ADV FONDAZIONE DE FORNARIS 4-14 dic 2020

Giorno per giorno nell’arte

Giorno per giorno nell'arte | 17 novembre 2020

Una «Testa di Cristo» attribuita a Leonardo | Capitale italiana della Cultura 2022: le 10 finaliste | Art Basel Hong Kong rimandata a maggio | La giornata in 13 notizie

Il disegno raffigurante una «Testa di Cristo», in collezione privata, attribuito a Leonardo

Un disegno raffigurante una «Testa di Cristo» attribuito a Leonardo. Un disegno a sanguigna raffigurante una «Testa di Cristo», conservato in una raccolta privata di Lecco, è stato attribuito a Leonardo. L'attribuzione è della studiosa Annalisa Di Maria, membro del comitato di esperti di arte e letteratura del Centro per l'Unesco di Firenze. Tra le caratteristiche che farebbero propendere per un'attribuzione al maestro di Vinci, «il volto raffigurato posto di tre quarti come la gran parte dei soggetti da lui dipinti». Lo studio verrà presentato in una conferenza non appena terminerà l'emergenza sanitaria. [RaiNews]

Capitale italiana della Cultura 2022: le 10 finaliste. Sono state scelte le 10 città candidate alla selezione della Capitale italiana della Cultura 2022. Sono: Ancona, Bari, Cerveteri (Rm), L'Aquila, Pieve di Soligo (Tv), Procida (Na), Taranto, Trapani, Verbania e Volterra (Pi). L'audizione pubblica per la selezione finale si terrà, compatibilmente con le misure anti-Covid, a Roma alla sede centrale del Mibact, il Collegio Romano, il 14 e 15 gennaio 2021. [Ansa]

Art Basel Hong Kong rimandata a maggio. Dopo l'annullamento di Art Basel Hong Kong di quest'anno, che avrebbe dovuto tenersi a febbraio e che era stata posposta a marzo del 2021, il 17 novembre è stato annunciato lo slittamento da marzo a maggio del 2021, in un panorama fieristico molto incerto. [The Art Newspaper]

Israele rende ai frati la chiesa di San Giovanni Battista, luogo del battesimo di Gesù. Attorno alla chiesa di San Giovanni Battista in Israele, nella località di el-Maghtes, dove tradizionalmente si ritiene che san Giovanni Battista abbia battezzato Gesù, c'era un campo minato che ora è stato bonificato e riconsegnato ai frati francescani, che vengono in pellegrinaggio in questo luogo dal 1641. La chiesa fu costruita nel 1935. [Corriere della Sera]

Leticia Ruiz è la nuova direttrice delle Collezioni reali del Patrimonio Nacional spagnolo. Secondo la Ruiz, ex capo dipartimento di Pittura spagnola del Rinascimento del Museo del Prado, il progetto del futuro Museo delle Collezioni Reali spagnole «è già molto maturo». [El País]

Roger Boulay, ritratto di un museologo sempre in viaggio per l'arte della Nuova Caledonia. Da Nouméa a Tolosa, da Rouen ad Avignone e Colonia, lo studioso Roger Boulay, esperto di arte dei canachi (gli abitanti melanesiani della Nuova Caledonia) ha trascorso un'intera vita a catalogare oggetti antichi neocaledoniani dispersi in tutto il mondo. [Le Figaro]

Tre persone arrestate per il furto del 2019 di Dresda. Il 17 novembre sono stati arrestati tre soggetti di nazionalità tedesca, sospettati responsabili del furto, realizzato nel novembre del 2019 in un museo di Dresda, di alcuni pezzi inestimabili, tra cui un diamante di 49 carati. [Le Figaro]

Una vendita benefica di Dorotheum per i bambini di Beirut. Rimarrà online fino all’11 dicembre l’asta dell'associazione «Artists for Children», ente fondato dall’artista viennese di origine turca Derya Allüşoğlu Öcal. L'iniziativa ha lo scopo di supportare oltre 100mila bambini rimasti senza casa dopo le esplosioni del 4 agosto nella capitale libanese, con un incanto virtuale in collaborazione con la casa d'aste viennese Dorotheum, che mette in vendita le opere di 130 artisti. [Il Giornale dell'Arte]

«La mia mostra preferita»: nuova serie della Frankfurter Allgemeine Zeitung. Per la pandemia da coronavirus i musei sono chiusi. Che fare? Il quotidiano tedesco rispolvera le mostre del passato che sono rimaste memorabili. Si comincia con «Domande su quattro dipinti», una mostra che si tenne a Münster, nel Westfälisches Kunstverein, dal 4 giugno all'11 luglio del 1993. [Frankfurter Allgemeine Zeitung

«Con il Covid, le chiese uniche oasi di arte e cultura». Lo storico dell'architettura Mathieu Lours, intervistato da Claire Bommelaer, dichiara che numerosi luoghi di culto e cattedrali possiedono capolavori artistici di tutte le epoche. Oggi, dice lo studioso, sono loro i soli musei aperti. [Le Figaro]

Senza mecenati: il paradosso degli artisti statunitensi di origine latina.
Due nuovi libri trattano un tema curioso: gli Stati Uniti valorizzano molto di più l'arte dei Paesi latinoamericani di quella degli artisti statunitensi ispanofoni. [El País]

I viaggi dopo il Covid: come cambieranno. Sicuramente torneremo a viaggiare dopo il Covid. Ma il modo in cui si farà è destinato a cambiare profondamente, perché la pandemia ha cementato nuove abitudini che, anche superata la crisi acuta dell’emergenza, in qualche modo resteranno almeno ancora per un po’. Come cambierà lo dice il Travel Trend Report 2021, su un sondaggio di 8mila famiglie provenienti da 8 Paesi, Italia compresa, effettuato da Vrbo, operatore di case vacanza. [La Stampa]

Addii
La scomparsa di Isa Stoppi. Una delle modelle più importanti degli anni Sessanta, Isa Stoppi, musa di Richard Avedon e di Helmut Newton, è morta a Milano il 15 novembre all'età di 73 anni. Di lei Avedon, che contribuì a renderla immortale con i suoi scatti, diceva che era la «donna più bella del mondo». [la Repubblica]

Redazione, edizione online, 17 novembre 2020

©RIPRODUZIONE RISERVATA

GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012