Giorno per giorno nell’arte | 13 dicembre 2021

Istituito un tavolo permanente per la circolazione delle opere d’arte | La valorizzazione e fruizione dei beni culturali degli ospedali del Lazio | Un bilancio per il 2021 del mercato dell’arte | 100 opere escono dai depositi di 14 musei italiani per tornare nella città natale | La giornata in 24 notizie

Il Palazzo del Fulgor a Rimini
Redazione |

È stato costituito presso il Ministero della Cultura un tavolo permanente per la circolazione delle opere d’arte, composto da Capo dell’Ufficio legislativo (che lo presiede), Direttore dell’Agenzia delle accise, dogane e monopoli, Direttore generale Archeologia, belle arti e paesaggio, Direttore generale Archivi, Direttore generale Biblioteche e diritto d’autore, Direttore generale Creatività contemporanea, Direttore generale Musei, Soprintendente speciale Archeologia, belle arti e paesaggio di Roma, Dirigente del Servizio VI – Eventi, mostre e manifestazioni del Segretariato generale, Presidente dell’Associazione Antiquari d’Italia, Presidente dell’Associazione Gallerie Arte Moderna e contemporanea, Presidente dell’Associazione nazionale delle Case d’Aste italiane, Presidente della Federazione Italiana Mercanti d’Arte, Presidente di Logistica Arte, Giuseppe Calabi, avvocato nominato in qualità di esperto, la giornalista di mercato dell’arte Marilena Pirrelli e Francesco Salamone, avvocato nominato in qualità di esperto. [AgCult]

Con un accordo firmato dal ministro della Cultura Dario Franceschini e dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, prende avvio la valorizzazione e fruizione dei beni culturali degli ospedali di rilevante interesse storico, artistico e monumentale presenti sul territorio del Lazio. [Ansa]

L’analista di mercato dell’arte Georgina Adam traccia un bilancio dell’anno appena trascorso, un periodo rivoluzionario in cui il vecchio «ordine del mondo» è stato completamente rovesciato, tra gli Nft, Banksy e l’ascesa dell’Asia. [The Art Newspaper]

In Italia circa 480mila opere d’arte esposte nei musei, ma ben 4,5 milioni sono conservate nei depositi. Un centinaio di queste verranno cedute in prestito a lungo termine dai 14 musei cui appartengono a istituzioni dei luoghi in cui vennero concepite. Costo dell’operazione: 1 milione di euro. [Il Giornale dell'arte]

Nella collana Einaudi dei «Millenni» esce nelle librerie una raccolta di testi inediti in Italia di Aby Warburg. Da questi saggi emerge un arricchimento della definizione della sua figura che dalla storia dell’arte sconfina nell’antropologia. [Avvenire]

L'intervista della giornalista Francesca Pini a Vittorio Sgarbi verte sul suo nuovo libro su Raffaello (direttamente trascritto da uno spettacolo teatrale), di vicende relative a opere dell’Urbinate e di alcuni risvolti della vita pubblica e privata del critico ferrarese. [Corriere della Sera]

In genere quando si considera la realtà palestinese ci si concentra sulla situazione politica e sugli attacchi terroristici, per cui «Il Fatto quotidiano» analizza aspirazionisogni della popolazione giovanile, soprattutto in campo culturale. [Il Fatto quotidiano]

Annunciati i 10 vincitori del Chanel Next Prize, un nuovo premio biennale che il marchio francese ha istituito nei settori del film, della musica, della performance e dell’arte visiva. [ArtNews]

A Bristol si celebra il processo contro i manifestanti che hanno distrutto un monumento che ricordava la figura di Edward Colston, un imprenditore che fondò la propria ricchezza su mercato degli schiavi. [Le Figaro]

Ha aperto a Venezia, in un palazzo ottocentesco restaurato, la Fondazione Rubelli. Appartiene al marchio veneziano attivo da oltre 150 anni nella produzione di tessuti e di oggetti di arredamento. Accanto alle collezioni recenti figurano velluti databili dal XIV secolo, documenti e una grande biblioteca di volumi su Venezia. [Il Gazzettino]

Un libro curato da Cecilia Frosinini, storica dell’arte già direttrice del settore Pitture Murali dell’Opificio delle Pietre Dure, racconta il restauro delle Sale dei Pianeti di Palazzo Pitti. [La Nazione]

Il Comune di Livorno, con una delibera di giunta, ha stanziato 200mila euro per la completa ristrutturazione della Biblioteca Labronica, ospitata da Villa Fabbricotti. [LivornoToday]

I musei, già oppressi dal periodo di pandemia, soffrono anche delle forti limitazioni imposte dalle censure dei social sulla nudità, proprio in un momento in cui le strategie nel digitale sono fondamentali. [Le Figaro

