo Bosco Verticale («Nanjing Vertical Forest») realizzato in Asia da Stefano Boeri. Intanto si stanno trasportando le piante ai diversi piani. [Corriere della Sera]

Quando l'arte contemporanea si ispira al passato. Salvatore Settis prende spunto da un'opera di Bill Viola per un'analisi dell'arte contemporanea che spesso propone formule, sperimentazioni e composizioni evocandole dal passato, ora citandole espressamente, ora manipolandole per nasconderne l'origine. [Il Sole 24 Ore]

Lee Miller in un libro di Serena Dandini. Giovedì 26 novembre la presentatrice televisiva Serena Dandini presenta al Circolo dei Lettori di Torino il suo nuovo libro La vasca del Führer, sulla figura della fotomodella e fotografa americana Lee Miller, che ebbe a dichiarare «Preferisco fare una fotografia piuttosto che essere una fotografia». [Corriere della Sera]

Il nuovo resort di Jean Nouvel ha l'aspetto di una tomba nabatea. Nel deserto dell'Arabia Saudita, vicino ad Al Ula, sorgerà il nuovo lussuosissimo e modernissimo resort dell'archistar Jean Nouvel, progettato come un'antica tomba nabatea. Il resort Sharaan avrà 40 suite e tre ville scavate nella roccia. [La Stampa]

La mostra virtuale che insegna a raccontare la morte. È un progetto del fotografo di moda Rankin, commissionatogli da Royal London Group (il maggiore gruppo assicurativo britannico) e si intitola «Lost for words». L'intenzione è quella di ideare un nuovo racconto del lutto per la scomparsa di qualcuno che superi l'angoscia della perdita. [Il Sole 24 Ore]

Antonio Gramsci in un murale a Firenze. Lo street artist Jorit realizzerà in questi giorni a Firenze (tempo permettendo) un grande ritratto di Antonio Gramsci. L'iniziativa è promossa dall'associazione culturale Teatro Puccini, in collaborazione con Comune di Firenze e Casa spa. [La Nazione]

Addii


La scomparsa di Matteo Viglietta. È morto il 23 novembre a Cuneo, all'età di 79 anni, Matteo Viglietta, imprenditore piemontese nel settore della ferramenta, ex assessore regionale e collezionista d'arte che con la compagna Bruna Girodengo aveva aperto a Busca (Cn) un museo privato di arte contemporanea: la collezione La Gaia. [La Stampa]

La morte di Daniel Cordier, mercante antinazista. È morto a Cannes il 20 novembre a 100 anni di età Daniel Cordier, una leggenda tra le figure dell'antifascismo e antinazismo francese. Fu segretario di Jean Moulin e dopo la guerra, mercante d'arte e storico. [El País]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE