Giorno per giorno nell'arte | 1 ottobre 2020

Una copia del David di Michelangelo a Dubai nel 2021 | Il Guggenheim riapre con Pollock | Il Victoria & Albert taglierà più di 100 posti di lavoro | La giornata in 12 notizie

Redazione |

Sarà il David di Michelangelo (un suo gemello) a rappresentare l’Italia a Dubai nel 2021. Cinque metri e 17 centimetri di altezza, cinque tonnellate e 600 chili di marmo di Carrara simbolo del Rinascimento e di Firenze, il capolavoro sarà l’icona di una nuova rinascita mondiale al prossimo Expo mondiale di Dubai del 2021 dopo la catastrofe del Covid. Ma si tratterà di una copia. Verrà realizzata con la più grande stampante 3D al mondo (progettata in Italia) e sarà custodita nel Teatro della Memoria, al centro del Padiglione Italia. [Corriere della Sera]

A New York il 3 ottobre il Guggenheim Museum riapre con un Pollock monumentale.
Dopo la chiusura forzata per la pandemia di Covid-19 il Guggenheim di New York riapre il 3 ottobre e riparte esponendo «Away from the Easel: Jackson Pollock's Mural», di Jackson Pollock. Il murale fu commissionato da Peggy Guggenheim per la sua casa di Manhattan nell'estate del 1943 e fu completato nello stesso anno. Largo quasi sette metri e altro circa due metri e mezzo, l'opera è il dipinto su tela più grande dell'artista americano. [Ansa]

Il Victoria & Albert Museum si prepara a tagliare più di 100 posti di lavoro. Per «assicurare la propria sopravvivenza», dice Tristram Hunt, il direttore del Victoria & Albert Museum di Londra, il museo londinese dovrà tagliare gli organici alle sue dipendenze di più di 100 unità. [The Art Newspaper]

A Udine sequestrato un bronzetto etrusco del II secolo a.C. Un bronzetto etrusco del II secolo a.C. è stato sequestrato dal Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri di Udine che lo hanno sottratto alla vendita online. L'opera, dal valore di 80 mila euro, sarà donata al Museo Nazionale Etrusco di Chiusi (Si), territorio dal quale, secondo le indagini, sarebbe stato rubato in epoca imprecisata. [AgCult]

Interventi programmati dal Mibact: 201 milioni per il triennio, 33 milioni per il 2020. Ammontano a 201.433.789,65 euro gli interventi programmati dal Ministero per i Beni culturali nel programma triennale dei lavori pubblici 2020-2022 (+3.499.438,42 euro rispetto al triennio 2019-2021). Di questi 33.106.616,07 euro sono stati stanziati per il 2020 (+11.045.222,2 euro rispetto al 2018). [AgCult]

I problemi delle restituzioni «coloniali» di opere d'arte. La restituzione degli oggetti sottratti durante la colonizzazione in Africa ed esposti nei musei francesi si scontra con numerose difficoltà e resta minima. [Le Monde]

Il grattacielo-oasi più costoso del mondo sorgerà ad Hong Kong. Zaha Hadid Architects, lo studio di architettura britannico fondato dal celebre architetto britannico-iracheno, ha svelato il suo progetto per un grattacielo di 36 piani in vetro, che sorgerà a Hong Kong in Murray Road 2, su uno dei terreni più costosi mai venduti al mondo. I lavori, già in corso, dovrebbero terminare nell'autunno del 2023. [La Stampa]

Le gallerie d'arte rilanciano e cercano nuovi spazi. I mercanti d'arte stanno cercando nuove soluzioni per rivolgersi ai collezionisti e investono in nuovi immobili nonostante la situazione instabile. I casi delle gallerie milanesi Tempesta Gallery, Luca Castiglioni, Loom Gallery e a Londra quelli di Niru Ratman, Lehmann Maupin e Stephen Friedman. [Il Sole 24 Ore]

Tre Derain saranno restituiti dallo Stato francese agli eredi di René Gimpel. La Corte d'Appello di Parigi ha condannato lo Stato francese a riconsegnare tre tele dell'artista fauve agli eredi del grande mercante e collezionista René Gimpel. Le opere sono ora conservate al Musée d'Art Moderne di Troyes e al Musée Cantini di Marsiglia. [Le Figaro]

Torna Invito a Palazzo, l'arte nelle banche. Invito a Palazzo, la manifestazione autunnale promossa dall'Abi, torna per il 19mo anno il prossimo 3 ottobre. L'edizione 2020 si allungherà fino al 10 ottobre in forma digitale con eventi live streaming, video e visite virtuali sui portali delle Banche, delle Fondazioni e della Banca d'Italia. [Ansa]

Gauguin e gli impressionisti alla Royal Academy. Sessanta opere della collezione Hansen sono alla Royal Academy di Londra, per la prima mostra aperta al pubblico dopo la chiusura forzata del museo e per il loro debutto in Gran Bretagna. «Gauguin and the Impressionists: capolavori dalla collezione Ordrupgaard» è aperta alla Royal Academy di Londra fino al 18 ottobre. [Il Sole 24 Ore]

Addii

La scomparsa di Quino. Joaquín Salvador Lavado Tejón, in arte Quino, disegnatore e fumettista argentino (di genitori spagnoli, emigrati in Argentina negli anni Trenta del XX secolo), creatore del personaggio di Mafalda, è morto il 30 settembre a Buenos Aires, all'età di 88 anni, per i postumi di un ictus. Nel suo settore era l'autore ispanofono più internazionale e più tradotto del mondo. [El País]

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Redazione
Altri articoli in GIORNO PER GIORNO NELL'ARTE