Il 19 dicembre a Racconigi (Cn) in Palazzo Pochettino si inaugura la Pinacoteca Civica Levis-Sismonda. L’attività del museo inizia con due mostre, una retrospettiva dedicata a Giuseppe Augusto Levis e un’antologica che celebra i dieci anni dalla scomparsa di Carlo Sismonda, pittori del Novecento nativi di Racconigi. [La Stampa]

Dalla prossima primavera prendono il via in Cina le mostre con opere degli Uffizi. Ma perché mentre il Ministero dice di allentare la pressione turistica sulle città d’arte si spediscono tante opere dall’altra parte del mondo con un irresistibile effetto-richiamo? [Il Fatto quotidiano]

Il 12 dicembre a Rimini si è aperto al pubblico Palazzo del Fulgor, che completa il Fellini Museum. L’inaugurazione è stata preceduta da uno spettacolo di videomapping in piazza Malatesta. [Ansa]

A San Severino Marche si è concluso il restauro del Palazzo dei Governatori danneggiato dal terremoto del 2016-17. L’edificio, risalente al XVII secolo, attualmente accoglie l’ufficio del Sindaco, la sala Consiliare, alcuni uffici della struttura comunale e la Biblioteca Francesco Antolisei, dove sono conservati oltre 30mila volumi editi tra il XV e il XVIII secolo tra i quali più di 200 manoscritti, 70 incunaboli e oltre 1.500 edizioni cinquecentesche. [Il Cittadino di Recanati]

A Kabul il poeta e scrittore afghano Javed Farhad è costretto, per pagare l’affitto della casa dove vive e poter sostentare la propria famiglia, a vendere la propria biblioteca. [El País]

L’11 dicembre ha riaperto la Pinacoteca di Faenza (Ra) dopo una lunga chiusura per lavori. Il riallestimento è stato realizzato anche grazie a un contributo della Regione Emilia Romagna. [Il Resto del Carlino]

Sono terminati i lavori di restauro, avviati nel marzo del 2019 per riparare i danni del terremoto del 2012 alla Chiesa della Visitazione a Ferrara, edificata a partire dal 1526. Con un costo di 1,2 milioni, sono consistiti in un’imponente opera di consolidamento, riparazione e rinforzo strutturale. [Ansa]

Quali opere vengono salvate dai musei in caso di emergenza? Esiste una lista di priorità, in caso per esempio di incendio: ma sceglierle è difficile. [ilpost.it]

È l’architetto David Adjaye l’autore dei progetti del Barbados Heritage District, che dovrebbe essere inaugurato il 30 novembre 2022 sull’isola di Barbados. Situato nei pressi del cimitero di Newton, dove si trovano i resti di 570 schiavi africani, il progetto sarà dedicato alla storia della schiavitù. [La Stampa]

Mostre che aprono

A Napoli la Shazar Gallery ha aperto l’11 dicembre (e la ospita fino al 6 febbraio) «Entropy#8», la prima personale italiana dell’iraniana Saghar Daeiri, a cura di Marina Guida. L’artista, di base a Istanbul, presenta dipinti, acquerelli e microinstallazioni che narrano un sistema umano e sociale prossimo al collasso. Attenta alla rappresentazione critica e grottesca della società in cui vive, la Daeiri affronta il disordine all’interno di un sistema, l’entropia appunto, con un linguaggio visivo che deforma l’immagine fisica, ne trasforma le fattezze lanciando segnali di disfacimento. Gli spazi napoletani accolgono elementi distruttivi e forze destabilizzanti in un sistema chiuso, un buco nero che intercetta il caos latente nell’ordine sociale. È la sovversione che dà adito a soluzioni fittizie, la salvezza diventa essa stessa disordine, mentre il nuovo ordine veicola abitudini che sembrano destabilizzate. I personaggi dipinti dall’artista iraniana affollano ambientazioni ambigue, vivono contemporaneamente episodi, situazioni e posture sociali che sfociano in drammi, in un susseguirsi di frenesie vorticose dai colori accesi e brillanti. La tensione termina in un vortice imperturbabile, dove tutto si ferma per finire in un colore unico e assoluto, in un silenzio privo di speranza. [Graziella Melania Geraci]

Addii
È scomparso il 7 dicembre, all’età di 83 anni, il collezionista d’arte belga Anton Herbert. Con la moglie Annick aveva assemblato una grande collezione di arte concettuale e minimalista, collocata dal 2013 in una Fondazione con sede a Gand. [Le Monde]

© Riproduzione riservata La Chiesa della Visitazione a Ferrara
Altri articoli di Redazione