Giorno per giorno nell'arte | 16 marzo 2021

Il rapporto annuale di Art Basel e Ubs | Il Klimt restituito dal Musée d'Orsay | Il Consiglio di Stato dà ragione al MiC sulla Certosa di Trisulti | La giornata in 12 notizie

Redazione |

Il mercato mondiale dell'arte retrocede alle cifre del 2009. Lo afferma il rapporto annuale di Art Basel e Ubs, che registra il boom di gallerie virtuali, alcune retromarce sul fronte dell'uguaglianza e prevede che le prossime edizioni delle fiere d'arte saranno ibride e più selettive. [The Art Newspaper]

La Francia intende restituire a una famiglia ebraica un quadro di Gustav Klimt che le era stato sottratto dai nazisti nel 1938 in Austria. «Rose sotto gli alberi» verrà restituito alla famiglia di Nora Stiasny, una vittima dell'Olocausto spodestata dei suoi beni durante una vendita coatta nell'agosto del 1938. [Ansa]

Per il Consiglio di Stato ha avuto ragione il MiC sulla Certosa di Trisulti: l'Associazione vicina a Steve Bannon non aveva secondo i giudici ammministrativi i requisiti per partecipare. [AgCult]

Il decalogo di Venezia e Firenze al governo Draghi: i sindaci delle due città d'arte Brugnaro e Nardella riassumono in un documento dieci punti sulle iniziative indispensabili da intraprendere per il rilancio delle due città e di altri luoghi-simbolo della cultura italiana. [la Repubblica]

A Michoacán, nel Messico, decine di cappelle con splendide decorazioni policrome rimangono tagliate fuori dal turismo «mainstream», e attendono protezione dopo che un incendio ha distrutto la chiesa di Nurio. [El País]

Il 18 marzo appuntamento tra 12 direttori di musei di tutto il mondo sotto l'egida dell'Unesco in un dibattito online sul futuro dei musei. La discussione (prevista dalle 14 alle 17) verterà sull'impatto del Covid sulle loro istituzioni, su come stanno affrontando la situazione e preparando il futuro. [AgCult]

La tomba di una donna del V secolo scoperta in Repubblica Ceca nel 2019 svela i suoi segreti. Alcuni ricercatori del Museo della Boemia Orientale a Hradec Králové hanno pubblicato le loro conclusioni. [Le Figaro]

In Israele, nel deserto della Giudea, sono stati scoperti nuovi frammenti biblici, scritti principalmente in greco e databili a circa 2mila anni fa. Sono i primi ad essere ritrovati da 60 anni. [La Stampa]

Sempre a proposito del Sidereus Nuncius di Galileo Galilei rubato alla Biblioteca Nacional di Madrid: una sua copia fu venduta nel 2005 presso la casa d'aste Sotheby's. [El País]

La mostra «Reinas» (che presenta opere di quattro artiste sarde: Maria Lai, Zaza Calzia, Rosanna Rossi e Lalla Lussu), ospitata dal Museo Ettore Fico a Torino, è stata prorogata fino al 20 giugno. A cura di Efisio Carbone. [Il Sole 24 Ore]

Classici per ragazzi con copertine anni Trenta ed eleganti volumi con grafica di fine Ottocento. Il ritorno all'antico è una nuova tendenza dell'industria culturale, da non confondersi con il gusto vintage. [la Repubblica]

Viktor Sørless e Juiñi, con la collaborazione di Fernanda Raíz, collezionista d’arte e attivista ambientale, hanno progettato Xinatli: un nuovo museo ispirato all'architettura Maya, che sorgerà in un’area forestale di 90 ettari nella foresta pluviale messicana, colpita da disboscamento illegale. [Exibart]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE