Giorno per giorno nell'arte | 13 settembre 2021

Parte il restauro della Porta dei Cornacchini, al Duomo di Firenze | La nuova arte contemporanea all'Armory Show | La collezione Macklowe da Sotheby's | La giornata in 13 notizie

La figura del leone alla Porta dei Cornacchini
Redazione |

Partono il 13 settembre a Firenze i lavori di montaggio del cantiere di restauro della trecentesca Porta dei Cornacchini, sul lato nord della Cattedrale, che andranno avanti per due settimane. Il restauro terminerà entro la fine di dicembre 2021. Della celebre Porta fa parte la figura del Leone, di cui Giovanni Cavalcanti nelle sue Istorie fiorentine narra un aneddoto: ai primi del Quattrocento un certo Anselmo era ossessionato da un sogno in cui veniva sbranato da un leone identico a quello in questione. Per sfidare la sorte, un giorno Anselmo mise la sua mano in bocca alla figura: ma uno scorpione velenoso lì annidato lo punse a un dito, uccidendolo. [AgCult]

Il polso della nuova arte contemporanea si tasta all'Armory Show di New York (ospitata in una location nuova e molto moderna, allo Javits Center), che segna la ripartenza con le ultime tendenze di mercato, che premiano artisti afroamericani, nativi e le minoranze. Ecco i 10 migliori stand. [ArtNews]

Sotheby's ha annunciato per il prossimo 15 novembre la dispersione della collezione degli ex coniugi Macklowe (Harry Macklowe è un magnate dell'edilizia newyorkese) di opere d'arte del XX e XXI secolo. Totale stimato di incasso: 600 milioni di dollari. [Il Sole 24 Ore]

L'Arco di Trionfo a Parigi dal 18 settembre al 3 ottobre sarà impacchettato con 25 mila metri quadrati di tessuto in polipropilene e 7 mila metri di corda in omaggio e secondo i progetti dell'artista Christo, morto circa un anno fa. La realizzazione dell'opera viene supervisionata dal nipote dell'artista, Vladimir Javacheff, in coordinamento con il museo Pompidou e le autorità francesi. [Le Figaro]

Colloquio di Beatrice Hodgkin con Damien Hirst sulle sue ultime attività e sulle mostre aperte a Parigi e a Roma, con orizzonti aperti dall'arte figurativa fino alla criptoarte. [Il Sole 24 Ore]

Il Kunstmuseum di Basilea in una grande mostra riposiziona l'arte di Camille Pissarro (meno conosciuta di quella di Monet o di Renoir) alla confluenza delle tendenze moderne che agitarono la Belle Epoque. [Le Figaro]

Ángeles García presenta la mostra «La macchina Magritte», che si potrà visitare dal 14 settembre al 30 gennaio al Museo Thyssen di Madrid: 95 dipinti e un'installazione, che passano in rassegna tutte le grandi ossessioni dell'artista belga. [El País]

Il gioielliere Tiffany & Co. ha chiesto all'artista Daniel Arsham una nuova versione della sua Blue Box (uno dei più celebri esempi di packaging legato al brand). Arsham ha concepito una serie limitata di 49 scatole blu-verdi, con una patina che evoca l'erosione marina dei metalli. [Le Monde]

È stato inaugurato nel fine settimana un nuovo allestimento al Museo del Capitolo della cattedrale di San Lorenzo di Perugia, ed è stata collocata in una sala apposita la «Pala di Sant'Onofrio» di Luca Signorelli, lì custodita. [Ansa]

«Raffaello alle Scuderie del Quirinale» («Raphael Revealed»), diretto da Phil Grabsky, è un documentario sulla più grande mostra di sempre dedicata al genio Raffaello Sanzio da Urbino, nel cinquecentenario dalla morte. Il film arriva alle sale cinematografiche, distribuito in sala da Adler Entertainment, il 13, 14 e 15 settembre. [Ansa]

Le ultime tendenze dell'architettura si sono discusse al Domaine de Boisbuchet, una dimora nella regione francese della Charente in cui nel 1986 fu fondato un centro di ricerca internazionale per il design e l'architettura. [El País]

Il 13 settembre a Bolzano alle 20.30, al festival Transart, viene proiettato in anteprima nazionale il documentario di Ai Weiwei sul virus del Covid-19 («Coronation»), ambientato a Wuhan, che l'artista ha realizzato con le immagini inviate dai suoi amici. [La Stampa]

Klaus Biesenbach, che finora ha diretto il Museum of Contemporary Art di Los Angeles (che ora verrà diretto da Joanna Burton), è stato nominato direttore della Neue Nationalgalerie di Berlino. Nominati anche due direttori per l'Hamburger Bahnhof, museo di arte contemporanea: a partire dal primo gennnaio 2022 saranno Sam Bardaouil e Till Fellrath. [The Art Newspaper]

© Riproduzione riservata La Porta dei Cornacchini al Duomo di Firenze
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE