Giorno per giorno nell’arte | 20 aprile 2021

Dieci ville Tuscolane aprono a maggio | Maurizio Cattelan al Pirelli HangarBicocca | Un antico idolo conteso tra la Turchia e Christie's | La giornata in 13 notizie

Villa Aldobrandini a Frascati
Redazione |

Dieci ville Tuscolane, nei comuni di Frascati, Monte Porzio Catone e Grottaferrata, in provincia di Roma (tra cui le ville Aldobrandini, Falconieri, Grazioli, Lancellotti, Parisi, Mondragone) aprono al pubblico con lo scopo di una maggiore accessibilità e valorizzazione. Il programma parte il 15 maggio e prosegue fino a novembre inoltrato. [Corriere della Sera]

È stata annunciata a partire dall'estate una retrospettiva di Maurizio Cattelan negli spazi del Pirelli HangarBicocca a Milano. Intitolata «Breath Ghosts Blind» e curata da Roberta Tenconi e Vicente Todolí, la mostra si terrà dal 15 luglio al 20 febbraio 2022, e ripercorrerà trent'anni di attività dell'artista veneto, oltre a ospitare nuovi lavori pensati appositamente per lo spazio milanese. [Ansa]

Un piccolo idolo in marmo di 23 cm di altezza e vecchio di 6mila anni è al centro di una controversia tra la Turchia e la casa d'aste Christie's. Secondo il governo turco la scultura fu scavata ed esportata dai confini del Paese dopo il 1906, anno in cui un decreto stabiliva la proprietà dello Stato su tutte le antichità scoperte nel teritorio nazionale. Per Christie's, che aveva venduto l'oggetto nel 2017 per 14,4 milioni di dollari, la Turchia non è in grado di dimostrare il luogo o il momento preciso in cui l'oggetto venne scavato. In ogni caso, l'acquirente di Christie's si era poi ritirato, e tuttora il manufatto è conservato in uno dei forzieri della casa d'aste. [Le Figaro]

Dieci opere di Giacomo Balla saranno in mostra il 21 aprile (giorno in cui ricorre il «Natale di Roma») nella storica boutique romana di Bulgari, in via dei Condotti 10. La mostra, organizzata in collaborazione con la Galleria d'Arte «Futurism&Co», celebra il maestro torinese nel centocinquantenario della sua nascita. [Ansa]

Maria Paola Pasini ripercorre la storia del rapporto tra la Vittoria Alata di Brescia e il fascismo: nei primi anni del regime la statua era stata riportata a Brescia da Roma, dove era stata messa al sicuro negli anni della Prima Guerra Mondiale. [Corriere della Sera]

Juan Andrés Perelló, ambasciatore rappresentante spagnolo presso l'Unesco, avverte che la cattedrale di Burgos potrebbe perdere il suo status di Patrimonio dell'Umanità se fosse portato a compimento il progetto di installare le nuove porte di ingresso all'edificio progettate dall'artista Antonio López. [El País]

È stata ricostruita l’intera biblioteca di Leonardo da Vinci, che arrivò a possedere più di duecento volumi. Tra i titoli presenti, le Metamorfosi di Ovidio, la Commedia di Dante, la Storia naturale di Plinio il Vecchio. [Il Sole 24 Ore]

Secondo alcuni studiosi, la mancanza di ossigeno nelle caverne primitive, soprattutto a causa dell'uso delle torce, causò stati allucinativi (fino a esperienze extra-corporee) agli artisti che ne decorarono le pareti. [The Art Newspaper]

Sono stati diffusi i dati Aie relativi alla vendita di libri nel primo trimestre dell'anno: la crescita del 26,6% è trainata dal grande balzo delle librerie online che raggiunge il 45%. [la Repubblica]

Per la prima volta londinesi e turisti potranno fare picnic nei giardini di Buckingham Palace. Il parco sarà accessibile dal 10 luglio al 19 settembre, nei suoi 39 acri. Per circa 19 euro di biglietto di ingresso il pubblico avrà la possibilità di girare liberamente attraverso l'area privata della Regina e scoprire questa oasi verde nel cuore di Londra. [La Stampa]

Il Tar si è pronunciato sulla possibilità di limitare gli ingressi al cortile della Casa di Giulietta a Verona. La possibilità di introdurre dei tornelli per l'accesso è stata negata dal Tribunale amministrativo regionale, che ha accolto il ricorso dei proprietari dei negozi. [la Repubblica]

Il progetto di sviluppo locale a base culturale di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022 è stato riconosciuto come buona pratica nell'ambito del programma Cultural Heritage in Action del progetto European Framework for Action on Cultural Heritage promosso dalla Commissione Europea. [Il Sole 24 Ore]

Addii

È morto il 18 aprile a Roma, all'età di 77 anni, Luigi Covatta. Uno dei pochissimi (tre? quattro?) tra Ministri e Sottosegretari ai Beni culturali ad avere tentato di realizzare un’azione di tutela che avesse un senso. A lui si deve infatti la «Carta rischio». La carta tematica dove si georiferisce il patrimonio artistico ai rischi ambientali, sismico, idrogeologico, eccetera. Carta nata nel 1990 (lo racconto da testimone) con invito a cena all’Augustea fatto da Covatta a Giovanni Urbani, che quella Carta aveva inventato dalla direzione dell’Istituto centrale del restauro. Ma Urbani e Covatta erano troppo avanti. Solo oggi si è cominciato a capire che quella «Carta» è un formidabile strumento di tutela. Trent’anni dopo. E nel frattempo molti, moltissimi buoi sono fuggiti dalla stalla. [Bruno Zanardi per Il Giornale dell'Arte]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE