Giorno per giorno nell'arte | 17 maggio 2021

Eugenio Viola, curatore del Padiglione Italia alla Biennale | Riapre il 29 maggio il Musée Carnavalet | Mose quasi finito, ma sono finiti anche i soldi | La giornata in 15 notizie

L'interno del Musée Carnavalet a Parigi
Redazione |

È Eugenio Viola il curatore del Padiglione Italia alla 59ma Biennale Arte di Venezia, in programma dal 23 aprile al 27 novembre 2022, sotto la guida di Cecilia Alemani. Napoletano, 46 anni, Viola ha curato oltre 70 mostre in Italia e nel mondo ed ha al suo attivo più di 50 pubblicazioni tra libri e cataloghi. [Il Sole 24 Ore]

Dopo quattro anni di restauri riapre il 29 maggio a Parigi, nel cuore del Marais, il Musée Carnavalet, dove è stata ricostruita la camera in cui Marcel Proust (di cui ricorre il 150mo anniversario della nascita) scrisse Alla ricerca del tempo perduto. Dal 17 maggio è aperta la biglietteria online. [France 3 Régions]

A Venezia il Mose è quasi finito, funziona già in caso di emergenza. Ma sono finiti i soldi. Le casse sono vuote, e il Consorzio non sta pagando. Sono in difficoltà le imprese che lavorano per completare le dighe mobili contro l’acqua alta. In qualche caso si prospettano chiusure,  concordati, fallimenti. [Il Sole 24 Ore]

Il 15 maggio è stata riaperta la nuova ala quattrocentesca di Palazzo Schifanoia a Ferrara. «È un'opera importante non solo per Ferrara ma per l'intero Paese», ha commentato il ministro della Cultura Dario Franceschini. [AgCult]

Il Futurismo «esce dall'armadio». Il movimento artistico italiano, intimamente legato al fascismo, in seguito a grandi mostre prende vigore e aumento il proprio valore di mercato. [El País]

La Bourse de Commerce, il museo parigino di François Pinault, che si apre il 22 maggio, è la consacrazione del magnate bretone, e ne costituisce una sorta di monumentale autoritratto. [Le Figaro]

La prima serigrafia digitale unica delle Gallerie degli Uffizi, autenticata da Blockchain e protetta da brevetto, è del «Tondo Doni» di Michelangelo. Dalla sua vendita gli Uffizi hanno ricevuto 70mila euro. [Ansa]

Il 19 maggio, a partire dalle ore 17.00, si terrà un convegno di studi, in modalità online e con partecipazione libera, su «Arte ed economia: un rapporto dinamico per la ripresa del Paese», organizzato dalla Società Italiana di Avvocati Amministrativisti (Siaa) e dal corso di «Tutela e gestione dei beni culturali» dell’Università degli Studi Internazionali di Roma (Unint), coordinato dalla professoressa Benedetta Lubrano. Registrazione sul sito dell'associazione. [AgCult]

Presso il piccolo comune spagnolo di Poza de la Sal, presso Burgos, viene alla luce la città romana di Flaviaugusta, con case d'abitazione, necropoli, piazze, muri ed edifici pubblici. [El País]

Apre al pubblico il 22 maggio una nuova sezione permanente del Mic-Museo internazionale delle ceramiche di Faenza (Ra), «Ceramiche popolari, design e rivestimenti, tra passato e futuro», articolata in tre sezioni: ceramiche popolari del XVIII-XX secolo; piastrelle industriali del XX e XXI secolo e prodotti del design del XX e XXI secolo. [Ansa]

Carlo d'Inghilterra ha iniziato le consultazioni tra i membri della famiglia dei Windsor sulla possibilità di aprire tutto l’anno al pubblico tutte le regge (Buckingham Palace, Clarence House, Sandringham, Balmoral in Scozia ecc), quando salirà sul trono. [Corriere della Sera]

Katerina Gregos è il nuovo direttore artistico del Museo di Arte Contemporanea di Atene. L'istituzione greca, che riapre dopo una lunga chiusura per la pandemia, guarda a una «nuova era» dopo un periodo difficile. [The Art Newspaper]

La Direzione Regionale Musei Puglia ha un nuovo Direttore, Luca Mercuri. Nato nel 1980, è laureato in Archeologia e in Storia dell’Arte, specializzato in Archeologia alla Scuola Archeologica Italiana di Atene e dottore di ricerca in Storia, archeologia e antropologia del mondo antico.

Laura Aldorisio ha incontrato Fabrizio Geronimo, il custode dei 200 pezzi della collezione di orologi del Quirinale che scandiscono la vita dentro e fuori il palazzo presidenziale. A questi manufatti lavorano artigiani, doratori, ebanisti e liutai. [Corriere della Sera]

Riaperture
Il 17 maggio a Barumini (provincia del Sud Sardegna) riaprono il sito Unesco di Su Nuraxi, il polo museale «Casa Zapata» e le sale del Centro culturale Giovanni Lilliu. [Ansa]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE