Giorno per giorno nell’arte | 15 dicembre 2021

Lesley Lokko è la nuova direttrice della Biennale dell’Architettura | Il ruolo degli artisti nel «divorzio» tra il Metropolitan e i Sackler | Individuata la possibile ubicazione del Tempio di Ercole Gaditano | Avviati gli scavi della Domus di Porto Torres | La giornata in 16 notizie

Lesley Lokko
Redazione |

Lesley Lokko è la nuova direttrice della Biennale dell’Architettura di Venezia. L’architetta ghanese-scozzese è anche docente di architettura e scrittrice. Nel 2020 ha fondato ad Accra, in Ghana, l’African Futures Institute, scuola di specializzazione in architettura che tuttora dirige. Curerà la 18ma edizione della Mostra Internazionale di Architettura nella città lagunare, che si terrà dal 20 maggio al 26 novembre 2023. [La Biennale di Venezia]

Patrick Radden Keefe rivela un retroscena a proposito del «divorzio» tra il Metropolitan Museum e la famiglia Sackler: dietro la decisione hanno svolto un ruolo determinante oltre 70 artisti, tra cui Richard Serra, Kara Walker, Maurizio CattelanAi Weiwei. [The Newyorker]

In Spagna è stata individuata la possibile ubicazione del Tempio di Ercole Gaditano, uno dei «Sacri Graal» dell’archeologia. Un team di studiosi dell’Iaph (Instituto Andaluz del Patrimonio Histórico) ha rilevato tracce di un edificio monumentale romano e fenicio grazie allo studio di foto aeree con nuove tecnologie. [El País]

Porto Torres (Ss) sono stati avviati i lavori di scavo, restauro e valorizzazione del complesso residenziale della Domus dei Mosaici marini, una villa signorile di età romana imperiale situata all’interno dell’area archeologica. Il progetto è finanziato dal MiC con 577.200 euro. [L’Unione Sarda]

Ad Ancona è stata presentata l’iniziativa «Archeopaesaggio del Conero» per la valorizzazione dei numerosi reperti ritrovati nel 1989 nella Tomba della Regina nell’area archeologica I Pini, tra Numana e Sirolo, ora conservati nell’Antiquarium Statale di Numana: indossando un «oculus 3D» li si vedrà in un film in realtà aumentata. [Ansa]

A Firenze Palazzo Strozzi è stato imbrattato nella notte tra il 13 e il 14 dicembre con un’enorme scritta bianca: «Jeff Koons marry me». Fortunatamente, secondo gli esperti intervenuti, si tratterebbe di vernice ad acqua facilmente rimuovibile. [La Nazione]

Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino, anticipa le linee generali dei festeggiamenti dei 200 anni, che si terranno nel 2024. [la Repubblica]

La giornalista Eva Orúe è la prima donna nominata direttrice della Fiera del Libro di Madrid. Scrittrice e esperta di gestione culturale, è stata scelta per il periodo 2022-2024. Sostituisce Manuel Gil, che ha ricoperto la carica per 5 anni. [El País]

Dal 15 dicembre prende il via il nuovo progetto di intelligenza artificiale della Galleria dell’Accademia di Firenze: «Chatta col David». Protagonista sarà proprio la scultura simbolo del museo fiorentino, il David di Michelangelo, che chatterà con i suoi ammiratori. [La Stampa]

Uno sguardo su Riyadh Art, il maggior festival d’arte pubblica in Arabia Saudita, con progetti immobiliari, culturali e artistici in una città che sta crescendo con l’aiuto del know how italiano. [Il Sole 24 Ore]

Si annuncia una mostra di Elmgreen & Dragset alla Fondazione Prada. Si terrà dal 31 marzo al 22 agosto, e consisterà in una serie di installazioni immersive su una superficie di oltre 3mila metri quadrati.

Il 14 dicembre l’aula del Senato ha approvato all’unanimità il disegno di legge riguardante i reati contro il patrimonio culturale. Il ddl torna ora alla Camera per la definitiva approvazione. [AgenziaCult]

A Milano la casa d’aste Cambi ha battuto all’asta a 300mila euro, in soli 3 minuti e 37 secondi, uno scheletro fossile di ipacrosauro lungo quattro metri. Il fossile resterà in Italia. [Corriere della Sera]

Ritratto della Capitale Europea della Cultura 2022: è Esch-sur-Alzette, città lussemburghese centro della cultura industriale. Dal 26 gennaio propone un cartellone di iniziative per «trovare nuovi cammini di sviluppo attraverso le culture». [Il Sole 24 Ore]

Sfre
(Services for Real Estate), società specializzata in immobili di logistica e light-industrial, nel 2021 ha contribuito a sostenere il progetto Adam (Archiviazione Digitale Duomo Archivio Museo) con l’obiettivo di tutelare l’intera memoria storica del simbolo di Milano. L’Archivio della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano conserva un patrimonio di grande valore documentario sia della Cattedrale, sia della città di Milano.

Mostre che chiudono
Milano la Fondazione Sozzani presenta, fino all’8 gennaio, l’esposizione del World Press Photo 2021 64ma edizione del concorso aperto ai professionisti di tutto il mondo che abbiano fotografato un avvenimento o sviluppato un progetto di forte rilevanza giornalistica.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione