Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 2 ottobre 2019

Apre il museo della Fondazione Goulandris | Maggiore sicurezza a Pompei | La cultura fonte di denaro e posti di lavoro | La giornata in 12 notizie

Una delle sale del museo della Fondazione Goulandris. © Fondazione Basil & Elise Goulandris

Ad Atene la raffinata collezione Goulandris. Si apre oggi al pubblico ad Atene il museo della Fondazione Goulandris, in costruzione dal 2012, ospitato in un edificio degli anni Trenta di 11 piani (di cui 6 interrati), con maestri impressionisti e postimpressionisti, nomi delle avanguardie storiche e protagonisti del secondo Novecento come Cézanne, Van Gogh, Gauguin, Monet, Degas, Rodin, Toulouse-Lautrec, Picasso, Miró, Giacometti, Lichtenstein e Bacon. Ieri sera, alla preview istituzionale, erano presenti, tra gli altri, il presidente della Repubblica greca Prokopis Paulopoulos, il primo ministro Kyriakos Mitsotakis e la ministra greca della Cultura, Lina Mendoni. [Il Giornale dell'Arte]

Da oggi rafforzata la sicurezza a Pompei.
Da oggi il sistema di sicurezza del Parco archeologico di Pompei viene rafforzato attraverso l'attivazione di un checkpoint all'ingresso di Piazza Anfiteatro. Un primo controllo viene effettuato in corrispondenza dei cancelli di ingresso, per l'eventuale individuazione di materiali pericolosi. Poi attraverso un percorso delimitato da colonnine con nastro trasportatore si accede al secondo controllo, con la scansione del bagaglio e i controlli sulla persona dei visitatori. [Ansa]

La cultura in Italia genera fatturato e occupazione. Secondo una ricerca a cura della Direzione studi e ricerche del gruppo Mediocredito italiano in collaborazione con la Fondazione Fitzcarraldo e alcune delle principali associazioni di categoria, il settore della cultura nel nostro Paese dà lavoro a 830mila persone (il 3,6% degli occupati nazionali rispetto a una media europea di 3,8%), generando l'1,7% dell'indotto. [il Giornale]

Il fascino di una «bella copia». Nel 500mo anniversario della morte di Leonardo Da Vinci non poteva non tornare in mostra, dopo anni di permanenza alla Camera dei Deputati, anche la «Gioconda romana», restaurata per l'occasione. Si tratta di una copia della celebre opera vinciana, proveniente dalla collezione Torlonia e coeva all'originale, la cui fattura lascia pensare che l'autore abbia potuto trarre ispirazione direttamente dalla tela di Leonardo. [la Repubblica]

Banksy apre un negozio-installazione... Si chiama «Gross domestic product» («Prodotto interno lordo»), e ha l'aspetto di una comune vetrina di negozio: ma quella apparsa ieri nella periferia sud di Londra è in realtà l'ultima installazione di Banksy, un temporary shop attivo solo online e creato in polemica contro chi vuole sfruttare commercialmente la sua arte, nella fattispecie una ditta specializzata in biglietti d'auguri con la quale l'artista ha un contenzioso legale aperto. [The Guardian]

e intanto si prepara a segnare un record all'asta. Manca un mese (forse) alla Brexit, ma solo un giorno alla messa in vendita da Sotheby's della tela di Banksy del 2009 «Devolved Parliament», che ritrae la Camera inglese con i deputati raffigurati come scimmie. Le stime dell'opera oscillano tra 1,7 e 2,2 milioni di euro. [il Giornale]

Il bene Fai più visitato è ancora Villa del Balbianello, sul lago di Como (grazie a Bollywood). Villa del Balbianello a Tremezzina, sul lago di Como, si conferma il bene del Fai (Fondo Ambiente Italiano) più visitato d'Italia, con un nuovo primato di 120mila presenze. Principali provenienze: la Gran Bretagna, la Francia, gli Stati Uniti, la Cina, la Thailandia, l'Europa dell'Est. Moltissime le presenze dall'India, sull'onda della popolarità acquisita dall'edificio per aver ospitato, un anno fa, il matrimonio tra due famosi attori di Bollywood, Ranveer Singh e Deepika Padukone. [Ansa]

Sequestrate opere di de Chirico e Picasso in mostra a Noto. Ieri sono state bloccate 26 tele, sospettate di essere contraffatte, in mostra al Convitto Arti Noto Museum, tra cui opere di Kandinskij, Klee, Dalí e altri maestri del ’900. Il provvedimento è stato eseguito su ordine del gip di Siracusa. Stanno indagando i Carabinieri. [Corriere della Sera]

L'arte può scommettere sulla tecnologia. Il meeting della Fondazione ArtTech che si tiene presso la Fondazione Cini di Venezia prova a capire a che punto è l'impatto della tecnologia sull'arte, e in particolar modo se le istituzioni culturali sfruttano davvero fino in fondo le opportunità offerte dall'innovazione (un esempio virtuoso è l'Atelier des Lumières a Parigi, il primo museo totalmente immersivo grazie a installazioni hi-tech su Van Gogh e Klimt). [La Stampa]

Deve rimanere una stazione, non diventare un centro commerciale. Dopo la veemente protesta a inizio settembre di un nutrito gruppo di architetti e urbanisti contro il piano di rifacimento della Gare du Nord a Parigi (giudicato «indecente», «assurdo» e «inaccettabile»), ora sono il vicesindaco di Parigi incaricato della pianificazione urbana, Jean-Louis Missika, e la socialista Alexandra Cordebard, responsabile del X Arrondissement, a prendere la parola, chiedendo pubblicamente di rivedere il progetto incentrandolo più sui trasporti che sul commercio. [Le Monde]

Biberon preistorici. Secondo uno studio pubblicato il 25 settembre su «Nature», i curiosi manufatti ritrovati all'interno di tombe di bambini dell'Età del Bronzo e del Ferro in Germania non sarebbero né giocattoli né opere d'arte, bensì rudimentali strumenti per far sorbire ai bambini il latte degli animali. [Le Monde]

Tra Dionisio e Picasso. Arrivato in Francia a 23 anni dall'Algeria per studiare arte in Francia, dove si è guadagnato la fama di artista «delirante», nella sua ultima opera Adel Abdessemed ha messo a confronto la sua personale esperienza della guerra con «Guernica» di Picasso. [Libération]

Redazione, edizione online, 2 ottobre 2019


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012