Giorno per giorno nell'arte | 23 dicembre 2020

15 miliardi di dollari per la cultura Usa | Il bando per il raddoppio del Museo del Novecento | La metamorfosi del Courtauld Institute di Londra | La giornata in 12 notizie

Redazione |

Un finanziamento di 15 miliardi di dollari per gli enti culturali americani. Tra i fondi stanziati dal governo americano per la crisi da pandemia (900 miliardi di dollari), 15 miliardi sono dedicati alla cultura. Sono interessati a questo cespite i musei, i titolari di sedi di produzione musicale, i produttori teatrali e altre realtà. [The New York Times]

Il bando per il raddoppio del Museo del Novecento a Milano.
È online dal 21 dicembre il bando per il Concorso internazionale di progettazione, dal titolo «Novecentopiùcento», che ha l'obiettivo di ampliare gli spazi espositivi del Museo del Novecento di Milano con il raddoppio nel secondo Arengario e sviluppare servizi aggiuntivi come un auditorium, un laboratorio di conservazione, una caffetteria e un bookshop. Per il sindaco Giuseppe Sala «è uno dei progetti più significativi in ambito culturale a Milano degli ultimi anni». [Ansa]

Il Courtauld Institute di Londra si trasforma: riaprirà a fine 2021. L'ente britannico, ospitato negli spazi di Somerset House, riaprirà alla fine dell'anno prossimo dopo profondi lavori di ristrutturazione. Valérie Duponchelle lo ha visitato in anteprima. [Le Figaro]

«Tutti i musei spagnoli mi chiedono aiuto». María Dolores Jiménez-Blanco, la nuova direttrice generale delle Belle Arti in Spagna, ha il gravoso compito di trasportare nel XXI secolo diversi istituti museali statali spagnoli e altri con gestione delegata. L'ha intervistata Ángeles García. [El País]

Johnny Eskenazi, da regista teatrale (nei suoi sogni) a celebre mercante internazionale di arte orientale. Intervistato da Anna Somers Cocks, Johnny Eskenazi ripercorre la sua vita e la sua carriera nel mercato dell'arte, divisa tra l'Italia e l'Inghilterra. E mette in guardia da un'interpretazione troppo rigida della Convenzione Unesco del 1970. [The Art Newspaper]

Emilio Isgrò al Quirinale «cancella» le leggi razziali. Nell'ambito dell'iniziativa «Quirinale contemporaneo», che ha chiesto a un gruppo di 71 artisti e designer un'opera che arricchisse il patrimonio di arte contemporanea del Quirinale, Emilio Isgrò nella sua opera «cancella» il vulnus delle leggi razziali. Ne parla Marzio Breda. [Corriere della Sera]

La lotta contro l'emergenza della Fundación Miró. Il direttore della Fundación Miró Marko Daniel lavora per consolidare gli aiuti delle amministrazioni e intensificare il rapporto di collaborazione del museo spagnolo con la città di Barcellona. [El País]

«Il mio Caravaggio vi scandalizzerà». Michele Placido ha appena finito di girare un film sulla vita di Michelangelo Merisi. A chi gli chiede perché abbia scelto Riccardo Scamarcio, che ha un carattere litigioso, risponde che l'attore ha un talento perfetto per il ruolo. [la Repubblica]

Le mostre di Parma 2020+21 visitabili virtualmente. Per l'emergenza Covid musei, siti storici, archivi, teatri e tutte le altre sedi delle iniziative di Parma 2020+21 non possono accogliere pubblico e visitatori: quindi la città emiliana apre le porte delle mostre in maniera virtuale sul portale e sull’app di Parma 2020+21 ai possessori di Parma Card tramite l’iniziativa Cultura Aperta. [la Repubblica]

A Catania il Castello Ursino è nuovamente illuminato. È stato attivato un nuovo impianto di illuminazione delle mura del Castello Ursino, a Catania. Lo storico edificio medievale, fatto erigere da Federico II di Svevia, da diversi anni era immerso nel buio. [Il Giornale dell'Arte]

Il manuale di Jerry Saltz sul successo in arte. Come si diventa artisti di successo? Risponde alla domanda, nel suo ultimo libro (tradotto in Italia da Johan & Levi), il critico d'arte americano Jerry Saltz, che ha confezionato una guida al mondo dell'arte contemporanea utile anche ai semplici appassionati. [la Repubblica]

La collezione di Christo in asta a febbraio da Sotheby's a Parigi. La casa d'aste Sotheby's disperderà il prossimo 17 febbraio in una vendita a Parigi la collezione d'arte dell'artista francese Christo, scomparso lo scorso 31 maggio. La raccolta comprende opere di Warhol, Fontana, Klein e Duchamp. [la Repubblica]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE