Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 10 aprile 2019

Riaperta Casa Hugo | Jeremy Irons per il Prado | Alla Tate l'arte è «slow» | La giornata in 12 notizie

La facciata lato giardino di Hauteville House, la dimora di Victor Hugo sull'isola di Guernsey. © Odile Blanchette - Maisons de Victor Hugo

I colori di Hauteville House. Ha riaperto al pubblico il 6 aprile, dopo 18 mesi di lavori di ristrutturazione, Hauteville House, la casa sull'isola inglese di Guernsey dove Victor Hugo trascorse il suo esilio dal 1856 al 1870, una dimora in cui si possono ammirare quadri e arredi d'epoca. [Le Figaro]

Jeremy Irons tra le meraviglie del Prado.
Presentato al pubblico dall'attore Jeremy Irons, che funge da guida e da voce narrante, il film documentario sul Museo del Prado di Madrid, realizzato in occasione dei 200 anni di vita dell'istituzione spagnola e diretto da Valeria Parisi. Nelle sale italiane arriva dal 15 al 17 aprile. [la Repubblica]

«Slow looking» alla Tate. Il «Corriere» pubblica un servizio sull'iniziativa dei musei britannici del gruppo Tate che invitano i loro visitatori a soffermarsi più a lungo sui capolavori: a fronte agli otto secondi che il visitatore medio dedica alla visione di un'opera, sarebbe opportuno dedicarvi invece anche dieci minuti. Come davanti a un menù si scelgono i piatti preferiti per gustarseli con calma, altrettanto bisognerebbe fare nel caso di una mostra, che costituisce appunto un'occasione di riflessione, non un percorso a tappe forzate. [Corriere della Sera]

Il Lacma si espande. Il «Board of supervisors» del Los Angeles County Museum of Art ha approvato unanimemente un'espansione del museo californiano da 650 milioni di dollari progettata dall'architetto svizzero Peter Zumthor. La nuova ala rimpiazzerà edifici esistenti sull'«East Campus» dell'istituzione, edifici che risalgono agli anni Sessanta e Ottanta del secolo scorso.  [The Art Newspaper]

Design ormai è un termine abusato. La «Repubblica» dedica una pagina all'intervista con Mario Bellini, otto volte Compasso d'oro, presente a Milano per il Salone del Mobile, sui contemporanei intrecci tra disegno, tecnologia, industria e cultura. [la Repubblica]

Ritrovati oltre seimila ex-voto. Un'indagine dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Monza sui furti di opere dalle chiese italiane ha portato a scoprire, dopo quattro anni, l'incredibile collezione di dipinti ex voto custodita da Eugenio Cefis, l'ex numero uno di Montedison scomparso nel 2004 a 82 anni. [Il Giornale]

L'Egizio di Torino a spasso per la città. Assieme alla chiusura di bilancio che registra l'aumento dei visitatori, il Museo Egizio di Torino presenta la sua mostra itinerante in giro per le biblioteche di periferia, un'occasione in più per avvicinare i cittadini al suo patrimonio unico al mondo. [Corriere della Sera - Torino]

La civiltà minoica oggi è un po' meno misteriosa. «Le Monde» esce con uno speciale di tre pagine sugli ultimi studi degli archeologi statunitensi e francesi sulla civiltà minoica a Creta, di remota origine ma di recente scoperta. Dallo studio delle tavolette d'argilla sono emerse novità sopratutto riguardo alle sepolture collettive e al sistema di organizzazione delle città. [Le Monde]

Le «Cellule» di Gordillo in dono a Siviglia. L'artista spagnolo Luis Gordillo ha regalato 34 sue opere al Municipio di Siviglia, che le ha messe in mostra dal 9 aprile nel suo nuovo Espacio Santa Clara. Le tele, realizzate nel 1995, appartengono alla serie «Celulario», ispirata agli organismi microscopici. [El País]

Tre nuove sculture di Dalí. Pubblicata la prima parte del catalogo dedicato alle opere scultoree di Salvador Dalí, con una sorpresa: tra i 34 pezzi presi in esame, realizzati tra il 1931 e il 1936, ci sono tre opere inedite per gli studiosi. [El País]

«Horror on the Hudson». Stroncatura architettonica per il nuovo megaprogetto degli Hudson Yards, il nuovo quartiere newyorkese inaugurato il mese scorso, dal costo di 25 miliardi di dollari. Poca cura nei dettagli e scelte di materiali che richiederanno continua manutenzione, e con un senso poco piacevole di ingabbiamento dato dalla particolare struttura degli edifici. Oltre a ciò è un luogo per ultraricchi: un taglio di capelli costa 800 dollari, per un appartamento «duplex» in un complesso di prestigio si pagano fino a 32 milioni di dollari. [The Guardian]

Pompei e la meccanica del Vesuvio. Il sito archeologico di Pompei è in grado di aiutare anche i vulcanologi: dallo studio della città e dalle testimonianze dei sopravvissuti gli scienziati sono riusciti a ricostruire più nello specifico le dinamiche dell'eruzione del 79 d.C. [The Times]

Redazione, edizione online, 10 aprile 2019


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012